Valsabbina, Flocchini (Comunità montana): azionisti preoccupati, vigileremo

26
Bsnews whatsapp

(a.t.) “La Comunità sta seguendo con grande attenzione le vicende collegate a una banca importante per il nostro territorio”. A dirlo –-intervistato da BsNews.it – è il presidente dell’ente comprensoriale che raccoglie i Comuni della Valsabbia, il leghista Giovanni Maria Flocchini, che commenta così il fermento nato attorno a Banca Valsabbina, i cui vertici sono oggetto di pesanti critiche da parte di un comitato di piccoli azionisti nato poche settimane fa.

“Registriamo una grande preoccupazione su questa vicenda”, ha dichiarato Flocchini, “l’auspicio è che gli azionisti possano ricevere le risposte che si aspettano, recuperando gli investimenti fatti. Altrimenti si tratterebbe di un danno importante”

Flocchini, quindi, sottolinea di non aver ricevuto richieste di incontro dal comitato degli azionisti “ribelli”, ma spiega di essere pronto a riceverne i vertici qualora lo dovessero chiedere. Inoltre afferma di condividere la richiesta di convocare un’assemblea dei soci il prima possibile perché “per gli azionisti si tratterebbe di un momento importante di chiarimento e di discussione delle strategie future”.

La Comunità montana della Valsabbia – evidenzia Flocchini – non ha competenze in materia, ma “si tratta di una realtà importante per il territorio e noi, come istituzione, siamo osservatori interessati”. Ricordiamo che la Comunià, fino al 2014 era anche tra gli azionisti dell’istituto. Ma le 898 azioni in portafoglio dell’ente sono state vendute nel 2014 – in virtù della legge che obbliga a dismettere le partecipazioni non strategiche – a un prezzo più che doppio dell’attuale.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

26 COMMENTI

  1. Ho letto prima di Natale un articolo, sia qui che su Vallesabbianews, relativo ad una operazione di cessione di mutui ad un’altra società. Vorrei capire cosa comporta per coloro che hanno stipulato dei mutui con la Banca Valsabbina.

  2. a te comporta che il tuo mutuo viene cartolarizzato e che quindi farai fatica in futuro, se vorrai, a fare la rinegoziazione con altra banca

  3. Il fatto che il tuo mutuo sia stato cartolarizzato, non incide sul fatto che tu possa rinegoziarlo con la Banca Valsabbina (non con altra banca) oppure che tu possa trasferirlo tramite surroga su altra banca. I costi sono a carico di banca Valsabbina.

  4. LE INFORMAZIONI NON MI MANCANO….
    La rinegoziazione non la fari mai con UN’ALTRA BANCA ma solo con Banca Valsabbina.
    Se la Banca Valsabbina non vuole rinegoziarlo, NESSUNO TI IMPEDISCE DI FARE LA SURROGA CON UN’ALTRA BANCA.

  5. Mi piacerebbe sapere due cose in merito a questo articolo : 1a – perchè un socio azionista come me , che ha perso alcune migliaia di euro viene definto ” ribelle ” ? 2a – cosa vuole dire ” vigileremo ” ? Grazie

  6. Buongiorno, il termine “ribelle” è riportato tra virgolette e indica, con semplificazione giornalistica, il fatto che il Comitato ha dichiarato apertamente di contestare gli attuali vertici della banca.

  7. Posso dire che il comportamento di una banca che dopo aver stipulato un mutuo mi “vende” ad un altro soggetto che non conosco senza neanche avvisarmi sarà anche legale ma non mi piace per niente.
    Mi piacerebbe sapere quanti di quei mutui che sono stati “venduti” sono intestati a dei soci della banca.

  8. Due precisazioni: 1 Io sono stato avvisato tramite apposita comunicazione da Banca Valsabbina circa la cessione dei miei rapporti; 2 ho letto che i mutui sono stati ceduti ad una società veicolo costituita ad hoc (Valsabbina SPV1 srl), che ha emesso titoli sottoscritti dalla stessa Banca, che tra l’altro NON ha delegato la gestione dei rapporti a nessun altro. Quindi per chi ha un mutuo, per chi vuole surrogare, non cambia nulla, perchè è sempre la stessa banca a gestire tutto.

  9. E’ importante che una istituzione faccia da trat d’union tra socioz4n7p7xw e Banca Valsabbina perchè sono troppi i problemi lasciati solo all’indifeso socio

  10. E\’ importante che una istituzione faccia da trat d\’union tra socio e Banca Valsabbina perchè sono troppi i problemi lasciati solo all\’indifeso socio

  11. E\\\’ importante che una istituzione faccia da trat d\\\’union tra socio e Banca Valsabbina perchè sono troppi i problemi lasciati solo all\\\’indifeso socio

  12. Mi sembra tutto molto strano. Antonio 70 sostiene che “i mutui sono stati ceduti ad una società veicolo costituita ad hoc (Valsabbina SPV1 srl), che ha emesso titoli sottoscritti dalla stessa Banca”. Ma la società Valsabbina SPV1 srl, che è stata costituita “ad hoc” è della Banca Valsabbina? Perchè in caso affermativo avremmo un paradosso: la Banca vende i suoi mutui ad una sua società per poi (di fatto) ricomprarseli sottoscrivendo i titoli emessi dalla società.

  13. però i tassi dei mutui proposti dalla banca sono sempre molto buoni, io e la mia famiglia siamo molto soddisfatti. cosa c’è da criticare?

  14. Sono socio di BV con 100 azioni ed ho anche un mutuo (cartolarizzato) con BV a condizioni molto Buone. Un mio amico ha fatto la surroga del suo mutuo CARTOLARIZZATO fatto con Unicredit in BANCA VALSABBINA senza problemi E SENZA COSTI AGGIUNTIVI. LA STESSA REGOLA VALE PER TUTTE LE BANCHE.

  15. Cerco di rispondere a “Vorrei capire”: con i titoli rivenienti dalla cartolarizzazione detti ABS la banca può procurarsi nuova liquidità presso la BCE mettendo gli stessi titoli quale garanzia del prestito. In sostanza invece di utilizzare la raccolta si fa prestare i soldi dalla BCE per impiegarli. Una sorta di leva finanziaria.

  16. Qualche mese fa ho visto un film americano sui mutui sub-prime (credo si scriva così) che hanno portato alla crisi finanziaria del 2008. Se ho ben capito, ed è una riflessione generale che può anche non riguardare il tema specifico, si creano (con lauti compensi ai consulenti) degli strumenti finanziari derivati da quelli primari. I numeri crescono assieme ai rischi.

  17. I mutui subprime cartolarizzati ai tempi della crisi erano prestiti spacciati per buoni ma che si sono rivelati marci solo che lo si è scoperto solo dopo. Se la BCE prende a garanzia questi ABS di Valsabbina si PRESUME che i mutui ceduti siano, in questo momento, sani. Quindi non si tratterebbe di subprime ma di prime loan (prestiti primari). Poi tutto può deteriorarsi col tempo ma il futuro non lo conosce nessuno. Resta il fatto che per rendere profittevole l’attività bisogna ricorrere a questi strumenti raddoppiando di fatto i prestiti senza nuova raccolta. Dammi una leva e ti alzerò il mondo.

  18. allora hanno comperato nuovi sportelli con i mie soldi???io sono ingnorante in materia,,,,quello che so è che i miei risparmi si una vita si sono dimezzati!!!!!!

  19. non hanno comprato con i tuoi soldi, anzi la hypo ha dovuto pagare Valsabbina per prendere le filiale in quanto Valsabbina salvava conti correnti e posti di lavoro.. #ODIOILPOPULISMOBRES CIANO

  20. Sarà che questi sono mutui “sani” ma perchè la banca li ha venduti ad una sua società? Mi risulta che di solito queste operazioni si fanno con soggetti terzi che valutano il credito; nessuno compra crediti altrui al valore nominale.
    Anch’io non sono favorevole al populismo bresciano ma la realtà è che i risparmiatori valsabbini hanno perso migliaia di euro in un titolo che credevano sicuro. Perchè gli era stato detto che era sicuro.

  21. valsabino azio ha compreso quello che intendevo io,,,,,io non volevo guadagnare,,,ma trovarmi il mio tesoretto al sicuro,,,,la banca della mia valle,,,,

RISPONDI