Centro profughi a Montichiari, Rolfi: ci costerà oltre 3 milioni per i lavori

0
Bsnews whatsapp

“Oltre 3 milioni di euro per adibire un’ex caserma, che dovrebbe essere vincolata alla necessità di sviluppo dell’aeroporto, a centro profughi rappresentano una vergogna nazionale.” Così ha sostenuto il vice capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale, Fabio Rolfi.

“In un momento in cui migliaia di connazionali sono sfollati a causa del terremoto e si fatica a trovare le risorse per l’assistenza, l’intervento sull’ex caserma Serini rappresenta un monumento allo spreco del denaro pubblico, una offesa ai cittadini italiani.

È necessario fermare questo scempio, anche con una mobilitazione popolare, pretendendo il rispetto delle norme vigenti, che inseriscono la struttura nel Piano d’Area dell’aeroporto e quindi la rendono non utilizzabile per altri scopi. Proprio a questo fine, martedì nell’Aula del Consiglio regionale, discuteremo una mia mozione dove si chiede alla Giunta regionale di difendere, anche in sede giudiziaria, il Piano d’Area di Montichiari, e di fare quindi quanto possibile per bloccare la realizzazione del centro profughi.

Montichiari ospita già più 100 aspiranti profughi, futuri clandestini, e già convive con noti problemi ambientali, che rendono questa comunità unica nel panorama nazionale in termini di criticità. Pensare di scaricare su questo paese anche il peso del più grande hub per immigrati del nord Italia significa accanirsi contro i suoi abitanti. In questo senso il silenzio assordante degli amministratori locali puzza parecchio di collaborazionismo, proprio quando invece servirebbe una reazione corale ad ogni livello istituzionale contro questa decisione sbagliata, irrispettosa e costosa, che rischia – conclude Rolfi – di aver serie ripercussioni sul futuro della comunità.”  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Ieri passava in sovraimpressione in TV ma nessuno ne ha parlato nemmeno nelle TV h24 che il Ministro tedesco avrebbe detto di riportare indietro i naufraghi. Sabato poi a Omnibus su LA7 un esperto di sicurezza e antiterrorismo avrebbe sostenuto che pur non mettendo in discussione il doveroso salvataggio di vite in mare non si possa prescindere non dall’idea della distribuzione in Europa bensi’ da come impedire a queste persone che partano, perchè a queste persone va impedito di partire. Se non impediamo di partire consentiamo a organizzazioni criminali di lucrare a mo’ di macelleria su ogni singolo uomo, su ogni singola donna, su ogni singolo bambino che sale su un barcone e arriva qua. Il nostro impegno morale di Stati Democratici e di Comunità Europea dovrebbe essere quello di impedire che le persone rischino la vita permettendo di lucrare miliardi sulla pelle di queste persone. L’immigrazione clandestina frutta ad organizzazioni criminali tra i 4 e 6 miliardi ad oggi. E se lo dice un esperto di SICUREZZA e ANTITERRORISMO perchè non lo si dovrebbe ascoltare, dato che è quello che ormai pensano gran parte degli italiani calpestati?

RISPONDI