Freccia Rossa, i portoghesi di Sonae pronti a mettere in vendita la loro quota

0
Bsnews whatsapp

C’è grande fermento nel mondo dei centri commerciali bresciani. Pochi giorni dopo l’apertura di Elnòs e pochi giorni prima dell’apertura di Scalo Milano (finanziato dalla famiglia Lonati), infatti, è emersa la notizia che il centro commerciale Freccia Rossa è in vendita. A riportarla è il Corsera, secondo cui i portoghesi di Sonae Sierra sarebbero pronti – da mesi, peraltro – a mettere sul mercato il 50 per cento delle azioni del centro commerciale (la restante metà fa capo per il 40% alla lussemburghese Baigre, del gruppo statunitense Aig, e per il 10% alla Coimpredil della famiglia Pisa).

Il Freccia Rossa – inaugurato otto anni fa – è costato circa 144 milioni di euro. I visitatori si aggirano attorno a quota 7,4 milioni, non molto meno degli obiettivi fissati da Ikea e Scalo. Secondo i dati diffusi dal Corriere l’occupancy è al 99,2% e il fatturato dei negozi vale 6 milioni al mese (+0,8%). Nel 2015 il bilancio è stato positivo per 873mila euro.

Formalmente per Sonae nessuna paura di Elnòs. “Sicuramente lo scenario competitivo bresciano vivrà un importante momento di cambiamento, – si legge – Elnòs allarga l’offerta ed è un competitor di grande rilevanza ma a differenza dei classici centri commerciali Freccia Rossa ha forte capacità attrattiva sia provinciale che urbana. Abbiamo ottimi rapporti con le istituzioni e le realtà socio-culturali della città e ogni anno investiamo per migliorare il nostro centro”. Ma sono in molti a ritenere che il centro di Ikea possa porsi in concorrenza diretta con il Freccia Rossa (e con Le Rondinelle) più che con tutti gli altri centri commerciali bresciani.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI