Burqa, Bordonali ancora all’attacco: vietarne la vendita in Italia

43
Bsnews whatsapp

"Chiediamo al Governo di vietare l’importazione e la commercializzazione del burqa sia per motivi di sicurezza che per ragioni culturali. Proprio come ha fatto il governo del Marocco qualche giorno fa". E’ la proposta dell’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali.

SERVE NORMATIVA NAZIONALE – "Chiediamo da tempo di introdurre inoltre una normativa nazionale chiara e non interpretabile, che vieti di circolare nei luoghi pubblici con il velo islamico integrale. La Regione Lombardia ha gia’ vietato l’ingresso con burqa e niqab negli ospedali e negli uffici regionali. Il Governo – ha concluso Bordonali – segua il nostro esempio e prenda provvedimenti decisi contro questo simbolo di sottomissione".  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

43 COMMENTI

  1. Il Governo italiano e quello europeo in pratica discriminano gli italiani e gli europei evitando con cura di affrontare i nostri diritti umani e lasciando circolare burqa e niqab in Italia e in tutta Europa. Ben venga una bella interrogazione al Governo affinchè vieti questa dissimulazione del volto non solo all’interno dei luoghi pubblici ma anche all’esterno che come ha stabilito la Corte Europea dei diritti dell’Uomo lede i nostri diritti e le nostre libertà e i valori minimi di uno stado democratico. Ma siamo ancora uno stato democratico se si fa finta di non vedere e non si prendono provvedimenti? Persino il Marocco lo vieta, da non credere!!!

  2. Io non lo ho mai visto un burqa in giro per le strade. Alla Bordonali interssa solo fare propaganda anti-islam. Delle donne umiliate e sottomesse non gliene frega un tubo. Soprattuto se sono straniere.

  3. In pratica le idee della Bordonali coincidono con quelle di una monarchia come il Marocco: alla fine, gli estremisti sono tutto uguali. Andassero a vivere in Marocco.

  4. IO DI BURQATE ne vedo spesso, in centro a Brescia: i vigili mai? Pur ritenendo strumentale la litania della Simona ritengo, in Italia, la lotta al burqa ed affini, oltre che una difesa e rivendicazione d’identità,un aiuto alle donne deboli, indifese e sottomesse.

  5. Ben venga l’insistenza della Bordonali e le prese di posizione prese unicamente dalla Regione Lombardia che li vieta purtroppo solo all’interno degli edifici pubblici e non anche per strada come sarebbe doveroso ma che purtroppo non è di competenza regionale. Il problema è che i Burqa non sono solo a Brescia ma in tante altre città italiane. Anche a Pordenone un bravo giudice ha da poco condannato una islamica in burqa che era entrata in luogo pubblico e non voleva scoprire il volto. Ma nessuno ne ha parlato. Nemmeno in TV dove questa estate si è tanto parlato di burqini in tutte le TV, ma il problema burqa proprio non lo vogliono affrontare in nessuna rete televisiva. Forse perchè sanno che la libera circolazione in Itaklia e in Europa è una discriminazione verso gli italiani e si accorgono che andrebbe vietato in tutta Europa e in Italia e non lo si fa? Ma che bella discriminazione verso italiani ed Europei che concedono!!!

  6. Tempo fa ho letto su un giornale che in Canada si concedeva la cittadinanza alle islamiche consentendo loro di indossare il burqa anche al momento della concessione della cittadinanza. Che delusione anche il Canada! Chissà se la burqata di Pordenone, visto che si è letto che aveva ricevuto la cittadinanza italiana da poco, si sia presentata per ricevere la cittadinanza italiana in burqa e anche in questo caso si sia rifiutato di toglierlo. Certo non si puo’ non riflettere che concedere la cittadinanza a una donna in burqa possa significare concederla a chi giura sulla Costituzione che prevede la democrazia indossando un simbolo culturale e religioso che come ha stabilito la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, lede non solo i nostri diritti e libertà, ma anche i valori minimi di uno Stato Democratico!?! Sarebbe un giuramento falso o no? Ma le femministe dove sono finite? Sotto a un burqa?

