Possibili parlamentari Pd, spunta anche il nome di Norberto Rosini

11

Nel Pd sono in molti ad avere un occhio puntato sul referendum del 4 dicembre e l’altro sulle elezioni politiche del 2018. Ai 25 nomi di aspiranti parlamentari o di “papabili” che BsNews ha fatto in un articolo di pochi giorni fa, infatti, sembra ne siano da aggiungere altri. E non da poco.

Tra i renziani della città, ad esempio, più d’uno vede nel commercialista Norberto Rosini – fedelissimo di Emilio Del Bono – un possibile candidato alla Camera dei deputati (potrebbe essere questa la "via nuova" citata da esponenti della corrente). Mentre nella pattuglia dei sindaci vanno aggiunti a buon diritto i primi cittadini di Castenedolo Gianbattista Groli (ex martinazzoliano di ferro) e di Concesio Stefano Retali (qualcuno, peraltro, avanza anche il nome del predecessore Diego Peli).

Andando sul campo delle suggestioni, infine, c’è perfino chi ipotizza – senza aver nemmeno interpellato l’interessato – una “convocazione” dell’ex responsabile del dorso bresciano del Corsera Massimo Tedeschi, fresco di (baby) pensione, che pure non è militante o iscritto del partito.

I posti disponibili, comunque, sono soltanto sette – nella migliore delle ipotesi – ed il gran numero di aspiranti rende difficile ipotizzare che il Pd possa rivolgersi alla cosiddetta società civile per occuparli.

Comments

comments

11 COMMENTS

  1. Questo articolo completa una carenza del primo (Rosini), ma degli altri nomi l’unico che ha speranze è solo Groli… E nel primo io vedo come possibili solo Girelli, Vivenzi, Bazoli, Cominelli e Mottinelli

  2. Cominciate anche a fare il totonomine dei sette parlamentari bresciani pentastellati del 2018. Perchè, signori cari, questo è il numero esatto…

  3. Nel mondo degli amministratori locali ci sono nomi spendibili al pari se non più di alcuni presunti “big” citati da questo articolo e dal precedente.
    Sopratt utto visto che bisogna raccattare le preferenze. E non è pane per tutti farlo.
    Nel partito e al di là del partito.

  4. Norberto è cugino del defunto Giacomo, figura bresciana di primo piano e un paio di volte pure parlamentare della Democrazia Cristiana, corrente basista come Martinazzoli e Mattarella, per citare due Ministri di spicco dei quei bei tempi scudocrociati. Norberto è uno di quelli di una volta, cioè che calamitavano preferenze come api sui fiori. Bisogna sapere se, di questi tempi, swervono o meno. Cognomi “storici bresciani scudocrociati” ? In Parlamento ci sono un Gitti, un Bazoli, un Conti. Manca un Martinazzoli, ma andrebbe bene il suo scudiero Groli. C’anche un Prandini jr., cioè il Presidente di Coldiretti: candidiamolo. E poi manca solo un Rosini 2: candidiamo anche lui…

  5. Proprio così: odore di muffa abilmente verniciato di nuovismo e rottamazione frenziani, presunti entrambi. Basti pensare che il Duce toscano sopravvive in Parlamento con una maggioranza fatta di berluscones purosangue che vanno da Alfano a Verdini a Casini. Ma anche fuori dal Parlamento si capisce che aria nuova tira: le simpatie per Renzi vanno dal giornalista Ferrara al pregiudicato mafioso Cuffaro, che ha pur sempre in portafoglio 1.800.000 voti. Davvero il nuovo che avanza…

LEAVE A REPLY