Marcheno, auto all’asta e rischio fallimento per la fonderia dell’omicidio Bozzoli

0
Bsnews whatsapp

I debiti sono scesi da 26 a 15 milioni (di cui 11 verso le banche). Ma non sarà facile trovare un acquirente per la fonderia di Marcheno teatro del presunto omicidio di Mario Bozzoli. L’azienda – che nel 2014 aveva fatturato 43 milioni di euro – non è operativa da mesi e, se non arriverà un cavaliere bianco, la strada già definita è quella del fallimento.

In attesa delle risposte il curatore Rizzardi ha dovuto provvedere al licenziamento dei 14 dipendenti e ora si appresta a vendere i pochi beni rimasti. Uno dei nipoti di Mario, Alex (accusato dell’omicidio), ha dovuto lasciare la casa in cui viveva perché di proprietà dell’azienda e all’asta sono finite 15 auto.

Entro le 12.30 del 25 ottobre si possono presentare al notaio Mario Mistretta di via Malta, Brescia, offerte per le seguenti auto: Audi Q5 del 2011 a 16500 euro, Bmw X6 a 16500, Mercedes Ml320 a 8500, Porsche Cayenne a 37mila euro, X1 a 14500 euro, Mercedes G320 a 26000 euro, Fiat Panda 4×4 del 2007 a 3000 euro, Mini One del 2015 a 18000 euro, una Wolkswagen Golf del 2014 a 13500 euro, Renault Kangoo del 2002 a 500 euro e Bmw 730 a 8500 euro.  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI