Autista di bus chiede il biglietto a un passeggero e viene preso a pugni in faccia

0
Bsnews whatsapp

Sei punti di sutura e una bella botta all’occhio per un autista di bus. E’ questo il bilancio del match di pugilato che si è tenuto nelle scorse ore su un pullman partito da Brescia e diretto a San Colombano. L’autore della violenza è un giovane salito a Zanano. Secondo la ricostruzione della vittima (il dipendente Sia Sergio Ognibene), alla richiesta del biglietto il ragazzo è andato su tutte le furie: in un secondo ha cercato di colpire l’uomo con una testata, quindi ha iniziato a prenderlo a pugni. L’ennesima aggressione sui bus, che ha spinto i sindacati interni a invocare nuovamente l’installazione sui mezzi di paratie che separino gli autisti dai passeggeri.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. (red.) La cronaca bresciana torna alla ribalta per quanto riguarda le aggressioni ai danni di un autista sugli autobus pubblici. L’ultimo episodio in ordine di tempo, di cui scrive il Giornale di Brescia, è successo giovedì sera 15 dicembre lungo il tratto Brescia-San Colombano gestito dalla Sia. Il conducente, Sergio Ognibene, che tra l’altro aveva preso il servizio per sostituire un collega, è stato aggredito a pugni da un giovane straniero. L’autista racconta che il violento era salito sul mezzo alla fermata di Zanano, in direzione dell’alta Valtrompia. Ma sarebbe entrato già arrabbiato e avrebbe avuto un atteggiamento scorretto.

  2. Come tutti chi? Tutti noi che siamo italiani bravi, contro gli stranieri cattivi. É come nel calcio: io tifo la mia squadra e non fischio i miei. Invece quelli dell’altra squadra invece sì e faccio anche a botte con la tifoseria nemica.

  3. Se è straniero, vorremmo sapere se è clandestino o se è richiedente asilo. In entrambi i casi rimpatrio immediato visto che non si comporta secondo le regole di rispetto delle leggi e degli altri

RISPONDI