Non c’è due senza tre: battuta Reggio Emilia, a Montichiari comanda la Leonessa

0

Non c’è due senza tre: anche la Grissin Bon Reggio Emilia, reduce da sette vittorie consecutive, si inchina alla Germani, che torna a far valere il fattore casalingo e regala un’enorme gioia al proprio pubblico, sempre caldo e numeroso. Al PalaGeorge la Leonessa vince 93-88, capitalizzando i 25 punti di Landry e i 22 di Burns e giocando ancora una volta di squadra, rispondendo colpo su colpo agli attaccanti ospiti e mettendo le mani sul successo nella volata finale. Con tre vittorie consecutive Brescia ora può guardare con serenità al futuro, pronta a costruire qualcosa di importante nel prosieguo di una stagione che di settimana in settimana si fa sempre più interessante.

LA PARTITA – Brescia inizia subito forte, con canestri di qualità di Moore e Moss, ma un ispiratissimo Della Valle risponde con tre triple consecutive (chiuderà con 8/12 dalla lunga distanza). Qualche palla persa di troppo costringe la Leonessa a inseguire (12-18 al 7′) ma Brescia non si intimorisce troppo e con le percussioni di Moore e un canestro sulla sirena di Burns chiude il quarto sul 25-25. All’inizio del secondo periodo Reggio tenta di scappare e con una tripla di Aradori si porta sul 34-40. Landry non ci sta e inchioda una schiacciata mostruosa che dà morale alla squadra, che torna unita e compatta e chiude in vantaggio la prima frazione di gioco (48-46) con un’altra giocata a fil di sirena di Burns.

Nella ripresa la partita non cambia copione, restando in equilibrio e a punteggio alto, con gli attacchi che prevalgono sulle difese. Della Valle segna altre due triple in successione ma una bella schiacciata di Michele Vitali e due bombe in sequenza di Moss regalano il break alla Leonessa, che allunga nel punteggio alla fine del terzo quarto (71-66). Brescia vuole chiuderla al più presto e riesce a trovare buone soluzioni in transizione: il canestro del 77-67 di Landry costringe coach Menetti ad un time-out di emergenza. Complici i troppi falli spesi nei primi minuti, però, Brescia esaurisce presto il bonus e concede molti tiri liberi alla Grissin Bon, che colma lo svantaggio e si porta sul +1 a 73” dalla sirena finale. Nel momento più difficile Landry segna una tripla da fuoriclasse dalla quale gli ospiti non si riprendono più: con una difesa aggressiva lo stesso Landry recupera il pallone e la successiva schiacciata di Burns suggella la terza vittoria consecutiva di Brescia, che si impone 93-88 e sale a quota 8 punti in classifica.

ANDREA DIANA – “Credo che quella di questa sera sia una delle più belle partite viste a Brescia. Abbiamo giocato contro una grandissima squadra, mostrando da subito l’intensità giusta, segno che eravamo pronti. La squadra sta crescendo, stiamo lavorando molto bene. Tutti sono stati bravi, ma vorrei fare una menzione particolare per Luca Vitali, che ha fatto una partita di altissimo livello. Rompere il ritmo alla Grissin Bon è stata una delle chiavi della partita, lo abbiamo fatto con la difesa a zona che per lunghi tratti ha portato buoni frutti. Siamo sulla strada giusta, dobbiamo continuare a lavorare con energia e concentrazione, cercando di alzare il livello del nostro gioco giorno dopo giorno”.

GERMANI BASKET BRESCIA-GRISSIN BON REGGIO EMILIA 93-88 (25-25, 48-46, 71-66)

Germani Basket Brescia: Moore 11 (4/7, 0/1), Passera ne, Berggren 3 (1/1), Bruttini 2 (1/1), L. Vitali 7 (2/2, 1/2), Landry 25 (6/8, 3/4), Bolis ne, Burns 22 (8/10, 2/3), M. Vitali 9 (4/7, 1/3), Moss 11 (4/7, 1/3), Bushati. All: Diana

Grissin Bon Reggio Emilia: Aradori 23 (4/10, 2/5), Needham (0/5 da tre), Polonara 7 (3/3, 0/5), James 2 (1/3, 0/1), Della Valle 25 (0/1, 8/12), De Nicolao 14 (2/2, 3/5), Strautins ne, Cervi 6 (3/3), Lesic 4 (2/3, 0/1), Gentile 7 (2/3, 1/3). All: Menetti

Arbitri: Mattioli, Vicino e Ranaudo

Note: Tiri da 2: Brescia 27/38 (71%), Reggio Emilia 17/28 (61%) – Tiri da 3: Brescia 9/17 (53%), Reggio Emilia 14/37 (28%) – Tiri liberi: Brescia 12/18 (67%), Reggio Emilia 12/14 (86%) – Rimbalzi: Brescia 31 (22 RD, 9 RO), Reggio Emilia 26 (14 RD, 12 RO)

Comments

comments

LEAVE A REPLY