Shopping a Campo Grande senza passare dalla cassa, nei guai quattro rumeni

0

Nel pomeriggio di domenica, alle 15,un equipaggio della Squadra volante è intervenuto al centro commerciale “Campo Grande” in seguito alla chiamata di un vigilante del supermercato Bennet, che aveva segnalato la presenza di quattro individui sospetti, tutti dell’Est Europa.

Tre di questi – secondo la segnalazione – si erano aggirati con fare ambiguo all’interno della galleria commerciale, mentre l’altro sembrava “fare da palo” tenendosi costantemente in contatto telefonico con gli altri. I tre avevano scaricato merce nel bagagliaio di una Peugeot Station Wagon con vetri scuri, e lo stesso avevano fatto alla vicina Oviesse.

L’arrivo della Volante ha interrotto la loro attività. I poliziotti hanno fermato l’auto, trovando nel bagagliaio jeans, felpe, magliette, cappellini, calze, confezioni di profumo ed infine un mouse.

Tre rumeni tra i 25 e i 37 anni sono stati indagati in stato di libertà per i reati di ricettazione in concorso e possesso di oggetti atti allo scasso. Il quarto uomo, un 40enne, con segnalazioni e condanne di Polizia per reati contro il patrimonio, aveva invece a proprio carico anche un Decreto di Ordine di Esecuzione per la carcerazione: per questo motivo, è stato portato al carcere di Canton Mombello per scontare una pena di tre mesi e 28 giorni di reclusione, con 400 euro di multa.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Caduta del muro di Berlino, allargamento dell’Unione Europea. Tutto bene, salvo verificare che poprio nei paesi aldilà della cosiddetta cortina di ferro c’è sempre più povertà e la ricchezza, quella che non è neanche minimamente ridistribuita, è nelle mani di pochissimi magnati stramilionari. In più, con la globalizzazione che significa libera circolazione di merci, capitali e lavoro, circolano soprattutto migliaia di sbandati che vivono alla giornata e delinquenti senza scrupoli. I quali, tra le mete preferite, scelgono ovviamente l’Italia buonista e garantista…

LEAVE A REPLY