Sul Pirellone compare scritta luminosa che invita a votare No. Ed è polemica

0

E’ polemica per la scritta luminosa “No” comparsa intorno alle 19 sulla facciata di Palazzo Pirelli a Milano. Come noto, la sede della Regione viene spesso utilizzata per mandare messaggi luminosi, ottenuti lasciando accese le luci di alcuni uffici. Ma stavolta, pare, il messaggio non era autorizzato.

“Si tratta di un’iniziativa ne’ promossa nè autorizzata dalla Presidenza della Giunta”, ha fatto sapere una nota di Regione Lombardia, “sono in corso verifiche per accertare la responsabilità di chi ha violato la legge sulla par condicio, che la Presidenza ha sempre rigorosamente rispettato”.

E poche ore dopo sono arrivate anche le prese di distanza di alcuni esponenti della giunta, a partire dal presidente del Consiglio Raffaele Cattaneo. "Condanno fermamente questa iniziativa”, ha dichiarato oggi, “le istituzioni sono di tutti e non possono essere utilizzate per la campagna elettorale di una parte. Ho disposto che venissero immediatamente spente le luci e che venga avviata una indagine interna per verificare le responsabilità. Peraltro sono convinto che iniziative di questo tipo sono solo controproducenti. Da sostenitore del No me ne rammarico doppiamente".  

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ma il trio beccalossi/rolfi/bor donali non ha niente da dire? eppure se dopo più di 24 ore ancora non esce un responsabile vuol dire che siamo a rischio: se invece di accendere le luci un delinquente avesse piazzato un ordigno? Cosa fanno le Forze dell’Ordine? Dormono? non sanno nemmeno chi va in giro per gli uffici della Regione? Forza, su, indigniamoci e pretendiamo che i responsabili siano processati, condannati, castrati, espulsi secondo la legge. Ekkekkavolo!

  2. eccolo qua il menestrello , quello della solita frase , ma il trio beccalossi rolfi bordonali non hanno niente da dire…, azz ma sei veramente indecente nella tua pochezza , e oggi voto NOOOOOOOOOOOOOOOOOOO OO

LEAVE A REPLY