Brescia, il 14 i revisori legali a congresso. Baresi: la nostra firma come quella dei notai

0

(a.t.) Venerdì 14 ottobre, dalle 9 alle 18, il centro congressi della Camera di commercio di Brescia ospiterà il secondo congresso italo-europeo dell’Istituto Nazionale Revisori Legali (Inrl). Tema della giornata – promossa da Virgilio Baresi e patrocinata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea – sarà “Il revisore legale oggi”, alla luce degli importanti cambiamenti normativi intervenuti di recente. A presentare l’iniziativa è stato questa mattina Baresi, durante una conferenza stampa a cui erano presenti anche l’ex deputato Luigi Maninetti (consigliere nazionale dell’Istituto) e Diletta Scaglia (delegato provinciale).

L’apertura dei lavori è prevista per le 9, con gli interventi di Gianni Pittella (“presidente in pectore del Parlamento europeo”) e le relazioni tecnico professionali di Caterina Garufi, Michele Dipace e Anna Maria Ruggieri. A seguire, dalle 12.30, la sottoscrizione del primo contratto collettivo di lavoro italo-europeo Inrl-Cisal, l’approvazione di una mozione. La sessione riprenderà dalle 15.15 per chiudersi alle 18.

Tra gli altri interverranno Francesco Alfonso (capo segreteria del ministro dell’Economia), Mario Baccini (presidente del Microcredito italo-europeo), Alain Deckers (capo unità Commissione Ue per i servizi finanziari, in videocollegamento), Francesco Cavallaro (segretario generale Cisal), Guido D’Amico (presidente Confimprese Italia), Angelo Deiana (presidente Confassociazioni), Michele Dipace (avvocato generale dello Stato emerito), Maria Cosimo (sottosegretario alla Giustizia), Caterina Garufi (consigliere Ufficio legislativo ministro Giustizia), Eleonora Marziani (presidente Fondazione Oreste Bertucci) e Gaetano Stella (presidente Conprofessioni Italia).

“In questa occasione”, ha commentato Baresi durante la conferenza, “presenteremo anche le novità legislative che riguardano i circa 160mila revisori legali d’Italia, di cui oltre un migliaio nel Bresciano. La riforma della nostra professione”, ha spiegato, “affonda le radici nel decreto legislativo 39/2010 che fu approvato grazie anche all’interessamento dell’allora sottosegretario bresciano Daniele Molgora. E oggi sono arrivate novità importanti. Innanzitutto la separazione del revisore rispetto alla figura del commercialista, visto che dal primo gennaio i nuovi commercialisti dovranno sostenere un esame di Stato aggiuntivo e fare un praticantato di 36 mesi per iscriversi all’albo dei revisori. In secondo luogo il fatto che i revisori risponderanno in proprio – civilmente e penalmente – del danno eventualmente creato alle realtà pubbliche, diventando in questo modo sempre più figure indipendenti che tutelano i cittadini. La firma del revisore”, ha concluso Baresi, “dal punto di vista della responsabilità sarà pari a quella del notaio”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY