Bordonali (Lega): strage a Berlino è un atto da guerra di religione

44
"E’ in atto una guerra di religione. Anche stavolta è stato colpito un simbolo della nostra civiltà. Non possiamo abituarci ad assistere a stragi, contare morti e vivere nel terrore. Marce per la pace, gessetti colorati e bugie sulla bellezza di una civiltà multiculturale non servono piu’".
Cosi’ l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, commenta quanto accaduto ieri sera a Berlino.
"Tra i finti profughi che accogliamo in Europa si nascondono anche terroristi. In Lombardia attualmente ospitiamo 23.000 richiedenti asilo. Chiediamo al Governo di velocizzare le pratiche e controllare in modo scrupoloso tutti gli islamici già presenti, procedendo poi a bloccare le frontiere ed espellere in massa tutti i clandestini. La Regione Lombardia – ha concluso Bordonali – è disposta ad aiutare il Governo se il progetto sarà questo e per quanto di propria competenza continuerà ad adottare ogni misura possibile per contrastare l’estremismo islamico".

Comments

comments

44 COMMENTS

  1. A parlare di guerra di religione fa solo un favore ai terroristi. Gli riconosce una rappresentanza che non hanno. Sono estremisti che si ammantano di religione ma che gli stessi musulmani subiscono come noi le stesse barbarie. Sono nemici comuni a noi ed a tutte le persone civili.

  2. Non é guerra di civiltà, ma guerra tra civiltà e inciviltà. Riconoscere ai terroristi una appartenenza ad una religione o ad una civiltà é un autogol.

  3. Giusto. Cominciamo dal mettere tutti i falsi profughi e anche quelli veri in centri di identificazione ed espulsione privandoli della libertà di circolazione e impedendo loro di uscire dai centri e non negli alberghi, condomini privati, o case private liberi come il vento!!! Partiamo da questo vile attentato per annullare la libertà ai richiedenti asilo che li privilegia indebitamente discriminando gli italiani e rimpatriamo tutti chiedendo l’intervento ONU che è ora che si svegli e rispetti lo Statuto

  4. Trattiamoli tutti come terroristi. Ti paga l’ISIS? Vuoi creare un esercito di disperati, affiliati al Daesh. Sei proprio un pirla.

  5. Arriva la notizia che il pakistano arrestato ieri e Berlino, sarebbe la persona sbagliata. É un rifugiato che non centra nulla. Quindi prima di dare addosso ai rifugiati, calmatevi !

  6. Dal sito formiche.net questa interessante riflessione: “Occorre distinguere. L’integralismo islamico non ha dovunque la stessa intensità, vi sono paesi dove c’è minore fanatismo e fondamentalismo. Ma nessun islamico può ammettere quelle conquiste della civiltà occidentale, che sono la libertà di culto, la separazione fra Stato e religione, il primato della coscienza e la possibilità di scelta fra religioni diverse, l’emancipazione della donna. Tutto ciò per l’islamico non è progresso, ma corruzione.” Ecco, forse proprio in queste severe affermazioni andrebbe colto gran parte del senso di “guerra di religione” che sarebbe in atto tra Islam ed Occidente. E purtroppo molte persone cominciano anche a pensare solo come la Bordonali chiamando, di fatto, anche noi occidentali alla “guerra di religione” vista come unica soluzione praticabile, magari proprio con le parole di Giuliano Ferrara che sul Foglio scriveva: “So di dire qualcosa di sconcertante ma non si risponde a questa altezza di sfida e a questa brutalità santificante con lo stato di diritto, con un’idea di polizia internazionale, con la denuncia della violenza; l’unica risposta è in una violenza incomparabilmente superiore”. Alla violenza si deve rispondere prima o poi con atrettanta o magari maggiore violenza ? Se così accadrà, purtroppo sarà la catastrofe finale.

  7. Certo che occorre rispondere con la violenza alla violenza, ma anche con intelligenza. Altrimenti finisce che per rispondere ai violenti colpisci anche quelli che con la violenza non hanno nulla a che fare, ma che diventano violenti dopo aver subito una violenza ingiusta e via di questo passo in modo esponenziale. Le guerre nascono così, con una escalation. Il Daesh va combattuto militarmente, non c’é dubbio. Ma chi propone di trattare tutti i rifugiati (già vittima del Daesh) come potenziali terroristi allarga l’incedio facendo il gioco di chi vuole il tanto peggio- tanto meglio e spingendo un esercito di disperati nelle braccia dei terroristi. La guerra non é tra diverse civiltà, ma tra civiltà e inciviltà. Il rischio vero é diventare incivili: avrebbe vinto loro, i terroristi.

  8. Come si capisce che non conosci le leggi. Guarda che il trattenimento che significa confinamento in luoghi specifici privati della libertà di circolazione è scritto nero su bianco in modo molto chiaro nell’art.8 della direttiva europea 2013/33/UE per tutti i richiedenti asilo che rientrano nelle condizioni previste dall’art. 8, ossia tutti quanti. Non si tratta di trattare tutti come terroristi, ma semplicemente come richiedenti asilo che non sono provvisti delle condizioni di riconoscimento e se hanno diritto di entrare o meno nel nostro Stato, o di fare domanda di asilo nel nostro Stato, o di verificare se sono un pericolo per la nazione . In pratica non si sa chi siano. L’art. 10 di questa direttiva poi prevede addirittura il carcere tenendo i richiedenti asilo separati da chi non fa domanda di asilo. Quindi tutti coloro che arrivano in Italia devono essere trattenuti. Se chi di dovere rendesse note queste leggi la gente non penserebbe che si vogliono trattare tutti come terroristi, ma saprebbero che lo prevede la legge!!!

  9. Affermare che l’art 8 preveda il trattenimento obbligatorio é semplicemente falso. Anzi l’art 6 riaffermaespressamen te il principio per cui un richiedente non può essere trattenuto al solo fine di esaminare la domanda di protezione. E’ facoltà del Prefetto.

  10. Stamattina, dopo le 12, in corso Garibaldi, a 100m dalla pallata, c’era una che sembrava un palombaro,aveva pure i guanti.A malapena si vedevano gli occhi… Sarà stata una baccante, seguace dei culti dionisiaci o una druidessa celtica non molto alta?

  11. Facile pensare che il problema terrorismo si possa risolvere chiudendo le frontiere e rispedendo a casa gli immigrati. Peccato si dimentichi che i commando terroristici possono passare le frontiere quando vogliono, che quelli dell’11 settembre non erano immigrati e che non lo erano nemmeno quelli del Bataclan, tanto per fare degli esempi.

  12. atto di guerra? Allora spiegaci anche perché sono stati uccisi almeno 4 MILIONI di musulmani afgani e iracheni in 15 anni di guerre Nato e Usa, un vero e proprio genocidio, spendendo 4 milioni di miliardi di dollari, senza UN SOLO motivo valido. Hanno ammazzato il comandante di etnica tagika Ahmad Shah Massoud (che aveva già sconfitto i sovietici e già candidato al Nobel per la pace: leggete gli articoli stupendi di Ettore Mo sul Corriere, non su un giornaletto qualsiasi) 2 GIORNI prima dell’11 settembre, guardacaso, l’unico che combatteva il regime imposto dai talebani a Kabul, cioè lavorava PER noi, a capo dell’alleanza del nord. Il tutto nel totale fallimento americano degli obiettivi geopolitici centroasiatici, nella impasse irachena e dopo 10mila morti della NOSTRA coalizione. Tony Blair ha già chiesto scusa per la guerra in Iraq, dice che lui e Bush si sono sbagliati, ma Colin Powell all’ONU che accusa il falso mostrando la ‘smoking gun’ ce lo ricordiamo: l’unica pistola fumante trovata in Iraq è quella di Blair e Bush: due imbroglioni che hanno scoperchiato il vaso di Pandora dal quale NOI ora vediamo uscire tutti i mali. Un DISASTRO voluto, cercato, pianificato, perseguito e infine ottenuto. Ora paghiamo noi, nei mercatini di Natale.

  13. Mi fa piacere che almeno tu abbia letto questa direttiva. Infatti nella direttiva europea 2013/33/UE c’è una contraddizione tra l’art. 7 e l’art. 8. Mentre nell’art. 7 si prevede libertà di circolazione dei richiedenti asilo e nel primo comma dell’art. 8 è vero che è indicato che gli Stati membri non trattengono una persona per il solo fatto di essere un richiedente asilo ( e già qui emerge una vera e propria discriminazione nei nostri confronti e della nostra sicurezza perchè si mette un emerito sconosciuto quale è di fatto un richiedente asilo, del quale non si conoscono nè la vera identità, nè le intenzioni, nè se racconta balle, nè se è uno jhadista o terrorista su un gradino superiore di privilegi quali la libertà di arrivare clandestinamente e di circolare liberamente nel nostro territorio lesivo dell’art. 3 costituzione), al punto 3 dell’art. 8 invece elenca i casi in cui un richiedente asilo puo’ essere trattenuto che sono per determinare o verificare l’identità o la cittadinanza (caso che è da appurare per tutti), se c’è pericolo di fuga (caso che vale pertutti), per decidere sul diritto del richiedente di entrare nel territorio (caso che è da appurare per tutti), nei casi di rimpatrio, quando lo impongono motivi di sicurezza nazionale o di ordine pubblico (caso che vale proprio per tutti) , per stabilire quale sia lo Stato Membro competente per la domanda (caso che vale per tutti, particolarmente per i siriani o pachistani o afghani che arrivano via terra per i quali l’Italia non è il primo Stato Membro che incontrano bensi’ la Grecia o altri).. Mentre l’art. 8 a partire dal punto 3 è altamente protettivo dei nostri diritti e delle nostre libertà l e uno Stato Membro serio che tiene alla sicurezza dei propri cittadini dovrebbe applicare questo articolo a tutti i richiedenti asilo emeriti sconosciuti che arrivano clandestinamente nel nostro Paese (come sembra faccia l’Ungheria), l’art. 7 è assurdo e discriminatorio e in dubbio di costituzionalità, perchè privilegia un richiedente asilo mettendo questa categoria di sconosciuti su un gradino superiore di diritti e di libertà e minando la sicurezza degli italiani!! In pratica hanno trasformato i richiedenti asilo in una sorta di razza eletta superiore che genera una forma di razzismo al contrario. Visto che la Corte Costituzionale ha stabilito nella sentenza 348/2007 che i trattati europei hanno come limite l’intangibilità dei diritti e principi stabiliti dalla nostra Costituzione si dovrebbero far analizzare queste direttive alla Corte Costituzionale perchè mentre l’art. 7 non puo0′ non far emergere una lesione dei nostri diritti e un privilegio assurdo l’art. 8 a partire dal punto 3 è piu’ che accettabile, costituzionale e protettivo della nostra libertà e sicurezza ed andrebbe applicato a tutti i richiedenti asilo. Siamo noi italiani i veri discriminati e nessuna associazione contro le discriminazioni lo evidenzia!!! Se è facoltà del >Prefetto come tu dici, possibile non si accorga della discriminazione nei nostri confronti?

  14. Mi chiedo se in queste situazioni non sia il caso di serbare un po’ di lutto ed evitare esegesi sul terrorismo e maggiormente quando ruolo, competenze e conoscenze dei fatti non ne richiedono urgenza ne permettono la dovuta profondità. C’è un tempo anche per restare in silenzio.

  15. Mi chiedo se in queste situazioni non sia il caso di serbare un po’ di lutto ed evitare esegesi sul terrorismo e maggiormente quando ruolo, competenze e conoscenze dei fatti non ne richiedono urgenza ne permettono la dovuta profondità. C’è un tempo anche per restare in silenzio.

  16. Troppo comodo stare sempre in silenzio senza affrontare i problemi. A Torino abbiamo visto che ci vorrebbe l’esercito per eliminare il degrado e l’occupazione che è avvenuta nelle case costruite anche con i soldi delle tasse degli italiani per le Olimpiadi. Idem per Roma e altri luoghi in Italia. E quello che è successo in Germania è gravissimo, visto che oltretutto la Germania è lo Stato piu’ accogliente in assoluto ed abbiamo visto come giovani con cittadinanza, ma anche richiedenti asilo si comportano verso chi li accoglie. L’ISLAM non è integrabile e soprattutto non si vuole integrare e prima ne prendiamo atto e smettiamo di concedere cittadinanza e asilo meglio è. Basta cittadinanza e basta asilo e basta immigrazione e dare lavoro agli islamici se è vero che la nostra Costituzione ci consente di farlo visto che l’art. 3 è riservato ai cittadini e il lavoro la Repubblica lo deve rendere effettivo prima per i cittadini italiani come da art. 4. costituzione!!!

  17. L’esegesi del terrorismo islamico è facile da fare basta leggere i versetti del Corano tipo quello che indica:”Getterò il terrore nel cuore dei miscredenti. colpiteli tra capo e collo… non siete certo voi che li avete uccisi è Allah che li ha uccisi”… Sarebbe ora che invece si parlasse ed analizzasse questo versetto che indica a tutti i musulmani di colpire e uccidere infedeli e miscredenti e li tranquillizza sostenendo che non sono loro ad uccidere ma è Allah che li uccide. Sarà per questo che gridano Allah è grande?? Sarà ora che in Europa comincino a tirare la testa fuori dalla terra come gli struzzi e comincino a fare l’esegesi di questi versetti del Corano o per noi non c’è scampo!!!!

  18. Che gente, un po’ di rispetto. Non è la Bordonali che ha ruolo e competenze per affrontare la situazione del terrorismo internazionale ed esternazioni a meno di 24 ore dall’attentato mi sembrano fuori luogo.Si può avere questa opinione senza essere azzannato credo.

  19. C’e` anche in atto una guerra di stupidita`. E chi continua a dire che tutti gli islamici sono terroristi e` in prima linea.

  20. stupido? Come si fa a non nel capire che la nostra sicurezza è un colabrodo?!? E i nostri valori e diritti sono calpestati in una sorta di discriminazione al contrario che mette i RICHIEDENTI ASILO su un gradino di diritti superiori ai nostri garantendo loro persino la libertà di circolazione, senza di fatto non sapere nemmeno con certezza chi siano, le loro intenzioni e nemmeno se avranno poi diritto all\\\\\\\’asilo!?! Anche l\\\\\\\’austera Germania si è dimostrata un vero colabrodo di sicurezza. La stupidità semmai è non accorgersi che queste norme che regalano libertà e diritti a sconosciuti calpestando i nostri, possa in qualche modo discriminarci in una sorta di razzismo al contrario!!! Stamattina si meravigliavano che questo presunto terrorista fosse passato dall\\\\\\\’Italia e andato dalla Germania, circolando in ogni dove: Ma lo spirito di Schengen non è la libera circolazione senza frontiere? Proprio per via di questa libera circolazione interna il regolamento Schengen CE 562/2006 prevede controlli ferrei alle frontiere esterne e proprio in caso di flussi enormi di immigrati clandestini ha previsto l\\\\\\\’intervento di Frontex regolamento CE 2007/2004 col compito non solo di aiutare gli Stati Membri a difendere i confini esterni ma di prevedere anche le migliori soluzioni di rimpatrio dei clandestini presenti negli Stati Membri. Cosa succeda nel mediterraneo ce lo dovrebbero spiegare visto che il Financial Time ha riportato che Frontex avrebbe denunciato in Europa salvataggi sospetti da parte delle ONG che salvano profughi nel Mediterraneo, ma questa notizia è stata soffocata, come mai? Andrebbe anche analizzata la direttiva europea 2013/33/UE e come sia stata ratificata, perchè mentre l\\\\\\\’art. 7 discrimina in una sorta di razzismo al contrario noi italiani e tutti gli europei quando prevede libertà di circolazione per i richiedenti asilo, emeriti sconosciuti dei quali non si conoscono identità, intenzioni, se siano terroristi o jhadisti o anche furbi del mondo, e nemmeno se abbiano diritto di asilo, richiedenti asilo, gli articoli .8 e 10 invece sono molto protettivi per noi dato che prevedono la possibilità, anche se dovrebbe essere un dovere assoluto, del TRATTENIMENTO che significa confinamento in centri determinati privandoli della libertà di circolazione e quando i centri sono pieni all\\\\\\\’art. 10 prevede il carcere con la garanzia di tenerli separati dai carcerati comuni e da chi non richiede asilo. Perciò visto che tutti coloro che arrivano coi barconi rientrano nelle condizioni previste dall\\\\\\\’art.8, dovrebbero essere tutti trattenuti privandoli della libertà di circolazione e non distribuiti nei vari comuni o nei condomini o nelle case private o ancor peggio sugli scogli di Ventimiglia o nei giardini di Como,Milano e altre città. Solo cosi\’ si rispetterebbe la sicurezza e i diritti degli italiani che invece vengono calpestati dalla libertà che si lascia agli sconosciuti che poi non si rimpatriano ed abbiamo visto cosa combinano!!! Certo che fino a che tra le vittime non c\’è una persona vicina il problema come al solito non sembra cosi’ grave vero?

  21. La stupidità europea é la somma degli egoismo meschini dei singoli Stati. Se L’Europa é così lo dobbiamo agli xenofobi che spingendo gli stati a chiudersi in se stessi, impediscono una gestione unitaria ed efficace dell’immigrazione, della sicurezza, dell’economia. Siamo come i polli del Manzoni, che litighiamo tra di noi pur avendo un comune destino. La Bordonali soffia sulla lite tra i polli. Una vera stratega.

  22. Scusate, ma avete visto o letto il “curriculum” del tunisino ricercato per la strage di Berlino ? No ? Allora ve lo riporto dall’agenzia ANSA: “Anis, secondo la Sueddeutsche Zeitung, era arrivato in Italia nel 2012 ed ha poi raggiunto la Germania nel 2015. E’ stato quindi “fermato dalla polizia ad agosto con un falso documento d’identità italiano a Friedrichshafen”, località sul lago di Costanza, al confine con la Svizzera. In quel momento risultava registrato in un centro per richiedenti asilo a Emmerich sul Reno, nell’area di Kleve, al confine con l’Olanda, ma poi il domicilio era stato cancellato dalle autorità. Il giovane, recentemente radicalizzato, avrebbe utilizzato “almeno 12 nomi falsi” tra cui anche “un nome egiziano”, secondo la tv N24.” Avete letto bene ? Pregasi commentare…

  23. Inoltre non é stato possibile espellerlo dall’Italia perché la Tunisia non lo ha riconosciuto come proprio cittadino (usando il soggetto utilizzato almeno 12 nomi falsi). A noi italiani é bastato che sparisse dal nostro territorio, in Germania ha ricominciato da capo il solito percorso, siamo così arrivati alla strage. O condividiamo i rischi e le strategie in tutta Europa o faremo continuamente autogol, beccandoci come i polli del Manzoni, difendendo il nostro meschino interesse.

  24. Che bel colabrodo la sicurezza che gli Stati Europei mettono in pratica. Il Regolamento Schengen regolamento CE 562/2006 a dire il vero è scritto bene in tutte le sue parti e prevede il controllo rigoroso delle frontiere esterne e il rimpatrio di chi non è in regola con le norme previste ma con una grandissima lacuna, la libertà che si lascia agli Stati di poter non mettere in pratica queste rigide norme per ragioni umanitarie e di protezione. Grandissima lacuna che ha innescato nelle menti furbe dei delinquenti il modo di aggirare le norme e rendere i nostri diritti e la nostra sicurezza calpestabili e un colabrodo. Se c’è perciò stupidità quella è tutta da attribuire nel comportamento non di chi viene ingiustamente tacciato di razzismo o xenofobia a sproposito e che da tempo ha capito che sotto sotto, questa invasione, pare proprio essere stata concordata a tavolino, ma di quegli ingenui e creduloni che hanno creduto e voluto far credere agli italiani che chi arrivava coi barconi in Italia erano tutti profughi. Meno male che gliele ha cantate e gliele canta anche Bello Figo quanto sono creduloni. Questo bel tomo tunisino era cosi’ bravo che adesso si scopre fosse stato condannato per rapina a mano armata in Tunisia, arrivato poverino a Lampedusa, visto che scappava dalla guerra ha incendiato il centro di accoglienza di Lampedusa e dopo la galera in Italia anzichè rispedirlo per direttissima in Tunisia, la Tunisia ha fatto la gnorry non riprendendoselo visto che era riuscita a togliersi dai piedi un delinquente. Cosi’ se ne è potuto andare in Germania in un centro di accoglienza libero come il vento di farfe quello che voleva ed abbiamo visto cosa ha fatto:. Quali sarebbero gli Stati Membri egoisti? quelli che alzano i muri contro questa orrenda gestione dell’invasione? Chissà se l’Ungheria ha ratificato della direttiva europea 2013/33/UE solo l’art. 8, 9 e 10 e non l’art. 7 che è discriminatorio nei confronti dei cittadini europei in quanto consente libertà di circolazione e residenza ai richiedenti asilo che altro non sono che emeriti sconosciuti dei quali non si conoscono nè vera identità, nè intenzioni e nemmeno se hanno diritto all’asilo. Si spera invece che dopo Natale l’EUROPA di riunisca per rivedere piu’ che il trattato di Dublino questa direttiva discriminatoria nei nostri confronti all’art. 7 e intensifichi gli art, 8 e 10 inserendo anche un sacrosanto diritto di espulsione all’indirizzo dell’UNIONE AFRICANA , dell’ONU o delle varie Ambasciate AFRICANE sparse in Europa che ci pensino loro a rimpatriarli che è ora. Furbi a mandarci anche gli avanzi di galera per farli mantenere agli italiani!!!!

  25. A dire il vero sarebbe meglio che l’EUROPA si riunisse subito e anche l’ITALIA perchè i parenti dei morti non passeranno un bel Natale anche solo per bloccare intantio gli arrivi. Anche se la TV ieri e come al solito non ci ha informato. La RADIO invece sempre piu’ precisa ha detto che ieri ne sono arrivati altri 300. Dove li metteranno? Sparsi nei vari comuni a nostre spese o finalmente in un centro di identificazione ed espulsione sotto controllo e rimpatriati?

  26. Ieri sera a Dalla Vostra Parte c’era oltre al Salvini che ci piace che ha parlato chiaro e deciso sull’immigrazione e l’ISLAM che ultimamente aveva un po’ tralasciato, anche Fiano del PD persona molto perbene e speriamo metta in atto quello che ha detto sia sul Cara di Mineo che sui Rimpatri. Aliti perciò sul collo di Gentiloni e li mettano in atto questi rimpatri che è ora e non ci possiamo far prendere per il naso dall’Africa!!!

  27. Come facciamo ad essere solidali tra noi europei se guardiamo solo al nostra misero interesse? Vediamo gli altri come nemici ed alla fine ci scanneremo uno con l’altro. O consideriamo gli altri come noi, oppure faremo tutti la stessa misure fine.

  28. L’interesse dell’Europa sarebbe veramente quello di difendere le frontiere esterne dalle invasioni, non di distribuire i falsi profughi ivi compresi i terroristi, che abbiamo capito ormai sono già tra noi e in tanti. Se vogliamo che la libera circolazione possa esserci, si deve impedire che arrivino invasori. Di solidarietà i trattati europei parlano, ma per quel che riguarda i rimpatri e la difesa dei confini esterni. C’è quasi da scommetterci che quel terrorista tunisino sia già qui in Italia. Il fratello ha parlato poco fa in TV ma dice sia cambiato in prigione da noi. Ma se hanno detto stamattina che ha fatto una rapina a mano armate in Tunisia prima di arrivare a Lampedusa e a Lampedusa ha incendiato il centro di accoglienza, come si puo’ credere a quello che dice? Attendiamo che Italia ed Europa chiamino al piu’ presto l’ONU E l’UNIONE AFRICANA, ma anche la Comunità internazionale perchè le regole sull’asilo vanno proprio cambiate prima che sia proiprio tardi e si faccia un bel trattato internazionale che preveda il diritto al RESPINGIMENTO, in zone franche continentali di protezione ONU. Basta dormire sugli allori e farci trattare dal mondo intero da poveri stupidi!!!

  29. Nel corso del terzo trimestre del 2016, il più alto numero di richieste è stato registrato in Germania (con oltre 237.400 domande, il 66% del totale negli Stati membri dell’UE), seguito da Italia (34.560, il 10%), Francia (20.000, pari al 6%), Grecia (12. 400, il 4%), Regno Unito (9.200, 3%) e Austria (8. 400, il 2%). Ma in base alla popolazione, la posizione dell’Italia in classifica cambia: in testa resta la Germania con 2.890 domande per milione di abitanti, seguita dalla Grecia(1.152) e da Malta (1.091), mentre l’Italia è solo settima, con 570 richieste.

    In Italia, nel 3° trimestre 2016, i richiedenti asilo sono giunti soprattutto da: Nigeria (8.450, il 24%), Pakistan (3.195, il 9%) ed Eritrea (2.805, l’8%). Su 20.050 decisioni prese: 11.695 sono state le richieste rigettate (il 58%) e 8.350 sono state le domande accolte positivamente (il 42%), suddivise così: a 1195 cittadini (6%) è stato concesso lo status di rifugiato, a 2865 (14%) è stata concessa la protezione sussidiaria, a 4290 (22%) un permesso per ragioni umanitarie. Tra i gruppi che hanno ricevuto lo status di rifugiato, ai primi posti ci sono: Siriani (250), Nigeriani (135) e Pakistani (115); tra quelli che hanno ottenuto la protezione sussidiaria, ai primi posti troviamo Afghani (945), Pakistani (470) e Maliani (260; tra chi ha ottenuto un permesso per motivi umanitari ai primi posti troviamo: cittadini di Nigeria (665), Gambia (535) e Pakistan (450). Tra chi ha ricevuto il diniego ai primi posti ci sono i cittadini provenienti da Nigeria (2.845), Pakistani (1.950) e Gambia (1110).

    Alla fine di settembre 2016, quasi 1,2 milioni di domande di protezione di asilo negli Stati membri dell’UE sono state prese in considerazione da parte delle autorità nazionali competenti. Un anno prima, alla fine del mese di settembre 2015, erano circa 866 000. Con quasi 689.700 domande pendenti alla fine del mese di settembre 2016 (il 58% della media UE totale), la Germania aveva di gran lunga la quota più alta nell’UE, davanti a Svezia (112.000, il 9%), Austria (81.400, il 7%) e Italia (81.300, il 7%).

  30. Anche se la Costituzione prevede il diritto di asilo però subordinato alle condizioni stabilite dalla legge, e sarebbe ora ci venisse spiegato bene cosa significhi in realtà. Visto che come è anche per il diritto alla libertà esempio di parola, la Corte Costituzionale ha posto dei limiti a questo diritto che non puo’ scadere nell’apologia di reato, a dimostrazione che tutti i diritti anche costituzionali non sono assoluti. C’è da chiedersi poi se anche le varie Corti che impongono allo Stato o decidono loro se dare asilo o protezione sussidiaria o umanitaria rientri nelle loro competenze o se invece è solo lo Stato che deve decidere se e a chi deve dare asilo. Una cosa è certa questo diritto di asilo mai come adesso ANDREBBE ELIMINATO INTERNAZIONALMENTE MA PREVISTO SOLO ESERCITABILE IN CAMPI PROFUGHI CONTINENTALI DI GESTIONE E PROTEZIONE ONU CHE PAGHIAMO PER QUESTO, vista l’invasione in atto, la prepotenza di chi ci invade, l’insicurezza che crea e il colabrodo che emerge e che spiana la strada per i terroristi del mondo. Perchè mai dovremmo dare asilo ai Pakistani, agli Afghani , ai Siriani, agli Africani dei quali l’Europa non è il primo Paese Confinante? Poi si dovrebbe anche studiare l’art. 31 della Convenzione di Ginevra del 1951 che spiega che chi scappa puo’ andare clandestinamente solo nel primo Paese confinante senza essere punito e da li’ puo’ andare in altri Paesi solo se chiede l’autorizzazione e soprattutto se vengono autorizzati. Perciò anche l’invasione dalla Turchia alla Grecia non aveva alcun diritto internazionale di esistere e si sarebbe dovuto riportare in Turchia tutti quelli che arrivavano, cosi’ come tutti gli Africani si sarebbero dovuti riportare tutti in Africa. Ma dato che l’ONU si occupa di tutto quello che non è nello Statuto, come dare le case ai nomadi, e non si occupa invece di quello che è scritto nello Statuto come portare la pace e la sicurezza nel mondo trovare asilo agli Africani in Africa come da Convenzione Africana Rifugiati depositata alle Nazioni Unite , insieme all’UNIONE AFRICANA. UNIONE AFRICANA che nella riunione europea a Malta abbiamo letto nei giornali che nemmeno sia stata invitata. Come pensava l’Europa di risolvere il problema invasione senza invitare l’UNIONE AFRICANA che nella Convenzione Africana Rifugiati è scritto abbia l’obbligo di intervenire e decidere quando piu’ Stati Africani non si trovano d’accordo nel dare asilo? I terroristi sono già copiosi tra noi e prima si interviene cambiando le regole di questo diritto di asilo e protezioni varie che poi quella sussidiaria che abbiamo concesso a un Jhadista di Merano sembra l’abbiamo ratificata solo noi!!! Se ratifichiamo delle protezioni assurde e altri Stati Europei no, come possiamo poi colpevolizzarli se non vogliono profughi? Siamo noi a sbagliare!!!

  31. Trovato a Milano il terrorista della strage di Berlino. Dove poteva andare se non in Italia!!. Ora che ormai è chiaro che i RICHIEDENTI ASILO dovrebbero essere tutti confinati in centri di identificazione ed espulsione e non lasciati liberi e distribuiti nei vari Comuni discriminando gli italiani. Ora che è chiaro che la norma che prevede la libertà per costoro è un colabrodo di sicurezza e una forma di razzismo al contrario, e anche la Germania che la applica è un colabrodo di sicurezza, visto che si lasciano liberi richiedenti asilo che sono terroristi e chissà quanti ce ne sono. Possiamo una buona volta sperare che si ponga fine a questo scempio razzista verso gli italiani e si identifichino tutti quanti, li si pongano in centri specifici privandoli della libertà di circolazione e si pratichino quanto prima i rimpatri prima che sia troppo tardi????

  32. Nessuno, a livello di operazioni di intelligence, aveva segnalazione della presenza del terrorista dopo che si era allontanato dalla Germania. E’ passato dall’Olanda alla Francia e poi a Torino prima di arrivare a Milano in Stazione Centrale e quindi a Sesto San Giovanni. E’stato intercettato assolutamnete per caso da due agenti, di cui uno, quello che ha aperto il fuoco sul terrorista, è in prova da nove mesi nella Polizia di Stato. Bene duqnue il controllo capilare del territorio e la prontezza difronte all’emergenza da parte delle forze dell’Odine. Ma tutto il resto, comprese le infiltrazioni, le protezioni e gli “agganci” in Italia dei terroristi ci sfuggono e impongono ben altre misure di indagine e repressive se, come parrebbe, il terrorista ucciso, che agli agenti ha detto di essere di Reggio Calabria (strano), cercava o aspettava qualcuno lì nel milanese.

  33. E’ stato davvero un puro caso. Strano che di tanti posti dove potesse andare proprio in Italia sia venuto, c’era da scommetterci. . Nessun Paese Europeo è piu’ sicuro fino a che non si prendono seriamente provvedimenti sui controlli uno per uno di tutti quelli che sbarcano, che li si mettano in centri di identificazione privandoli della libertà di circolazione, cosi’ anche i bambini non finiscono nelle mani della criminalità, e li si espellono quanto prima chiedendo un rimborso del loro mantenimento come prevede l’art. 9 della direttiva europea 2013/33/UE e soprattutto è una vergogna da rimediare subito che quando si consegna un foglio di rimpatrio li si lasci liberi. una discriminazione nei nostri confronti abnorme e i terroristi che circolano liberamente lo dimostrano ampiamente. La Merkel ha detto oggi che metterà mano ai rimpatri? Lo stabiliscano per tutta l’Europa che è ora!!! Un grazie al poliziotto che è intervenuto, speriamo però non gli succeda come al povero Ermes che si è visto di dover risarcire il ladro che ha ferito per aver violato il suo domicilio. Ma le associazioni contro le discriminazioni tipo quelle di Trefiletti non possono difendere gli italiani dalle discriminazioni che lo Stato mette in atto quando non identifica gli invasori, li lascia liberi di circolare tra la gente mentre li dovrebbe mettere in centri specifici o anche in carcere separati dai carcerati comuni e da chi non richiede asilo!!!

  34. Bravissimo il giornalista del TGCOM stamattina a chiedere a un Magistrato di Governo, come poteva questo terrorista essere stato in prigione per 4 anni e quando è uscito di carcere per via che la Tunisia ha posto il veto abbia avuto la possibilità di andare libero come il vento in Germania !?!? Queste sono le domande che ci piacciono e che mettono in evidenza le lacune della nostra sicurezza che fanno capire che quando l’ISIS mette la bandiera su Vaticano e gli islamici sostengono che ci sottometteranno con l’utero delle loro donne e le NOSTRE LEGGI, è perchè siamo un colabrodo!!! Come si fa a non trovare i canali di rimpatrio?? Che i diritti del mondo e dei delinquenti e terroristi possano prevalere sui nostri e la nostra sicurezza? Si usino le Ambasciate e che ci pensino loro a rimpatriare!! Hanno mai provato a chiamare ai propri doveri l’UNIONE AFRICANA ? E l’ONU ? l’UNHCR ha poi uffici in tutta l’Africa che provveda lei a rimpatriare e a creare zone franche di protezione in Africa!?! Una cosa l’abbiamo capita Italia ed Europa sono piene di terroristi e furbi del mondo che hanno capito quanto siamo ingenui, creduloni e di come sia facile calpestarci e sopraffarci fino a prevaricare sulla nostra democrazia.

  35. Tacciono i cattocomunisti, tacciono tutti dai vertici alla base. Non si azzardano ad unire la loro condanna a quella del mondo intero contro il criminale islamico che ha deliberatamente ucciso tanti innocenti a Berlino in nome di Allah. Tacciono, richiusi come sempre nella loro gelida , macabra, riprovevole ideologia. Buon Natale anche a loro.

  36. Si sa a che punto sono le indagini per individuare i terroristi che, con le loro minacce (evidentemente molto serie), hanno costretto all’annullamento dell’esibizione di Bello Figo? Ci sono piste che possono portare alla cattura degli autori o le Forze dell’Ordine brancolano nel buio?

  37. Il Natale è passato a tavola coi parenti tra cui un 55enne senza lavoro e senza aiuti economici e nemmeno l’impegno dello Stato a trovare lavoro prima agli italiani come prevede l’art. 4 Costituzione. Nipoti che vivono nel terrore di perdere il lavoro da un giorno all’altro che alternano periodi di lavoro a cassa integrazione. C’è poi chi aveva trovato per 1 anno il lavoro di cantoniere presso un piccolo Comune, ma nel 2017 questo lavoro verrà dato a una cooperativa che chi farà lavorare? Falsi profughi o extracomunitari? Staremo a vedere. E intanto anche l’Europa senza un capillare controllo delle frontiere esterne sta garantendo la libera circolazione ma soprattutto ai terroristi, delinquenti e furbi del mondo anche a causa di direttive assurde come la 2013/33/UE che è altamente contraddittoria e discriminatoria nei nostri confronti di cittadini italiani ed europei, quando all’art. 7 prevede massima libertà di circolazione a emeriti sconosciuti che per il solo fatto che presentano domanda di asilo vengono messi su un piedistallo di diritti che ledono i diritti altrui e discriminano i cittadini, visto che non si sa con certezza chi siano, le loro intenzioni e che potrebbero essere furbi e criminali del mondo che approfittano di leggi colabrodo per venire a farsi mantenere in Europa e portar via quel poco lavoro ormai rimasto. Mentre nella stessa direttiva europea 2013/33/UE c’è gli articoli 8 e 10 sono invece piu’ che accettabili perchè prevedono al contrario che chi rientra nelle condizioni di questo art. 8 (e vi rientrano proprio tutti in queste condizioni, richiedenti asilo e non richiedenti asilo) debbano essere trattenuti ossia confinati in luoghi determinati privandoli della libertà di circolazione e quando questi centri sono pieni è possibile metterli in carcere però separati dai carcerati comuni e da chi non ha presentto domanda di asilo. Non solo allora chi fa domanda di asilo dovrebbe essere tenuto in centri privandoli della libertà di circolazione, ma anche chi non la presenta e che non avrebbe avuto alcun diritto di stare sugli scogli di Ventimiglia o nei giardini delle varie città. Non era e non è un loro diritto non farsi identificare e circolare liberamente per le nostre città. La nostra sicurezza è un vero colabrodo e anche la Germania creduta cosi’ perfetta non tutela per niente il proprio popolo come del resto succede da noi, visto che i clandestini possono fare ciò che vogliono e i falsi richiedenti asilo ci obbligano persino a mantenerli e troveranno probabilmente anche il modo di far prevalere loro e non i nostri nipoti nel lavoro. Prima che il Trattato di Dublino è piu’ urgente annullare l’art. 7 della direttiva europea 2013/33/UE e la nostra legge che recepisce un simile articolo discriminatorio e ingiusto e rivedere il diritto di asilo affinchè non sia mai piu’ fonte di invasione e di sopraffazione di popoli sugli altri. E poi sarebbe ora che si analizzasse l’ISLAM verso il quale tutti ormai hanno paura ed è difficile averne stima e fiducia. Sono ormai solo gli islamici che procurano la guerra nel mondo, si fanno la guerra e si odiano tra loro per una incomprensibile discendenza da Maometto e per un insegnamento che traggono dal Corano che ha al suo interno versetti di odio e di morte. Basta, dare cittadinanza e lavoro a chi non prende le distanze dal loro testo sacro e civile che insegna loro che noi siamo infedeli da eliminare!!! Dagli islamici cosa ci possiamo attentedere? O scateneranno e porteranno la guerra anche da noi, o se raggiungeranno la maggioranza non si faranno scrupoli a sostituire la nostra Costituzione col Corano e la sharia? Chi glielo impedirà? C’è da chiedersi se concedere cittadinanza a costoro senza fare chiarezza non rappresenti una discriminazione nei nostri confronti e non leda la nostra democrazia visto che potrebbe essere annullata quando raggiungeranno la maggioranza. Perchè nessuno affronta questi temi presenti nei discorsi a tavola nel Natale?

  38. la solita brodaglia ideologico-razzista di chi approfitta della paura delle persone per il proprio tornaconto, discorso evidente scritto da un (pseudo-)politico, abituato a farsi grasso con le paure degli altri. Complimenti per le meschinità sull’islam, per il resto rivolgiti direttamente ai tuoi colleghi a Bruxelles e Strasburgo.

  39. Come hai ben capito non sono un politico ma una cittadina comune che ha tutto il diritto di avere paura soprattutto dopo aver visto la vergognosa e libera fuga dalla Germania del terrorista RICHIEDENTE ASILO. Una vergogna senza pari, che dimostra il vero colabrodo della sicurezza in Europa e resa possibile questa fuga dall’errore imperdonabile di considerare i RICHIEDENTI ASILO come una razza eletta che ha diritto alla massima libertà (è questo il vero razzismo ma verso di noi), mentre in realtà altro non sono che emeriti sconosciuti che dei quali non si ha certezza nè della loro identità nè delle loro intenzioni e che potrebbero essere terroristi e jhadisti del mkondo. Anzi abbiamo visto che tra i richiedenti asilo ci sono terroristi e jhadisti che naturalmente vengono lasciati liberi come l’aria. . Fosse facile rivolgersi a quei geni dei nostri rappresentanti europei per chiedere loro come sia stato possibile redigere una simile direttiva europea come la 2013/33/UE cosi’ contraddittoria e discriminatoria verso gli europei e a favore dei richiedenti asilo. Ma anche al nostro Governo che questa direttiva europea ha ratificato con tutte le discriminazioni verso di noi e delle quali nessuno pare essersi accorto. Come puo’ essere accettabile l’art. 7 di questa direttiva europea che prevede massima libertà per i richiedenti asilo che altro non sono che sconosciuti verso i quali non vi è alcuna certezza, ma anche prevedere poi nell’art.8 e 10 della stessa direttiva che chi rientra nei casi previsti dall’art. 8,(e in questi casi vi rientrano proprio tutti) debbano essere trattenuti che significa confinati un un luogo determinato privandoli della libertà di circolazione e quando i centri sono pieni è possibile anche il carcere però tenuti separati dai carcerati comuni e da chi non ha presentato domanda di asilo. Certo che se anche noi italiani fossimo tutelati da tutte quelle associazioni contro le discriminazioni di cui godono gli stranieri, le contraddizioni e discriminazioni contenute in questa direttiva sarebbero state scoperte subito. Cosi’ non è, purtroppo, e gli effetti della discriminatoria libertà che si lascia ai richiedenti asilo tra i quali terroristi e jhadisti, la stiamo vedendo coi nostri occhi e c’è anche chi ci ha lasciato purtroppo la vita a Berlino e non solo. Nessuna meschinità sull’ISLAM ma solo verità e realtà. Basta leggere il Corano per scoprire i versetti di odio e morte che contiene e sarebbe ora che in Europa si facesse chiarezza sul limite della libertà di religione perchè non è accettabile che una religione possa vantare il diritto assoluto di predicare odio e morte per infedeli e miscredenti.

  40. Ma che politico, e` NONNA ASSURDA. Il nome dice gia` tutto. Non lo sapevi ecco perche` hai letto uno dei suoi sproloqui che tutti conoscono e piu nessuno legge.

  41. Gli sproloqui saranno semmai i tuoi. Io mi baso sulle leggi che a quanto pare nessuno vuol prendere in considerazione, altrimenti sarebbe subito evidente, che i veri DISCRIMINATI e il VERO RAZZISMO è quello che stiamo subendo noi, e lo dimostra il fatto che quel terrorista , richiedente asilo ha potuto compiere l’atto terroristico che ha compiuto in piena libertà e in piena libertà ha potuto raggiungere Milano passando per tanti Paesi Europei, per un assurda libertà che si concede ai richiedenti asilo che come abbiamo visto oltre ad essere sconosciuti della cui identità e intenzioni non vi è certezza, tra loro sono ben presenti terroristi e jhadisti del mondo. Ma la Magistratura dov’è? Il TAR è appena intervenuto per annullare una ordinanza fatta dalla Raggi a Roma per i fuochi di capodanno e non interviene si questi richiedenti asilo che circolano liberamente? Mi pare che sia questo una vera assurdità o no? Anche ieri sera su RAI 1 ci hanno fatto vedere i migranti sfruttati in Sicilia, ma l’USL dov’è ? E l’ispettorato del lavoro dov’è? Non dovrebbero essere loro ad intervenire nei casi di sfruttamento del lavoro?

LEAVE A REPLY