Referendum, la soddisfazione di Galletti: un voto in difesa della Costituzione

0
Bsnews whatsapp

“Un voto chiaro in difesa della Costituzione e per fare in modo che questa venga attuata nei suoi valori fondamentali, a partire dal lavoro e dalla riduzione delle disuguaglianze”. Così recita la nota inviata dal segretario della Cgil Damiano Galletti a commento del referendum costituzionale

“Il dato di affluenza alle urne è sorprendente, – scrive Galletti – vicino a quello delle elezioni politiche. Dal risultato emerge in modo evidente un grande disagio sociale e una bocciatura chiara per le politiche di questo governo. È però anche importante ricordare che il voto è stato innanzitutto sulla Costituzione: gli italiani hanno detto in modo chiaro, un’altra volta, che a salti nel buio a colpi di maggioranza preferiscono la Carta nata dopo la Resistenza. Dopo un risultato del genere nessuno, mi auguro, si lancerà per un bel pezzo in avventure di riforma della Costituzione. Quella che abbiamo va bene e deve essere attuata nei suoi principi e valori fondamentali, mettendo al centro il lavoro e la riduzione delle disuguaglianze”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Pochi elettori hanno capito per cosa votare la propaganda ha infatti imperato importante era dire No come sempre per sempre non so se le riforme costituzionali avessero il potere di cambiare qualcosa ma so già che non cambierà mai nulla fino alla catastrofe naturale di questa società malata dove un manipolo di incapaci ci ha portato requiem.

  2. Se ” nessuno si lancerà in avventure per la riforma della Costituzione ” continueremo ad avere troppi senatori e troppo costosi, enti inutili tipo il CNEL, continueranno a snobbare le leggi di iniziativa popolare, non avremo un referendum popolare propositivo e di orientamento, resteremo i soli in Europa col vecchio bicameralismo paritario,….è questo che vuole il Sindacato ?!!

  3. La smetta con questo ritornello. Guardi che ha perso anche Lei, Belli, e invece insiste a parlare di una “furbata” che gli italiani hanno sepolto sotto una valanga di “NO” insieme al ducetto di Pontassieve ed ai suoi boy scout toscanelli.

  4. vinto la costituzione ??? in realtà hanno vinto i “lavoratori incalliti del far niente” del CNEL e quelli come il suo amico CORSINI che tiene alla POLTRONA e non alla Costituzione …. Meglio che lei lavori anche un po’ nella sua vita invece che vivere alle spalle della comunità !!

  5. Perche’, lei era convinto che i dipendenti del cnel sarebbero stati tutti licenziati? Basta vedere quello che e’ successo x le province…

  6. Con cortesia rispondo ad una nota anonima (!!) un po confusa.e aggressiva. Se dovessi rivotare voterei ancor più SI. Non apprezzo i voltagabbana e confermo il mio voto, non i coccodrilli ( già ne ho sentiti) che piangono dopo aver annullato una possibilità di diminuire i senatori e il loro costo, che poteva essere un primo piccolissimo passo/ esempio di contenimento dei costi della politica. Credo che fra gli anonimi vi sia qualche amico del CNEL ( forse c’è chi preferisce mantenere enti inutili che alzare le pensioni ! Con gli anonimi e spesso difficile capire la verità ) …non ho perso io, che oltretutto non ero in gioco, ma la possibilità di rinnovo dell’assetto istituzionale italiano

  7. Un “ritornello” che dice onestamente la propria opinione, senza inseguire l’onda dei vincitori, senza rinnegare il proprio pensiero, è il modo CIVICO di procedere. Lo ripeterò senza sosta, caro anonimo ( anonimo, brutta parola !)

  8. La smetta anche con il ritornello del CNEL, classico specchietto per le allodolole (più i tordi che hanno votato “SI”) inserito nella shiforma renziana, dal momento che si parla di 15 milioni euro a fronte di 23,2 miliardi di euro l’anno di costi cpmplessivi del carrozzone della politica di cui 7,6 miliardi solo di Enti inutili eliminabili con una semplice analisi costi/benefici.

  9. Non abbiamo ancora sentito o letto un parere del comapgno Bragagliosky sull’esito del referendu, Lo apsettiamo con ansia, dopo il suo “Si” critico testimoniato emotivato prorpio qui sulle colonne on line di BsNews.

  10. Sarebbe davvero ora che si ripartisse dalla corretta interpretazione della Costituzione e dal lavoro, e anzichè citare sempre l’art.1 che stabilisce che l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, si DOVREBBE CITARE anche l’art. 4 che stabilisce che La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Dato che per cittadini si intendono gli italiani piu’ tutti gli stranieri che hanno acquisito cittadinanza italiana, allora La Repubblica per costituzione deve garantire prima ai propri cittadini il lavoro. Nessuno straniero quindi deve essere fatto entrare e concedergli lavoro se prima questo lavoro non viene garantito a un italiano. Poi si dovrebbe rivedere il sistema pensionistico a partire dal 1995 con la legge 335/1995, perchè lo Stato poteva inserire certamente il contributivo, ma per non ledere l’uguaglianza dei cittadini doveva inserirlo dal 1995 per tutti quanti e NON solo per chi a quella data non aveva raggiunto 18 anni di contributi, lasciando tante altre categorie nel piu’ privilegiato retributivo. Piu’ che la legge Fornero alla Corte Costituzionale dovrebbe andare la Legge 335/1995, soprattutto dopo che la Corte Costituzionale ha bocciato il contributo di solidarietà perchè prevederlo solo per il settore pubblico e non anche per quello privato secondo la Corte Costituzionale è lesivo del principio di uguaglianza su cui si basa lo Stato Democratico. A parte che tra settore pubblico e settore privato c’è una bella differenza perchè mentre nel settore privato i benefici che vengono elargiti non toccano le tasse degli italiani e sono a carico del prodotto e della produttività delle aziende, nel settore pubblico invece stipendi e privilegi che vengono elargiti sono tutti pagati con le tasse degli italiani. Non pare proprio si possano considerare uguali. Diverso invece è per le pensioni e se lo Stato vuole cambiare le regole quelle regole devono essere previste uguali per tutti e non lasciare sacche di privilegi incostituzionali come il retributivo per alcuni privilegiati e il contributivo per tutti gli altri, o no? Oltre alla legge Madia alla Corte Costituzionale dovrebbero andare tutte le leggi prima di essere emanate perchè chissà quante sono quelle che contrastano con la Costituzione. Se si facesse cosi’ ci sarebbero meno presuntuosi o ducetti nel pollaio o no?

  11. A proposito di lavoro, alla Corte Costituzionale dovrebbe andare anche la lette 97/2013 che all’art. 7 apre i concorsi pubblici a profughi ed extraUE, che l’Europa ci ha imposto pena infrazione, dimostrando che chi l’ha proposta in Europa nemmeno conosce i trattati sul funzionamento dell’Unione Europea che sul lavoro all’art. 39 punto 4. esclude la pubblica amministrazione dalle materie di competenza europea. Quindi non solo questi geni europei ci hanno imposto una legge in una materia esclusa dalle competenze europee, con la minaccia di infrazione, ma l’Italia l’ha persino ratificata nonostante fosse in contrasto anche con l’art. 51 costituzione che riserva l’accesso agli uffici pubblici agli italiani con unica deroga nei confronti degli italiani non appartenenti alla Repubblica. Non ci sono notizie che questa legge sia stata abolita e che era stata recepita durante il Governo Letta. Pensare che Renzi si era proposto bene, annullando da subito quell’assurdo e discriminatorio abuso della concessione delle cittadinanze onorarie che ogni settimana venivano elargite solo ai bambini extracomunitari discriminando i bambini italiani. Poi anche Renzi ha fatto naufragare la fiducia verso di lui nel mediterraneo con i barconi e con la gestione assurda e privilegiata verso gli invasori!!! Speriamo che tutti i Ministri in particolare quello dell’Interno, Difesa, Esteri ora che hanno tempo ma anche Renzi e Mattarella che sono stati citati nella canzone del rapper Ghanese BELLO FIGO, SI GUARDINO QUESTO SIGNIFICATIVA CANZONE IN INTERNET perchè Bello Fico ha rappresentato in musicas quello che da sempre sostengono gli italiani e che per questo sono stati tacciati di razzismo e xenofobia, mentre i veri sono discriminati sono proprio gli italiani, visto che da quando canta Bello Fico, non scappano dalla guerra, non fanno gli operai, vogliono WI-FI, gli danno la prostituta bianca, non pagano l’affitto, e Renzi e Mattarella li vogliono perchè l’Italia è casa loro. In pratica i profughi e falsi tali, stanno prendendo tutti per i fondelli in primis proprio loro. UN BEL PREMIO ALLA SINCERITA’ IL RAPPER GHANESE SE LO MERITA!!!

  12. Anche stamattina c’è la polemica su una famiglia straniera a Roma cacciata via dagli inquilini che non vogliono che venga assegnata loro la casa popolare. Perchè anche sull’assegnazione delle Case popolari non si comincia dal rispetto della Costituzione che sull’assegnazione delle case non dice proprio nulla, ma che prevede all’art.3 che sono i cittadini italiani (piu’ gli stranieri che hanno acquisito la cittadinanza italiana) ad avere pari dignità sociale e non tutto il mondo. Quindi le case popolari andrebbero per costituzione assegnate prima ai cittadini italiani che hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzioni. Chi non ha cittadinanza italiana dovrebbe aver diritto alle case popolari solo e qualora non ci siano italiani che ne hanno diritto. Persino la legge sulle discriminazioni prevede che uno Stato possa discrimiare i cittadini dai non cittadini. Sarebbe ora di fare chiarezza anche in tal senso e vietare quelle assurde graduatorie che non contengono nè i nomi degli assegnatari nè i punteggi ben definiti e in base ai quali è stata loro assegnata la casa e che vengono stilate in modo cosi’ anonimo e ambiguo non per tutelare la privacy ma per celare la realtà cjhe le case popolari in pratica vanno date tutti agli extracomunitari. Come fa un cittadino che rimane fuori a fare ricorso se dalle graduatorie non in linea con la trasparenza della pubblica amministrazione, non capisce in base a cosa qualcuno abbia avuto la meglio su di lui nell’assegnazione della casa!!! Di certo una graduatoria come quella del Comune di Parma rispetterà la privacy ma è uno schiaffo verso la trasparenza nelle assegnazioni delle case popolari. Anche i 5 Stelle non sono poi cosi’ trasparenti quando governano!!

  13. Vorrei far presente alla signora che l’articolo in questione parla dei risultati del referendum e non degli immigrati. Evidentemente la signora` e` affetta da ossessione compulsiva sfociata nella paranoia: Il termine paranoia si riferisce ad una rigidità di pensiero che porta l’individuo ad avere la certezza che le cose stiano in un determinato modo. Il suo modo di osservare, percepire, fare e interagire farà quindi in modo che tali linee di pensiero si concretizzino e trovino un riscontro nella realtà. il pensiero “irrazionale” diventa parte del suo essere, il filtro attraverso il quale vede il mondo. Le consiglio amichevolmente uno psicanalista.

  14. L’esito del NO al referendum è stato determinato anche questa gestione assurda nei confronti dell’immigrazione, anche se nessuna trasmissione TV a parte la fantastica “DALLA VOSTRA PARTE” lo ha messo in evidenza. Di certo se fosse stato possibile spacchettare il referendum sarebbe stato piu’ giusto perchè si sarebbe potuto votare articolo per articolo a seconda di quello che i cittadini ritenevano piu’ giusto, ed io dei SI ne avrei messi piu’ di uno. In questo articolo poi si dice che la Costituzione che abbiamo andrebbe attuata nei suoi principi fondamentali e se si facessero dibattiti coi costituzionalisti ci si accorgerebbe che ai cittadini italiani spetterebbo per costituzione dei diritti in piu’ come il lavoro e non solo, mentre la politica di questi ultimi tempi è stata quella di calpestare questi diritti degli italiani concedendoli a chi italiano non è. Farlo presente è il minimo che si possa fare, visto che anche stamattina stanno dando dei razzisti agli italiani che non vorrebbero che le case popolari venissero assegnate quasi esclusivamente agli stranieri che per costituzione fino a che non diventano cittadini potrebbero anche essere discriminati visto che l’art. 3 sull’uguaglianza è riferito solo agli italiani ivi compresi gli stranieri che hanno ottenuto cittadinanza italiana. Quanto poi alle graduatorie delle case popolari sarebbe ora di rendere chiare anche poter fare i dovuti ricorsi. La seduta psicoanalitica l’ha già fatta gratuitamente in TV la dottoressa Parsi sostenendo che anche la paura fa parte della vita delle persone, e anche Farinetti non ricordo bene la frase ma ha citato la paura come pregio.

  15. questo é il dramma della democrazia italiana. un referendum chiede il si o il no su un argomento e gli elettori votano si o no a seconda del mal di pancia. Non ne usciremo mai.

  16. La dottoressa ha ragione: la paura fa parte della natura umana. Ma se la paura diventa unidirezionale e ossessiva occupando ogni pensiero della persona diventa fobia: paura marcata e persistente di una situazione particolare, paura decisamente sproporzionata al pericolo che tale situazione può comportare. La sua e` diventata una fobia. E purtroppo, la “fantastica DALLA VOSTRA PARTE” ha contribuito molto a creargliela e, se non smettera` di guardarla, gliela alimentera` sempre piu` gravemente: trasmissione criminale che sparge terrore devastando la mente della gente. Dia retta a me, prima che la sua fobia si trasformi in ansia autodustruttiva, non guardi piu` queste vergognose pseudotrasmissioni e contatti una buona psicologa.

  17. Anzi la Dottoressa Parsi ha anche detto che non solo è giustificata la paura, ma anche la paura del diverso. Ed è giustificatissimo che siano proprio le donne ad avere piu’ paura. Piu’ che Dalla Vostra Parte che merita un premio perchè è praticamente quasi unica ad evidenziare questi problemi, ad alimentare le paure è semmai questa gestione dell’immigrazione, che porta giovani e vecchi ad avere paura di uscire per strada e persino nei supermercati e nemmeno abbiamo piu’ la libertà di andare negli ospedali dove i parcheggi sono presi d’assalto dai parcheggiatori abusivi che quasi arrivano alle minacce, senza poi parlare dei semafori, dove questo lavoro abusivo e contro l’art. 669 codice penale, si è arrivati persino a lavare i vetri contro la volontà delle persone mettendo cosi’ in atto anche una piccola violenza. Ricordo ancora anni fa il ritorno a casa di una familiare piangente perchè per aver detto no ad un lavavetri ricevette sputi sul vetro e colpi dell’attrezzo sulla macchina. Dallo psicanalista ci dovrebbe semmai andare chi non capisce queste realtà, altro che fobie del cavolo.

  18. Ma che bella scusa quella di dare dei malati di mente a chi mette in evidenza la realtà. Davvero una bel modo di agire!!! Fortuna che con un bel NO gli italiani l’hanno fatta vedere a questi che addirittura hanno fatto sparire il tema immigrazione che investe poi anche il lavoro, la concessione delle case ecc da tutte le trasmissioni TV e giornali possibili. Non ce l’hanno fatta nemmeno oscurando il piu’ possibile l’informazione ad avere la meglio!!!! .

  19. I nodi da sciogliere, da decenni, sono sempre gli stessi: lavoro, pensioni, immigrazione, europa, debito pubblico, fisco, eliminazione sprechi, riduzione drastica costi politica e clero, riforma elettorale. Il problema però è sempre quello: nessuna forza politica ha la volontà e la forza di mettere mano a questi macro problemi. Di conseguenza la base è sempre più scontenta, anche perchè chi non ha tutele è in continuo aumento e ha superato chi le ha, e manifesta come può, anche con il referendum, questo scontento. Ma da Mattarella in poi sono tutti sordi per comodità…

  20. Sa cosa significa “PAURA DEL DIVERSO”? Nientemeno che “XENOFOBIA”: Per xenofobia, letteralmente “paura dello straniero”, si intende un atteggiamento di profonda ostilità per gli stranieri e a tutto ciò che è estraneo alla propria civiltà. Vede che la sua FOBIA la porta a dire, probabimente senza acorgersene, cose non vere o perlomeno ad esagerare e generalizzare su episodi sporadici o inesistenti. Vecchi e bambini hanno paura ad uscire in strada? Non mi risulta affatto. Hanno paura ad entrare nei supermercati? Ma chi gliel’ha detta questa? Belpietro? Mi risulta che i centri commerciali siano sempre sovraffollati, ne hanno appena aperto uno a Orzinuovi dove è impossibile entrarci di sabato e domenica per la pressochè impossibilità a muoversi: sono BAGNI DI FOLLA! Non c’è la libertà di andare negli ospedali? Ma per favore, ci vado ogni giorno come volontario e non trovo alcun straniero che vieti a me e al trasportato di entrarci. Quanto ai lavavetri il fenomeno negli ultimi anni si è notevolmene ridimensionato: molti di più ce n’erano ai tempi dei governi LEGA-BUNGABUNGA, e comunque nessuno di loro e di quelli ai parcheggi, anche se riconosco danno un po’ fastidio, sono mai arrivati alle minacce, se gli dici di no non insistono. Questa è la conferma della serietà della sua OSSESSIVA FOBIA, talmente ossessiva che la porta a dire colossali falsità.

  21. Attendiamo dai ‘sapienti del No’ di sapere e vedere come ridurranno i costi della politica, elimineranno enti inutili, semplificheranno la macchina dello Stato, spingerà leggi e referendum di iniziativa democratico- popolare, ecc. Il sapientissimo schieramento del NO,con i suoi partiti e sindacati, a fatti non a parole, ci mostrerà che sa fare.

  22. LA DOTTORESSA PARSI VISTO CHE NON HAI CAPITO, HA DETTO CHE AVERE PAURA E’ NORMALE, fa parte della natura dell’uomo, ANCHE AVERE PAURA DEL DIVERSO è normale non ha parlato nè di xenofobia nè di fobia ma di normalità , e sono le donne che hanno più paura . Lei ha parlato a proprosito di paura, di normalità che fa parte della condizione dell’uomo, non ha minimamente parlato di FOBIA. Sei tu che vuoi far passare per FOBIA o XENOFOBIA, quello che non è. Rassegnati non ho alcun bisogno di psicologo . Ci sono o non ci sono forse ancora i lavavetri?, i parcheggiatori abusivi? i furti nei supermercati e chi ti chiede di portarti a posto il carrello nei supermercati anche in modo insistente? Proprio mentre era in ospedale a un mio familiare hanno rubato il portafoglio e sono riusciti a rubargli moltissimi euro col bancomat. Questa è la nostra sicurezza e libertà di essere preda di chiunque puo’ agire illegittimamente. O mi dirai che anche i lavavetri, i parcheggiatori abusivi sono legittimati a svolgere questa attività in contrasto con l’art. 669 del codice penale? Non ci dovrebbero proprio essere altro che se dici di no non insistono!!!

  23. a ore 12.12 – In che mondo vivi? Che lavoro fai? Dal tono delle tue risposte, dove ti ergi a giudice tacciando di fobia e di paranoia l’80% degli italiani, si deduce che ti ostini a non capire che questa è la percentuale di cittadini che l’immigrazione non la tollera più. A prescindere da Belpietro, da Salvini, dal referendum, lo capisci o no che di immigrati non ne entrano più da tempo nè in Francia, nè in Spagna, nè in Svizzera, nè in Austria, nè in Germania dove la Merkel ha promesso ieri di respingerli a valanga gli irregolari dando PRIORITA’ ALLE BURQATE ISLAMICHE. Lo capisci o no che l’unico paese stolto che li accoglie è il nostro dove ancora il 20% dei cittadini è succube della viscida, ipocrita propaganda buonista. Certamente hai facoltà di non rispondere alle mie domande, ma voglio prevenirti e provo ad ipotizzare: – Senz’altro sei parte attiva nel lurido mondo dell’immigrazione – Ed è molto probabile che in questo contesto riprovevole anche tu tragga benefici immediati e/o a sostegno dei tuoi progetti futuri.

  24. Sono diversi i tipi di votante sconfitto il 4 dicembre: 1) IL RENZIANO E MO’ SO CAVOLI VOSTRI! Questo imbecille sta minacciando le piaghe d’Egitto (morte dei primogeniti maschi, cavallette, fiumi di sangue, moria del bestiame, cd di Fiorella Mannoia) da sei mesi, e adesso che si è reso conto che ha perso decide, simpaticamente, di schiumare rabbia a uso ribelle ceceno con frasi tipo e adesso vediamo se voi str. di m. che dovete morire uccisi tutti voi e i vostri figli piccoli di malattie dolorosissime al buco del c. vi decidete finalmente a riportare il dibattito su un piano di rispetto reciproco e composta pacatezza.

    2) IL RENZIANO ESALTATO CHE NON HA CAPITO CHE HA PERSO. Questo deficiente di pensiero non è abituato proprio mentalmente a realizzare che non può sempre fare il cavolo che gli pare a lui ogni volta che vuole e continua a postare cose da campagna elettorale in corso, mentre i suoi amici renziani stanno furiosamente cercando le vecchie agendine per recuperare il numero di Bersani che avevano cancellato dal cellulare. Non si capacita di come uno schieramento così simpatico e accomodante come quello composto dalla Picierno, da Rondolino , da Benigni, da Sorrentino e Silviorlando uè uè tarantè e dalla Serracchiani possa essere risultato antipatico a qualcuno.

    3) IL RENZIANO EH MA I MERCATI. Questo è l’equivalente del morto di fame con le pezze al sedere che negli anni 70 votava Almirante se no arrivano i comunisti e mi levano tutto. E’ preoccupatissimo per l’umore di Soros, al punto che stamattina, per tiragli su il morale, ha speso quello che gli è rimasto della buonuscita (è stato simpaticamente licenziato dalla simpatica azienda per la quale lavorava) per mandargli un vassoio di pastarelle e cornetti crema e amarena, se no quello capace che fa crollare le borse Marchionne perde quei ventimila euro che si era messo da parte per farsi i doppi infissi in casa.

    4) IL GRILLINO CHE HA VINTO MA NON HA CAPITO CHE HA VINTO. I grillini sono un po’ come quelli che gli devi spiegare le cose tre volte, vedi la Raggi che ancora non si è resa conto che è il sindaco di Roma e posta cose tipo RUTELLI DIMETTITI!!! Questo qui ha capito che Renzi ha perso e si è dimesso e comincia a postare le solite cose tipo e adesso a casa! oppure fuori dalle scatole! ma non riesce a capire quale sia il passaggio logico che porta Di Battista (non so se è quello broccolotto con la cravatta o l’altro, quello tontolone senza cravatta) alla presidenza del Consiglio, quindi si mantiene un po’ sulle sue e si limita ad andare a scassare il c. sulle bacheche dei renziani, e capirete che è un bello scontro di intelligenze.

    5) IL GRILLINO CHE HA COMUNQUE AVUTO GLI OTTANTA EURO. Siccome che è italiano, esso al fascino dell’elemosina (a Salierneee si chiama, giustamente, la pisciata in mano) non sa resistere, quindi mentre pubblicamente gridava al gombloddone delle matite copiative, nel silenzio della sua cretinaggine pensava ah però ‘sto Renzi, co sti soldini pure mi aggiusto due uova nel piatto (e poi si andava a giocare l’over dell’Atalanta al punto Snai). E’ andato a votare NO convinto che tanto Renzi non si sarebbe dimesso e invece adesso quello l’ha fregato e sta facendo l’offeso che se ne vuole andare. Il grillino che ha comunque avuto gli ottanta euro si riconosce facilmente perché oggi non posta un tubo.

    6) QUELLO CHE NON E’ RENZIANO E INVECE E’ RENZIANO E NON LO SA. Su Facebook è l’equivalente di quelli che fanno tsk tsk con la testolina, scuotendola con rammarico perché i suoi compatrioti (egli è patriottico, come Silvio Pellico e Gianluigi Buffon) non hanno capito l’importanza del cambiamento. Egli non sa, e non vuole sapere, cosa Renzi volesse cambiare: sa però che cambiare, a prescindere, è cosa buona e giusta, foriera di progresso, opulenza e conquiste sociali, quindi oggi posta solo rimbrotti da fidanzata tradita tipo non mi siete voluti stare a sentire eh? oppure vi rendete conto che avevamo un’opportunità di cambiamento e l’avete rifiutata?. Non è escluso che in giornata, per la delusione, possa compiere un gesto irreparabile, tipo acquistare una copia dell’Unità, fornendo a Staino l’illusione di aver finalmente triplicato le vendite.

    7) L’INTELLETTUALE DI SINISTRA CHE NON VOLEVA FARE A VEDERE CHE ERA RENZIANO PERO’ GLI RODE CHE RENZI HA PERSO ECCOME. Se c’è una categoria che sopravviverà a peste, carestie e libri di Piperno è quella degli intellettuali de sinistra. Questi qua, che non sono stati chiamati a schierarsi ufficialmente, hanno finto di barcamenarsi dicendo cose non so se voto, rispetto le ragioni di tutti, sono arrabbiato con la sinistra ma anche coi grillini, non si butta il bambino con l’acqua sporca però sto creaturo è brutto come la morte, insomma si erano preparati una serie di post tipo Sibilla Cumana per tre mesi, così da poter saltare sul carro di Renzi al momento giusto o cambiare in corsa e diventare grillini, però non c’è niente da fare, gli rode troppo che Renzi ha perso e forse salta pure quella cosa con Rai Tre che dai, l’idea in fondo non era male, e poi so’ soldi, aho’

    8) QUELLI CHE BRAVI AVETE VOTATO COI FASCISTI SIETE CONTENTI ADESSO, EH? EH? EH? Non è che hanno tutti i torti, eh. Chi ha votato NO ha votato come Casa Pound, come i leghisti, con Brunetta, mica come loro che si sono capati dei fini intellettuali, che so. Angelino Alfano, e adesso deplorano che l’Italia andrà in mano ai barbari per colpa di quelli che hanno votato NO, gentaglia capace di far approvare il jobs act, la buona scuola, ah no scusate ho sbagliato, ooops.

    9) LA FEMMINA CHE GLI RODE. Questa gli rode a prescindere in quanto femmina e quindi approvava le ragioni del SI e adesso posta cose rancorosissime tipo NO VOI ADESSO MI DOVETE SPIEGARE PERCHE’ AVETE VOTATO NO, AVANTI SENTIAMO, tu vai, glielo spieghi e lei ti chiama str. di m. figlio di…., ti banna, ti segnala e ti manda un disco dei Negramaro e un libro di Franco Arminio a casa.

    10) QUELLI CHE PERO’ ALMENO LA BOSCHI ERA BONA, che poi era l’unico motivo per non far cadere il governo, e infatti non lo scrive nessuno. A parte Mario Natangelo, ma quello è rattuso, si sa.

  25. Ci dica (la Repubblica Italiana è nata qualche anno prima di Lei, Sandro Belli) come ridurre davvero Lei i costi della politica che sono ben 23,2 miliardi all’anno di cui 7,6 miliardi solo di centinaia di Enti initili anzichè ridurre i senatori e farli nominare dai partiti per avere più potere o eliminare il solo CNEL (vale mediamente 11 milioni di euro l’anno) e solo perchè ci sono storicamente poltrone assegnate e gradite ai sindacati. Ci dica Lei come semplificare davvero la macchina di uno Stato che destina il 5,8% delle entrate alla difesa e…solo il 3,4% alla sanità e qualcosa come il 38% alle funzioni pubbliche generali (di cui 20% di acquisti da sempre fuori controllo). Ci dica Lei come diminuire (anzichè aumentarle come voleva la schiforma Renzi) drasticamente il numero di firme necessarie per indire un referendum abrogativo e come togliere del tutto il quorum per dare davvero più “voce” ai cittadini anzichè inventarsi due nuovi tipi di referendum per i quali…si rimandava a leggi successive attuative (una bufala spaziale !). Non è lo schieramento del NO che deve sapere fare, ma solo il prossimo Governo (non uno tarocco, come gli ultimi tre, ma che sia transitato dal consenso elettorale del popolo) che sarà probablmente molto diverso da quelli visti fino ad ora.

  26. la Merkel si è svegliata troppo tardi. Ma i nostri media l’hanno appena accennato sottovoce il discorso che ha fatto e piu’ che condivisibile. Rimandare a casa i falsi profughi. NO AI BURQA,, AL NIQAB E A QUALSIASI VELO ISLAMICO CHE COPRA IL VOLTO DELLE DONNE. LA SHARIA non può sovrapporsi alla base del diritto in Germania. . Fantastico!!! Poi ha detto che il nostro diritto ha la preminenza su regole di stirpe di famiglia e sulla SHARIA. SPERIAMO CHE QUESTO DISCORSO LO PORTI ANCHE AL PARLAMENTO EUROPEO E SI EMANINO DIRETTIVE IN TAL SENSO CHE VALGANO PER TUTTI GLI STATI MEMBRI. Unico dubbio è che se si continua a concedere cittadinanza agli islamici, questi per la maggiore prolificità diventeranno maggioranza rapidamente, rapidissimamente poi se si farà l’errore di far entrare la Turchia in Europa e concedere visti, per cui una volta maggioranza la SHARIA ce la imporranno senza nemmeno chiederlo e la Costituzione che ora ci affanniamo a VOLER cambiare diventerà carta straccia a tutti gli effetti. Questa sarà la realtà.

  27. la Merkel si è svegliata troppo tardi. Ma i nostri media l’hanno appena accennato sottovoce il discorso che ha fatto e piu’ che condivisibile. Rimandare a casa i falsi profughi. NO AI BURQA,, AL NIQAB E A QUALSIASI VELO ISLAMICO CHE COPRA IL VOLTO DELLE DONNE. LA SHARIA non può sovrapporsi alla base del diritto in Germania. . Fantastico!!! Poi ha detto che il nostro diritto ha la preminenza su regole di stirpe di famiglia e sulla SHARIA. SPERIAMO CHE QUESTO DISCORSO LO PORTI ANCHE AL PARLAMENTO EUROPEO E SI EMANINO DIRETTIVE IN TAL SENSO CHE VALGANO PER TUTTI GLI STATI MEMBRI. Unico dubbio è che se si continua a concedere cittadinanza agli islamici, questi per la maggiore prolificità diventeranno maggioranza rapidamente, rapidissimamente poi se si farà l’errore di far entrare la Turchia in Europa e concedere visti, per cui una volta maggioranza la SHARIA ce la imporranno senza nemmeno chiederlo e la Costituzione che ora ci affanniamo a VOLER cambiare diventerà carta straccia a tutti gli effetti. Questa sarà la realtà.

  28. Enciclopedia Treccani: Xenofobia (da ξέν&# 959;Ϛ, straniero, e ϕόβ&# 959;Ϛ, paura) significa paura dello straniero. Quindi non l’ho inventato io. E la parola stessa indica che si tratta di una FOBIA. La fobia non è normalità, punto e basta. Se quella dottoressa ha affermato il contrario ha affermato il falso. Di lavavetri io non ne vedo più ai semafori, significa che se ne esistono ancora sono rarissimi, ma come nel caso dei burqa li vede solo lei. A me non è mai capitato nemmeno di imbattermi in immigrati parcheggiatori abusivi, ci sono quelli dei carrelli e quelli che ti indicano il posto libero ma se non gli dai nulla non insistono. I furti nei supermercati non mi sembra rappresentino un’emergenza assoluta, fa perte della microcriminalità che c’è sempre stata. A mio padre rubarono il portafoglio nella metropolitana milanese circa quarant’anni fa quando il fenomeno degli immigrati non esisteva, ed erano furti che si ripetevano a ritmo serrato ogni giorno. E’ ovvio che anche tra gli immigrati ci sono i delinquenti ma questo non giustifica la generalizzazione selvaggia. Quindi, o lei dice il falso senza accorgersene e questo sarebbe preoccupante oppure lo dice sapendo di mentire. Nel suo precedente commento ha detto che i vecchi e i bambini non possono più uscire di casa, che nessuno va più nei supermercati perchè ha paura, che gli stranieri non ci permettono più di entrare negli ospedali. Se ne è convinta significa che lei ha bisogno di un “aiutino”.

