Treni, Legambiente attacca: con la Tav crescono i disagi per i pendolari

0
Bsnews whatsapp

Con la Tav crescono i prezzi e calano i servizi per i pendolari bresciani che viaggiano lungo la Milano-Venezia. A dirlo è il responsabile regionale trasporti di Legambiente Dario Balotta, che – con una nota – interviene sulle ultime novità arrivare dal Pirellone (con il rischio di aumenti dei biglietti) incrociandole con la grande opera.

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO

 I pendolari bresciani sono sul piede di guerra perché le Frecce Bianche dal 10 dicembre diventerannoRosse e ciò farà aumentare le tariffe del 30%. Con il presumibile ritorno ai treni regionali  questi saranno ancor più presi d’assalto dai passeggeri e le condizioni di viaggio peggioreranno. La regione per conto di Trenord aveva promesso nuovi treni (Frecce verdi) che invece non sono all’orizzonte. Si lamentano anche i pendolari della bergamasca preoccupati di trovare nelle loro stazioni i treni già pieni che provengono da Brescia e diretti a Milano. Non solo ma l’innesto dei treni Tav a Treviglio sulla linea tradizionale comporterà un effetto “imbuto” e la modifica della collaudata simmetria oraria che porterà nuovi disagi (minori tempi di fermata nelle stazioni, minori possibilità di recuperare ritardi).

Scoprire che la TAV  della  Milano Venezia non aiuta, anzi danneggia il trasporto pendolare e merci è sconfortante. RFI e regione erano avvertiti dalla deludente apertura della tratta TAV Torino Milano una linea a 300 km/h frequentata da soli 32 treni al giorno spesso vuoti. La TAV ha bisogno di grandi distanze e di collegare grandi città per avere una giustificazione economica e raggiungere le performance tecniche di velocità. La tratta TorinoMilano Venezia è invece caratterizzata da tante e vicine aree urbane che si susseguono una dopo l’altra. Si tratta di una domanda di traffico prevalentemente pendolare/residenziale che necessità di treni locali, interregionali o intercity. Fortunatamente almeno  il raddoppio della linea Milano Treviglio, progettato trent’anni fa, è stato realizzato con gli standard tradizionali (velocità max 220 km/h) ed infatti consente il transito di ben 350 treni giornalieri Frecce, Regionali e merci  (180treni sulla linea storica e 228 sulla linea nuova). Diversa sarà invece la situazione della TAV Treviglio Brescia che permette il  transito di “soli” 220 treni al giorno, 52 Frecce Rosse sulla TAV e 168 treni (regionali e merci) sulla vecchia linea. I 40 km di TAV da Treviglio a Brescia, costati2,8 miliardi, possono essere esclusivamente utilizzati dai treni superveloci e ciò riduce  di 130 treni la capacità giornaliera della tratta. Ecco perché serve un ripensamento del progetto TAV Brescia-Verona.

Dario Balotta responsabile trasporti Legambiente della Lombardia

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI