Fiumicello, 21enne denunciato per tentata truffa a un’anziana

0

Una denuncia per tentata truffa ai danni di una signora residente nella zona ovest della città. È questo il risultato di un intervento della Polizia Locale effettuato nel quartiere Fiumicello. Mercoledì 30 novembre, infatti, una donna ha contattato la centrale operativa di via Donegani per segnalare che, presso la sua abitazione, si erano presentati due ragazzi con lo scopo di proporle la sottoscrizione di un nuovo contratto per la fornitura di energia elettrica, di gas metano e per la telefonia. La proposta è subito sembrata sospetta alla signora, soprattutto perché le era stato detto che si sarebbe verificata una prossima e imminente dismissione delle forniture alle utenze da parte di A2a. A seguito della segnalazione, quindi, alcuni uomini della Polizia Locale sono intervenuti a controllare la zona circostante, riuscendo poi a intercettare i due giovani in compagnia di una ventunenne di origine marocchina.

Al Comando di via Donegani, gli agenti hanno proceduto con l’identificazione e con gli accertamenti necessari, da cui è emerso che la ragazza non era presente al momento del tentato inganno, mentre gli altri due giovani, un ventunenne di nazionalità marocchina residente a Foligno (PG) e un ventiduenne ivoriano di Forlì, hanno dichiarato di essere stati formalmente autorizzati da una ditta concorrente di A2a, ma sono stati comunque indagati per il reato di truffa. Inoltre, i ragazzi erano in possesso di fogli con l’intestazione di A2a che, sebbene non sembrino essere stati utilizzati, contribuiscono ad aggravare la situazione.

Infine, solo il giovane ventunenne di origine marocchina è stato definitivamente denunciato in quanto è risultato essere l’unico ad aver parlato con la donna.

“L’amministrazione comunale non abbassa la guardia nei confronti di chi cerca di raggirare le fasce più deboli della popolazione”, ha dichiarato l’assessore alla Rigenerazione Urbana e alle Politiche per una Città Sicura Valter Muchetti. “Il mio ringraziamento va agli agenti che, con professionalità e impegno, sono intervenuti tempestivamente. Colgo l’occasione per ricordare ai cittadini di contattare immediatamente la Polizia Locale qualora sospettino di essere state vittime di una truffa, in modo da poter agire con prontezza”.  

Comments

comments

1 COMMENT

  1. C’é anche la notizia di bresciani arrestati per truffa gigantesca ai danni di cittadini di Dubai, oppure l’arresto di bresciani che costringono ragazze cinesi a prostituirsi. Ma quando son gli italiani a commettere reati contro gli stranieri, passa tutto in secondo piano.

  2. quindi siccome alcuni italiani sono criminali dobbiamo tenerci quelli stranieri perché tanto anche gli italiani lo sono. ma certo!!!

  3. Alla Mandolossa e Desenzano la polizia ha scoperto due case (20 in tutta Italia) dove venivano costrette alla prostituzione giovani cinesi. Due arresti nel bresciano, una cinese a Brescia ed un bresciano a Ospitaletto.

  4. Non é possibile che la notizia di una truffa mancata faccia più notizia della macroevasione di 6,5 milioni di euro che la GDF ha scoperto in qs giorni in Val Camonica. I media hanno una grande responsabilità nell’imbarbarimento dilagante, Non é informazione questa.

  5. Per lettore ” BASTA CAGATE ” Legga bene l’articolo pubblicato da BS NEWS martedì 6/12/2016 alle ore 10.25. Prima però vada dall’oculista. Lei ha gli occhi malati.

  6. Ma i puttanieri bresciani che violentano le ragazze cinesi, si sono mai chiesti se le ragazze erano consenzienti? O tanto per loro le donne per di più straniere sono esseri inferiori. Poi di giorno scrivono i loro commenti razzisti quì.

  7. Le notizie citate sono state pubblicate e sono state per diverse ore nella posizione più in alto del sito… Forse l’amico non ha capito che questo è un quotidiano on line e ogni tanto devono cambiare notizia!

  8. PUTTANIERI EXTRACOMUNITARI CHE VIOLENTANO POVERE RAGAZZE CINESI NON CONSENZIENTI CHE CONSIDERANO LE DONNE PER DI PIU’ STRANIERE COME ESSERI INFERIORI ASSECONDATI DA BUONISTI IPOCRITI E CONNIVENTI CON LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA INTERNAZIONALE CHE LE IMPORTA E CHE POI DI GIORNO SCRIVONO I LORO COMMENTI RAZZISTI QUI…MA GLI ORGANI COMPETENTI CHE DOVREBBERO INDAGARE FINO IN FONDO SU QUESTI LOSCHI TRAFFICI DOVE SONO?

  9. Che i clienti siano bresciani o extra non cambia nulla. Le vittime invece sono tutte straniere e non a caso: sono le più deboli. Ci vorrebbe una legge che permetta agli organi competenti di individuare e sbattere in galera i puttanieri, vero motore di tanta atrocità.

  10. Puttanieri multietnici,vittime straniere non a caso, (anche se i deboli sono deboli a prescindere), sbattere in galera i puttanieri, ma aggiungerei: anche i trafficanti di esseri umani con pene certe, i loro fiancheggiatori e chiunque in qualche modo alimenti queste attività, veri motori di queste atrocità

LEAVE A REPLY