  7. Si spera che se la Lega andrà al Governo blocchi subito la concessione della cittadinanza italiana agli islamici. Che non succeda come in Kosovo che la guerra si è scatenata a quanto pare a causa degli islamici che diventati tanti hanno voluto imporsi. Noi temiamo non solo l’ISIS che porterà guerra e morte, ma anche il cosiddetto ISLAM moderato perchè proprio tramite la cittadinanza facile e per via della loro maggiore prolificità, diventando molto presto maggioranza potranno trasformare senza problemi la nostra democrazia con la loro teocrazia islamica e la nostra Costituzione col Corano e la sharia. Chi glielo potrà mai impedire? E impedirglielo significherà innescare probablmente un guerra? Meditiamo visto che la legge internazionale sulle discriminazioni consente discriminazioni tra cittadini e non cittadini e anche la nostra costituzione prevede per gli stranieri l’art. 10 e non l’art. 3

  8. Cominci a delirante alle 5,34. Pigliate na pastiglia! Guarda che l’insonnia fa molti piu` danni dei burqa e della meningite: aumenta il rischio di demenza.

  9. Non so se via vero ma dicono che sia stata la meningite a provocare a Nola l’assalto al pronto soccorso! E sia stata la paura dell’ISIS a far scappare la gente dal cinema dove era entrata una famiglia islamica a Torino. Come vedi la paura è un sentimento naturale che nasce in tantissime persone, soprattutto se non c’è chi ha la capacità di rassicurarti. Apprezzabile l’onestà di Gabrielli nel sostenere che con l’ISIS si dovrà fare i conti anche in Italia, ma non si meraviglino se poi la gente si spaventa visto che la causa sarà poi da ricercare anche nella sottovalutazione che in questi anni è stata fatta sia sull’immigrazione/in vasione clandestina vero e proprio colabrodo anche per la sicurezza e dell’ISLAM in generale ivi compreso quello cosiddetto moderato. Troppo comodo liquidare le proprie incapacità accusando gli altri di malattie mentali inesistenti.

  10. La paura é un sentimento naturale, ma la fobia é patologica perché immotivata o esagerata. I terroristi vogliono provocare paura e chi ci casca diventa strumento inconsapevole nelle loro mani. Non é colpa della nonna: la nonna é una povera vittima che si dimena nella paura senza sapere cosa fare per uscirne, alimentando altra paura in altri persone deboli come lei. Ovviamente non possiamo certo seguire le indicazioni di chi é governato dalla paura.

  11. Non tutto la paura vien per nuocere. Se è vero che è stata la paura della meningite difficilmente distinguibile dalla influenza per chi ha febbre alta e mal di testa e non è medico, a procurare l’assalto all’ospedale di Nola. Questo ha evidenziato quanto sia diventato sempre piu’ ridotta all’osso la nostra sanità, tanto che non ci sono letti sufficienti. Posti letto che diminuiscono di anno in anno e anche piccoli ospedali che si chiudono, tanto che quei bambini che che tanto accusano gli italiani di non mettere piu’ al mondo, mai come adesso nascono per strada o nelle ambulanze lungo il percorso per difficoltà di raggiungere gli ospedali sempre piu’ lontani. Anche la sanità dopo la modifica del titolo V del 2001 è stata una catastrofe!!! Prima era mille volte meglio.

  12. Tutti fuggiti per paura di una famigliola islamica che entra al cinema? Molto piu` pericolosi i nostri cattolicissimi connazionali: sfiguratori di fidanzate con l’acido, assassini sedicenni dei genitori, tirturatori minorenni di barboni, lanciatori tredicenni di pietre dai cavalcavia delle autostrade (ultimo episodio nel cattolicissimo e leghistissimo Veneto), violentatori domestici: abusi psicologici, psichici e sessuali, corruttori, truffatori di pensionati, ladri miliardari, ecc,ecc,ecc. E nessuno di loro ha mai letto il Corano. Mentre una tranquilla famiglia islamica che dimostra il desiderio di integrarsi nei nostri costumi sedendosi in un occidentalissimo cinema italiano dimostra una civilta` esemplare.

  13. Sul fatto che ci siano figli che massacrano i genitori oppure fidanzati che uccidono o gettano l’acido che deturpano per sempre le fidanzate è davvero orribile e spero si preveda per costoro delle punizioni esemplari, tipo ergastolo. La violenza è sempre da condannare chiunque la eserciti anche se sono italiani. Quanto alla famigliola è vero che non aveva intenzioni violente, ma nessun musulmano ha mai preso le distanze dal Corano e dai suoi versetti di odio e non è chiaro se lo possa fare, ed è quindi difficile distinguere chi possa seguirli alla lettera e chi invece no. La differenza è che mentre la nostra religione e il nostro codice civile non ci insegnano ad uccidere e chi lo fa disubbidisce a queste regole, nell’ISLAM è proprio il Corano che è testo religioso e civile ad insegnare di ritenere infedeli e miscredenti da eliminare. La differenza è palese.

