Depurazione del Garda, Brescia e Verona unite per raggiungere l’obiettivo

0

Si è svolto a Brescia, nella sala consiliare di Palazzo Broletto, un incontro tra le Regioni Lombardia e Veneto, con gli assessori Terzi e Bottacin, in presenza del deputato Maria Stella Gelmini, presidente della Comunità del Garda, del presidente della Provincia Pier Luigi Mottinelli e di Giovanni Peretti, presidente Associazione Temporanea di Scopo (Ats) Garda Ambiente.

Con le premesse che il lago di Garda è un volano per l’economia del territorio e le sue acque dolci sono un patrimonio idrico nazionale (40%), è stata sottolineata l’urgenza di intervenire per affrontare un problema che concerne non solo le infrazioni Ue, ma che sta mettendo a rischio la salute stessa del lago.

Regione Lombardia e Regione Veneto, insieme, sono pronte a richiedere un finanziamento per la riqualificazione degli impianti: una procedura che riguarda gli Ato di Brescia e di Verona, che dovranno nominare un soggetto, individuato nell’Ats, delegato a interloquire con il Governo per reperire i fondi necessari.

Grazie anche alla fattiva collaborazione con i parlamentari del Pd Alessia Rotta per il territorio veronese e Giulio Galperti per quello bresciano, il territorio si è dunque dimostrato unito non solo negli intenti, ma anche materialmente per reperire risorse. Il sindaco di Sirmione, Alessandro Mattinzoli, ha infatti proposto di destinare una quota dell’imposta di soggiorno a questo scopo.

Si è ricordato che il sottosegretario Luca Lotti, presidente del Cipe, in una recente visita a Verona, ha garantito la disponibilità del Governo a finanziare l’opera con 100 milioni di euro.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome