Pontevico, il Comune contro le maestre che hanno corretto i canti di Natale

0
Prosegue lo strascico di polemiche sulla correzione dei canti di Natale da parte delle maestre della scuola elementare che avrebbero "eliminato" Gesù da una canzone in nome della multiculturalità. Sulla questione interviene anche l’amministrazione comunale che tiene a manifestare la propria nettà contrarietà all’accaduto.
 
L’Amministrazione Comunale di Pontevico – fa sapere in una nota – è intervenuta con decisione in merito alla “censura” dei canti natalizi voluta da un gruppo di insegnanti della Scuola Primaria che tante discussioni sta sollevando in questi giorni: “Siamo decisamente contrari ad una simile decisione – commenta senza mezze misure il sindaco Roberto Bozzoni – Si tratta di una scelta che la nostra Amministrazione condivide affatto e che, sinceramente, è anche piuttosto difficile da comprendere. In virtù di un non ben precisato pluralismo e di una accoglienza generalizzata si finisce per cancellare le nostre tradizioni e i valori nei quali la nostra comunità crede da sempre. Non mi sembra una strada percorribile e, soprattutto, accettabile.
 
Oltre tutto mi sembra che in merito ad una questione tanto delicata la decisione non debba essere presa da un gruppo di maestre, ma sia di competenza della Dirigente Scolastica, è lei che deve prendere posizione in tale materia e deve farlo tenendo conto delle esigenze delle famiglie pontevichesi che si riconoscono in quei valori e quelle tradizioni che adesso si cerca di far passare per non so quale offesa a persone di altre culture. E’ proprio per questo che mi permetto di rimarcare ulteriormente la mia posizione e quella di tutta l’Amministrazione perché i riferimenti religiosi nelle canzoni natalizie, oltre a rappresentare un patrimonio della nostra comunità, non vogliono offendere nessuna cultura, rappresentano quello in cui noi crediamo e che, mi sembra, valga la pena di difendere da simili attacchi strumentali e privi di ogni vera logica”.

Comments

comments


CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI