Ats, non c’è correlazione fra Pcb nel sangue e melanomi

0

Non ci sarebbe stretta correlazione fra melanomi e presenza di Pcb nel sangue. A dirlo è una lunga e complessa ricerca condotta dall’Ats Brescia (ex Asl) dal 2013 a oggi su 201 casi di melanoma. La presenza di melanoma nel Bresciano, quindi, che è in linea con l’incidenza lombarda (comunque superiore a quella italiana) è correlata a fattori di rischio strutturali come predisposizione familiare, esposizione a raggi uv, pelle e capelli chiari.

I risultati dell’analisi dell’Ats, il primo studio a livello internazionale con un numero così elevato di persone reclutate su base volontaria, metterebbe in discussione la classificazione dell’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, nella quale i pcb erano definiti cancerogeni per l’uomo e dichiarata sufficiente l’evidenza dell’associazione tra pcb e malanoma. Un risultato, dunque, inatteso che merita ancora approfondimenti nonostante la ricerca sia fra le più accurate per numero di pazienti indagati.

L’indagine verrà dunque ulteriormente approfondita, e inoltre verrà avviato un secondo studio nei Comuni di Castenedolo, Montichiari, Calcinato, Ospitaletto, Rovato, Castegnato, Travagliato, Cazzago e Passirano dov’è maggiore la presenza di discariche. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. In partica, Carmelo Scarcella che mette in discussione la classificazione dell’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro relativamente alla correlazione tra melanomi e PCB. Non ci sono parole…

  2. QUESTO E’IL DATO UFFICIALE DELLO IARC
    “Il gruppo di studio della IARC ha valutato il potenziale cancerogeno dei PCB prendendo in considerazione 70 studi epidemiologici indipendenti che forniscono dati sulla cancerogenicità di queste sostanze negli esseri umani. Ed è arrivato alla conclusione che esistono prove sufficienti per definire i PCB cancerogeni certi per gli umani.
    Infatti l’associazione tra esposizione a PCB e il melanoma è stata accertata sia in studi occupazionali sia di popolazione, sia in studi di coorte, sia in studi di tipo caso-controllo, ed è emerso un chiaro rapporto dose-risposta. Sono stati riportati eccessi di rischio anche per i linfomi non Hodgkin e per il cancro della mammella; l’evidenza a favore di un’associazione tra i PCB e queste neoplasie, biologicamente plausibile, è stata definita limitata. Per quanto riguarda altri tipi di tumori, i dati erano troppo esigui per poter essere utilizzati.”
    In sintesi, 70 diversi studi epidemiologici indipendenti contro 1 studio epidemiologico su persone “reclutate su base volontaria” (!?). Fate un po’ voi…

LEAVE A REPLY