  14. “nessun musulmano ha mai preso le distanze dal Corano e dai suoi versetti di odio”?? Perché, tu li conosci TUTTI?? Ma smettila di dire fesserie. Rileggiti il vecchio testamento e dimmi se non è un libro di guerra: nonostante ciò vado in parrocchia lo stesso.

  15. Nessun islamico residente in Italia (oltre 1.600.000) mi risulta abbia mai messo in pratica i versetti coranici ma, grazie alle persone come la nonna che vogliono a tutti i costi la guerra di religione, puo` darsi che alcuni di loro, prima o poi, perdano la pazienza e si stufino di essere considerati brutti, sporchi, cattivi e tutti terroristi. Allora magari si lasceranno influenzare dai veri terroristi e, come vogliono quelli come la nostra nonna, accetteranno di partecipare alla guerra di religione. E allora ringrazieremo la nonna e i suoi amici, i veri soldati dell’ISIS.

  16. La nostra Chiesa ha messo una pietra sopra al Vecchi Testamento e il V Comandamento indica di non uccidere. Quello che mi sono sempre chiesta è come mai Pannella che ha sempre lottato per introdurre diritti laici in contrasto con la Chiesa on abbia mai speso una parola nei confronti dell’ISLAM, Idem per la sinistra. Quello che io penso è che l’ISIS porterà sicuramente guerra e morte, ma io temo anche l’ISLAM moderato perchè potrà con la cittadinanza e la loro maggiore prolificità arrivare una volta raggiunta la maggioranza a sostituire la nostra democrazia con la teocrazia islamica e sostituire la nostra Costituzione col Corano. Perciò l’unico modo pacifico per non scatenare guerre civili un domani quando questo problema potrà affiorare penso che sia non concedere piu’ la cittadinanza italiana, cosi’ non potranno raggiungere la maggioranza e sostituire la Costituzione col Corano. Avvalora ancor piu’ questo mio pensiero dopo che sere fa da Lilli Gruber è stato reso noto un sondaggio nel quale sono molti gli islamici che sostituirebbero la nostra morale, le nostre regole , che vedono Israele come il male del mondo ecc.ecc. Sto proprio leggendo ora su La Verità che Fiano del PD abbia molto criticato quanto appreso, meno male!!!

  17. Tralascio di commentare le comiche elucubrazioni sulla costituzione sostituita dal corano perche` Ridolini fa piu` ridere. Passo quindi subito all’argomento iniziale della nostra nonna. La Chiesa non ha messo alcuna pietra sull’antico testamento che fa tuttora parte integrante della Bibbia. IL VECCHIO TESTAMENTO E’ ANCORA VALIDO? La risposta a questa domanda ce la dà Gesù stesso: «Non pensate che io sia venuto per abolire la legge o i profeti; io sono venuto non per abolire ma per portare a compimento. (Matteo 5:17) Allora il Vecchio Testamento non è stato abolito; dunque è valido ed è stato portato a compimento dal Nuovo, che è parte integrante della Bibbia. In pratica quando noi facciamo riferimento alla Bibbia intendiamo sia il Vecchio che il Nuovo Testamento in un perfetto insieme, letto alla luce dello Spirito Santo.

  18. Una pietra sopra??? Il VT è ancora un testo canonico per Santa Romana Chiesa! È da lì che viene il Dio Padre! Ma di cosa parli? Usi con troppa facilità le parole come TUTTI, MAI, SEMPRE… Non è una correzione grammaticale, è indice del fatto che ti sfugge completamente la complessità della realtà, che la ignori. Già solo il fatto di pensare che un miliardo di musulmani possano concepire l’omicidio dell’infedele come legittimo e anzi auspicabile… sarebbe ridicolo se non che è opinione tragicamente diffusa, diffusa specialmente dalle tue fonti.

  19. Ogni giorno c’è spargimento di sangue nel mondo ad opera degli islamici al grido di Allah! Nessun atto terroristico a mia memoria mi risulta sia stato fatto in nome del nostro Dio.

  20. A proposito di fonti. Chissà come mai nel 2007 lo Stato italiano ha pensato di scrivere quel fantastico documento titolato Carta dei Valori Cittadinanza e Integrazione D. 23/4/2007 che indica che nella nostra democrazia è proibita la poligamia, non sono accettabili forme di violenza in nome della religione, addirittura all’art. 26 indica che non sono accettabili forme di vestiario che coprono il volto perchè ciò impedisce il riconoscimento della persona e la ostacola ad entrare in rapporto con gli altri. Questo documento prova di come abbiano letto bene il Corano ed evidenziato le incompatibilità con la nostra democrazia. Peccato non l’abbiano trasformato in legge.

  21. In Italia la poligamia è reato previsto dall’articolo 556 del Codice Penale, punibile da uno a cinque anni, altro che Carta dei Valori, le forme di violenza sono tutte vietate (tranne i casi di difesa legittima) non solo quelle per motivi religiosi. Non centra nulla il corano o la bibbia o la torah o chissà che altro… come sempre parli a sproposito.

  22. Senza andare alle crociate, ai roghi dell’inquisizione ecc., ecco una carrellata di alcuni delitti e eccidi più recenti di fanatici o terroristi cristiani e cattolici: il Genocidio del Rwanda, i massacri Ugandesi dei Cristiani dell’Esercito di Resistenza del Signore, i massacri dei Cristiani anti-Balaka in centro Africa, i massacri cristiani di Karantina, Tel al-Zaatar, Sabra e Shatila, Eric Robert Rudolph, l’attentato alle Olimpiadi di Atlanta e altri attentati, l’assassinio del medico abortista George Tiller, l’assassinio del medico abortista John Bayard Britton, l’assassinio del medico abortista Barnett Slepian, lo sventato attentato dei Concerned Christians alla moschea di Al-Aqsa, e mi fermo qui. Eppure nessuno ha in mente di dire che tutti i cattolici sono fanatici o terroristi, come fate voi con gli islamici.

  23. Questi fanatici cristiani non hanno compiuto questi crimini in nome di Dio o perchè Dio lo abbia imposto loro. Il V comandamento ordina di non uccidere e nessun cristiano è giustificato a farlo!!

  24. comunque uccidono anche i cristinani. I fanatici sono fanatici. Troppo comodo condannare solo i fanatici degli altri e non riconoscere i propri.

  25. … e comunque sarebbe anche ora che qualcuno a sinistra si ricordasse che le conquiste di emancipazione della donna sono state condotte lungamente proprio dal pensiero progressista, alla faccia dei burqa et similia di ogni ordine e grado, quando imposti e ove riducano la dignità e la libertà della persona (e in primis in rispetto delle leggi sul travisamento del volto e quindi dell’identità), esclusi i casi in cui ciò sia una libera scelta, come capita a mia zia suora, che porta il velo dal 50 anni, e provate a farglielo togliere.

  26. A furia di lamentarsi sono diminuite, ma stavano crescendo come i funghi. Comunque ne basta anche 1 sola che circola per discriminare tutte le persone che incontra,.e non solo IN iTALIA, ANCHE IN TUTTA eUROPA CHE SE SI VUOLE DEFINIRE ANCORA DEMOCRATICA E COME HA SCRITTO NEI TRATTATI EUROPEI CI HA PROMESSO CHE L’eUROPA SAREBBE STATO un luogo di pace, sicurezza e giustizia, dovrebbe provvedere quanto prima a vietarlo in tutti gli Stati d’Europa e non solo all’interno dei luoghi pubblici, ma anche per strada. Ancora mi chiedo cosa ci faccia l’associazione contro le discriminazioni all’interno del Ministero dell’Interno, se non ha nemmeno letto la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 2014 verso la Francia che stabilisce che dissimulare il volto con burqa e niqab, lede i vaslori minimi di uno Stato democratico e i diritti e libertà altrui, le nostre. Chissà se Minniti l’avrà letta questa sentenza e provvederà a tutelare questa volta i nostri diritti dell’Uomo!!!

  27. Nessuno e` giustificato ad ammazzare, pero` se uno lo fa e poi si pente davanti al primo don disponibile viene assolto con un segno della croce (io ti assolvo in nome del padre del figlio e dello spirito santo), e un pateravegloria. E poi via felice con l’anima smacchiata.