  29. a 17.54 e 1826 – L’intelligenza bisogna possederla per poterla schiaffeggiare. Se ancora non avete capito in quale letamaio l’immigrazione ci sta spingendo, si deduce che l’intelligenza vi faccia davvero grave difetto.

  30. Certo che i furti ci sono sempre stati, ma con l’immigrazione sono aumentati perchè si sono aggiunti a quelli autoctoni già mal digeriti. Cosi’ come i parcheggiatori abusivi c’erano già ma a questi si sono aggiunti anche gli immigrati e il fenomeno è diventato piu’ insopportabile. Di lavavetri invece ho visto solo immigrati e anche nomadi, tanto che in TV c’è proprio stata una sentenza che ha stabilito che l’attività di lavavetro è illegittima perchè in violazione dell’art. 669 codice penale – Esercizio abusivo di mestiere girovago. Di burqa o meglio niqab ne ho visto uno anche Venerdi’. Saranno certamente calati, ma a Pordenone un Giudice ha appena inflitto una multa corposa a una musulmana che non volega scoprire il volto in Comune. Poi anche a Bari abbiamo visto in TV la moglie di un IMIM era in niqab tranquillamente. Ma i nostri superpagati politici neanche ne parlano della sentenza della Corte Europea che definisce burqa e niqab lesivi dei valori minimi di uno Stato democratico. Per fortuna pare si stia svegliando la Merkel che li vuol vietare in Germania, speriamo che porti il problema in Europa affinchè si vietino in tutta Europa dato che la loro libera circolazione lede i valori minimi democratici e non vietarli significa che l’Europa ci calpesta tutti noi cittadini europei per privilegiare i burqa e i niqab e con noi calpesta anche i valori democratici europei. Peggio di cosi’ non potremmo essere governati. Speriamo facciano un po’ di MEA CULPA e si abbassino lo stipendio che cosi’ alto e per come ci difendono non lo meritano proprio.

  31. Speriamo davvero che si cominci a rispettare la Costituzione come prevede il capitolo XVIII della Costituzione e oltre che il lavoro anche la case popolari vengano assegnate prima a chi ha la cittadinanza italiana , perchè non solo l’art. 4 stabilisce che il lavoro va garantito prima agli italiani, ma anche l’art. 3 prevede che siano i cittadini italiani ad avere pari dignità sociale e uguaglianza davanti alla legge. E anche se la Corte Costituzionale ha stabilito che l’uguaglianza va garantita anche gli stranieri quando si tratta di tutelare i diritti inviolabili dell’uomo, i diritti involabili che nel 1946 la Costituzione ha definito inviolabili sono solo 3, la libertà personale (art. 13) il domicilio (art.14) la segretezza della corrispondenzaq (art. 15). Nei diritti che quindi per costituzione sono inviolabili e per questo garantiti in uguaglianza anche agli stranieri non c’è quindi nè il lavoro nè la casa. La casa quindi per Costituzione andrebbe garantita prima ai cittadini italiani ai quali vanno compresi anche gli stranieri che hanno acquisito cittadinanza italiana. Le graduatorie sempre piu’ indecifrabili che si sente dire concedono ìn maggioranza case agli stranieri non ancora cittadini italiani non sono allora rispettose della Costituzione? Sarebbe ora di chiarirlo o no? La famiglia a Roma assegnataria della Casa popolare avrà la cittadinanza italiana oppure ha avuto un privilegio incostituzionale alla casa? Vedremo la 5 Stelle che vorrebbero il reddito di cittadinanza che non è chiaro se lo vogliano riservare ai soli italiani o al mondo intero, come risolverà il problema della casa e se darà la precedenza come doveroso prima agli italiani!?!

  32. Quindi tu hai detto che vecchi e bambini non possono piu’ uscire di casa. Pertanto il tuo nipotino verra’ chiuso in cameretta sua. Non si sa mai che l’orco negro possa sfondare la porta e venire a prenderlo per poi bollirlo in un bel pentolone. Brava, questo e’ il modo migliore per educarlo. Quando sara’ grande ti ringraziera’ di avergli trasmesso le tue fobie.

  33. Anche stamattina hanno fatto vedere il caso di quel signore romano che da 10 anni aspetta una casa e nella casa da lui occupata doveva andare una famiglia marocchina con 3 figli subito accolta dalla Raggi, mentre l’italiano senza casa no!!! Tra l’altro ieri sera ne abbiamo scoperta un’altra .In TV hanno detto che a Roma esiste la regola che il 25% delle case viene assegnata a chi le ha occupate?? Abbiamo capito bene? Una istigazione alla illegalità dell’occupazione delle case popolari per poi vedersele assegnare??? Ma in che Paese ci stiamo accorgendo di vivere? Ma la regola secondo la quale la Corte Costituzionale ha annullato il contributo di solidarietà perchè previsto solo per il settore pubblico e non per quello privato era lesivo del principio di uguaglianza su cui si fonda lo Stato democratico, vale solo per le alte cariche dello Stato o dovrebbe valere in tutto il settore pubblico?? Non è una lesione dell’uguaglianza che in ogni Regione o Comune ognuno applichi regole diverse nell’assegnazione di un bene pubblico pagato dalla totalità degli italiani e del quale andrebbe garantita la fruibilità in modo uguale per tutti in tutto il Paese? Idem per la sanità dove in alcune Regioni si pagano i ticket in base al reddito e in altre no e la sanità è diversa da Regione a Regione in piena disuguaglianza mentre dovrebbe essere garantita in modo uguale per tutti in tutto il Paese!? Nel motto del PD c’era l’uguaglianza ma a quanto pare l’hanno proprio snobbata l’uguaglianza a partire dalle dalle piu’ basilari regole di equità

  34. Capisco che ti piaccia criticarmi sui miei nipotini , ma leggiti meglio il mio messaggio delle 10.53 e vedrai che non ho citato i bambini bensi’ ho parlato di giovani e vecchi, dato che proprio una signora raccontava in TV che persino la figlia non usciva piu’ serenamente dalla paura e ci posso anche credere visto quello che succede alle ragazze che escono anche sole. Ho parlato in generale anche sentendo quello che ascoltiamo ogni giorno dai TG e da varie trasmissioni e non solo a Dalla Vostra Parte, visto che tu la critichi tanto.E PER ME è FANTASTICA.

