Industria 4.0? le nostre aziende sono pronte?

0

«Prima di parlare di industria 4.0, di robot collaborativi o di realtà aumentata, bisognerebbe investire in cultura digitale, almeno per le Pmi»: a lanciare l’appello al mondo delle piccole e medie imprese bresciane è Davide Corna, fondatore e amministratore unico di Valeo Studio, web agency di Bergamo specializzata in servizi di web produzione e web marketing.

Cosa si intende per industria 4.0 e perché il Politecnico di Milano l’ha definita la rivoluzione delle rivoluzioni?

Nel corso della storia le rivoluzioni industriali hanno consentito di migliorare i processi produttivi, dall’utilizzo dell’acqua per azionare i telai alla corrente elettrica per i motori fino all’utilizzo di macchinari automatizzati. Oggi la fabbrica moderna deve andare oltre gli antichi driver di sviluppo legati a maggiore flessibilità, velocità, produttività, qualità e, ovviamente, competitività.

In che senso?

La complessità dell’industria 4.0 va di pari passo con la necessità di introdurre nella filiera produttiva e gestionale di un’azienda robot collaborativi interconnessi, stampanti 3d, realtà aumentata, simulazione tra macchine interconnesse, integrazione delle informazioni, comunicazione multidirezionale tra produzione e prodotti, gestione di dati su sistemi aperti, sicurezza di rete e dei sistemi aperti e analisi dati per ottimizzare prodotti e processi.

Non sono investimenti troppo pesanti per i bilanci di una Pmi?

Si ma la questione è un’altra. Oltre a essere strumenti non ancora alla portata di molte aziende di piccole e medie dimensioni per molte Pmi non sono nemmeno necessari. Mi riferisco al fatto che ci sono molti processi che possono o meglio, che devono essere migliorati. Prima di parlare di industria 4.0 bisognerebbe infatti parlare di informatizzazione completa di tutti i processi aziendali.

Processi di che tipo?

Processi come la gestione degli ordini. Sono tante, ad esempio, le aziende dove ogni mattina si stampano su carta centinaia di ordini pervenuti il giorno precedente che vengono poi smistati a mano singolarmente nei magazzini dislocati sul territorio affidandosi al singolo magazziniere il quale, in fase di caricamento camion, cancella a penna ogni singola riga dell’ordine caricato.

Come migliorare?

Per evitare che ogni sera tutti i fogli tornino in sede per essere poi reinseriti a mano nel gestionale basta una semplice App con cui, ogni mattina, tutti gli ordini vengono inviati automaticamente dal gestionale alla App che li smista automaticamente ai singoli tablet dei singoli magazzinieri dei diversi magazzini i quali fleggano sulla App il carico camion. In questo modo anche il report in tempo reale è sempre visibile sul gestionale aziendale.

E riguardo alla produzione?

Nelle aziende con bellissimi e moderni impianti, anche robot di assemblaggio, spesso il controllo qualità avviene per ogni singolo lotto e su moduli cartacei prestampati. Abbiamo sviluppato una App che consente di dialogare in tempo reale con il gestionale aziendale grazie a un tablet montato a bordo macchina che richiede all’operatore un fleg per ogni step di controllo qualità. Così anche il gestionale aziendale riceve in tempo reale lo stato di controllo per ogni singolo lotto di produzione.

La tecnologia è di aiuto anche nel commercio online?

Per un’azienda del commercio all’ingrosso alimentare che aveva la necessità di accorciare i tempi sulle promozioni di fine scorta o sui prodotti in prossima scadenza abbiamo costruito una App B2B da far scaricare direttamente ai clienti, saltando l’intervento degli agenti. Periodicamente la app, collegata al gestionale aziendale, invia messaggi push promo prodotti in prossima scadenza direttamente al cliente che può così prenotare la promo a scadenza giornaliera in un click.

E per la gestione commerciale degli ordini?

Anche in questo caso la digitalizzazione può fare la differenza. I singoli clienti di una grande industria di galleggianti per serbatoi richiedevano quotazioni o preventivi tramite il sito internet aziendale o via mail. Ogni giorno venivano redatte a mano e con excell una trentina di offerte personalizzate e poi spedite singolarmente ai singoli cliente.

La soluzione?

Abbiamo creato un software web based ad alta personalizzazione tramite il quale è stata facilitata e automatizzata la creazione dell’offerta, anche con l’utilizzo di diversi strumenti di collaborazione interna, con l’invio automatico al cliente. Inoltre, a cadenza periodica, il sistema invia automaticamente un questionario di soddisfazione preventivo o fornitura ai singoli clienti.

La logica è sempre quella di coordinare in tempo reale tutti i processi interni…

Prendiamo ad esempio un sito di e-commerce tradizionale che offre diverse promo di prodotti con gestionale manuale del magazzino. Abbiamo creato un sistema automatico che identifica i carrelli abbandonati e periodicamente invia promo ad hoc per incentivare la chiusura dell’acquisto. Abbiamo inoltre collegato l’e-commerce direttamente al gestionale aziendale, cosi che il magazzino e la contabilità siano sempre allineate in tempo reale.

La tecnologia come valore aggiunto assoluto quindi?

Certamente e insieme ad alcuni amici e partner rappresentativi di aziende di consulenza ad alto contenuto tecnologico e innovativo, abbiamo costituito l’Innovation Club (www.innovationclub.it) per stimolare le Pmi approfondire le tematiche e gli strumenti di innovazione, tramite eventi e workshop gratuiti organizzati sul territorio. L’intento è anche quello di costituire una rete di professionisti per scambiare idee e know how ad alta contenuto tecnologico e innovativo.

 

Valeo Studio srl – www.valeo.it  

Comments

comments

LEAVE A REPLY