  28. I tempi sono cambiati anche nella Chiesa. Ricordo che 50 anni fa i preti non davano l’assoluzione quando una donna non si pentiva di essere andata a ballare!!! Per fortuna la legge della Chiesa non è parallela con quella civile come nell’ISLAM e chi uccide va in galera in base alle leggi laiche, anche se per troppo poco tempo. Andrebbe ripristinato l’ergastolo.

  29. La Chiesa poi oggi piu’ che mai sta deludendo enormemente perchè si butta a capofitto in difesa dei migranti.e fa politica. Quando si legge sui giornali che invoca nuove regole per i migranti come la cittadinanza o ius soli , senza considerare i rischi che una cittadinanza puo’ comportare come la rapida maggioranza islamica è davvero sconvolgente

  30. Dati alla mano sono molto piu` pericolosi gli italiani che gli ospiti islamici. La nostra cosiddetta “civilta`superiore” riesce a generare mostri spaventosi: sedicenni che trucidano i genitori, giovani che sfigurato l’ex fidanzata con l’acido, giovani che, svuotati di ogni valore, per ammazzare la noia, uccidono a bastonate poveri barboni, giovani che per ammazzare la noia uccidono ignari automobilisti lanciando pietre dai cavalcavia (un mio ex compagno di lavoro ha perso cosi` la figlia alcuni anni fa), italiani che truffano le vecchiette prelevando loro la pensione. madri che avvelenano le figliolette, ecc.ecc.ecc. Se la nostra viene considerata “la civilta` superiore” evidentemente c’e` qualcosa che non quadra.

  31. Nessuno ha mai detto che tra gli italiani non ci siano criminali ed assassini, magari!!! Proprio per questo sarebbe meglio evitare di aggravare ulteriormente la situazione facendo arrivare tra noi l’ISLAM , tra cui l’ISIS che porterà guerra e morte, ma anche quello cosiddetto moderato che con la concessione della cittadinanza facile arriverà ben presto a maggioranza con la possibilità di sostituire persino la nostra democrazia con la loro teocrazia e la costituzione col Corano e Sharia. Già in Inghilterra sono riusciti ad inserire i tribunali islamici, il che è pazzesco. Come ha potuto il Regno Unito cedere a una simile realtà!?! Fortuna che è uscita dall’Europa.

  32. Quali dati alla mano? E’ uscita questa estate una ricerca sul Sole 24 ore che gli immigrati (tutti non solo i musulmani) delinquono sei volte di più degli italiani. Se ti piacciono tanto vai a vivere nei loro paesi dove ai ladri tagliano le mani.

  33. Le mele marce ci sono ovunque, italiano o stranieri. Gli italiani sicuramente delinquono di più con l’evasione fiscale, perché é lì che posso rubare. Però credo che la maggior parte delle persone, sia italiani che stranieri, siano brave persone.

  34. Dossier Idos/Unar. Nel periodo 2004-2013 le denunce penali verso italiani, a fronte di una popolazione in leggera diminuzione, sono aumentate del 28% mentre quelle a carico di stranieri, a fronte di una popolazione più che raddoppiata, sono diminuite del 6,2%. Calano anche i detenuti stranieri, che continuano a non godere di benefici premiali.

  35. Temo che la tua sia fatica sprecata, come cercare di far capire nozioni basiche di astronomia ai seguaci di Paneroni (solo che il vecchio Giovanni era simpatico, faceva anche il gelato e il tirapicio e non faceva male a nessuno).

  36. L’UNAR che se non erro è quella associazione dentro al Ministero dell’Interno contro le discriminazioni, farebbe bene a tutelare anche le discriminazioni contro gli italiani, come la libera circolazione dei Burqa e Niqab in tutta Italia non solo all’interno dei luoghi pubblici ma anche all’esterno ossiam nei giardini e per le strade. Si dovrebbe leggere l’UNAR, la sentenza della Corte Europea dei diritti dell’Uomo e si accorgerebbe che non solo la Corte Costituzionale francese considera legittimo vietarli per motivi di sicurezza, ma persino la Corte Europea li definisce lesivi dei diritti e libertà altrui, le nostre e dei valori minimi di uno Stato Democratico. Come mai invece si spertica per tutelare i diritti degli immigrati e non tutela le discriminazioni verso gli italiani ?

RISPONDI