  35. Nello stesso “messaggio” hai anche detto che ormai si ha paura ad andare nei supermercati e non abbiamo piu` la liberta` di andare negli ospedali. Quindi penso che tu non andrai piu` ne` al supermercato ne` all’ospedale. Fa niente se la gente non la pensa come te visto che riempie i supermercati come scatole di sardine. Pero` penso che tu che guardi sempre la “meravigliosa dalla vostra parte” avrai notizie piu` fresche che il ghignante Belpietro ti avra` comunicato: avra` sicuramente esposto gli “allarmanti” dati statistici sulle aggressioni nei supermercati ad opera di migranti nonche` su quelli agli ingressi degli ospedali. Fornirmi i numeri per te che guardi “dalla vostra parte” non rappresentera` certamente un problema. Il problema e` per chi come me guarda le altre trasmissioni, quelle che occultano la verita`. Percio` ti chiedo gentilmente la verita` e aspetto fiducioso i dati. Grazie.

  36. Io ho parlato in senso generale. Ed è dalla somma delle trasmissioni TV e dei TG che emerge che è cresciuta la paura. Se penso poi che per molti anni dopo la guerra non si chiudeva la porta di casa nemmeno alla notte, l’insicurezza è peggiorata inesorabilmente. Infatti la dottoressa Parsi che parlava e giustificava la paura determinata anche da questa non gestione dell’immigrazione, non era a Dalla Vostra Parte ma in altra trasmissione. Comunque per molto tempo al mattino andavo al supermercato in macchina da sola e mi sono trovata alla mercè di sconosciuti che o ti chiedevano il carrello o elemosina nel parcheggio sotterraneo e ho deciso di comprarmi il carrellino e di andare a piedi proprio per evitare questi incontri. Non è simpatico nemmeno nei parcheggi degli ospedali soprattutto per le donne sole, trovarsi i parcheggiatori abusivi soprattutto sapendo che se si rispettasse la legge proprio non dovrebbero esserci, come non dovrebbero esserci lavavetri ai semafori. Ma in realtà ci sono ancora!!!

  37. Sono appunto le generalizzazioni che bisognerebbe evitare. La paura e` comprensibile ma non sono tutti delinquenti. Meglio chiedano l’elemosina o il carrello che vadano a rubare. Di solito sono gentili e ti ringraziano. I furti negli appartamenti sembrano in discreto calo, speriamo. Ma la gestione del fenomeno va sensibilmente migliorata ed e` inaccettabile che non venga fatto a livello europeo con paesi che se ne fregano e si defilano.

  38. qualcuno regali a Nonna Assurda un ingresso, magari con consumazione, alla Latteria Molloy per lo spettacolo di Bello Figo. Se si riuscisse ad organizzare una mezz’oretta di dibattito tra la nonna e il ragazzetto ne uscirebbe una serata epocale, la trasmetterebbero sulle tv di tutto il mondo…

  39. L’Europa ci ha già detto che l’80% di chi è arrivato in Italia non ha diritto di asilo. Dovremmo quindi rimpatriarli e per rimpatriarli possiamo chiedere l’aiuto dell’Europa sia attivando il Fondo Europeo Rimpatri sia rimpatri congiunti da 2 o piu’ Stati Membri come prevede la direttiva europea 2008/115/CE. C’è poi l’ulteriore possibilità di attivare Frontex non solo per aiutarci a difendere le frontiere esterne, cosa che non sta facendo adesso visto che ci scarica tutti qui, ma di attivarla nel senso opposto e come indicato nella direttiva europea Frontex ha tra i suoi compiti quello di trovare le migliori soluzioni di rimpatrio dei clandestini presenti negli Stati Membri come prevede la direttiva europea 2007/2004. Quello che non si è capito è se l’Italia abbia o no fatto richiesta all’Europa in tal senso, ma sembra proprio di no, perchè la sensazione che si ha è una ostinazione all’ennesima potenza di distribuire tutti in Europa nonostante tanti Stati Europei abbiano detto di no. E questo fa pensare a una invasione voluta e concordata a tavolino perchè se davvero si volesse procedere a rimandare a casa i clandestini, si potrebbe fare e l’Europa gli strumenti nìli deve fornire e non li puo’ rifiutare perchè li ha scritti nero su bianco nelle direttive europee. Invece anche stasera l’ANCI sembra voglia imporre i piu’ di 5000 Comuni che non vogliono questi clandestini ad accoglierli forzosamente e alla domanda di cosa si pensa di fare visto che l’Europa ha detto che l’80% di quelli che arrivano non ne hanno diritto è che devono studiare ancora cosa fare. Potrebbero partire da queste direttive europee e anche dalla direttiva 2013/33/UE che prevede intanto che debbano essere tutti trattenuti privandoli della libertà di circolazione, altro che lasciarli in giro per tutti i Comuni d’Italia!!!

RISPONDI