Rapina di Ghedi, Beccalossi: situazione insostenibile, incontrerò il prefetto

0

“La situazione, e non certo da ieri, si sta facendo sempre più insostenibile. È per questo che già oggi ho chiesto e ottenuto un incontro urgente al Prefetto di Brescia Valerio Valenti, per manifestargli tutta la mia preoccupazione, di rappresentante delle Istituzioni ma soprattutto di cittadina bresciana, sulla gravissima situazione legata a furti in appartamenti e rapine in villa, di cui il caso verificatosi lunedì a Ghedi è solo l’ultimo esempio”.

Lo afferma l’assessore regionale al territorio e dirigente di Fratelli d’Italia Viviana Beccalossi, nel commentare l’episodio della rapina in villa avvenuto a Ghedi, che vede il 36enne Francesco Scalvini in gravissime condizioni dopo essere stato aggredito da tre banditi.

“Nel rivolgere i più sentiti auguri a Francesco – prosegue Viviana Beccalossi – mi preme sottolineare come i dati registrati negli ultimi mesi e confermati recentemente dal Questore Vincenzo Ciarambino, parlano di un aumento dei furti nelle abitazioni, con particolare accanimento nella zona Ovest della provincia. Non c’è giorno che non riceva personalmente segnalazioni da parte di cittadini esasperati e impauriti da questa situazione”.

“Chiederò al Prefetto – conclude Viviana Beccalossi – di fare da tramite con il Governo per chiedere un doveroso rinforzo, in termini di uomini e mezzi, per consentire alle forze dell’ordine di presidiare con maggiore efficacia il territorio bresciano".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Mi viene in mente un nomade in TV che chiedeva pietà per il proprio figlio che nel fare retromarcia aveva ucciso il proprietario della macchina che stava rubando, sostenendo che loro insegnano ai loro figli a rubare ma non a uccidere. Di solito le rapine in villa violente le compiono altre etnie. Comunque cosi’ come si dovrebbero rimpatriare i clandestini, andrebbero rimpatriati anche gli europei, visto che anche per loro come per gli extracomunitari vi sono leggi che prevedono possano rimanere in uno Stato Membro fino a 3 mesi, dopodichè per rimanere devono avere un lavoro e possibilità per mantenersi, ivi compresa una assicurazione sanitaria. Quando si chiederà con interrogazioni parlamentari di attivare questi benedetti rimpatri di extraUE ed anche di europei senza lavoro e possibilità di mantenimento???

  2. Al Prefetto si dovrebbe chiedere anche di guardare in internet “reato di clandestinità” e apparirà il link di Wikipedia che spiega che quando si accerta un ingresso illegale come nel caso di tutti coloro che arrivano coi barconi 2 sono le possibilità: – Se la procedura ordinaria si è conclusa con l’accompagnamento alla frontiera dell’immigrato, prima che il giudice si sia pronunciato il giudice emette sentenza di non luogo a procedere. Qualora non sia stato eseguito l’accompagnamento immediato il giudice condanna al pagamento di una contravvenzione per la quale non è prevista oblazione, ed è comunque prevista la possibilità dell’esecuzione immediata dell’accompagnamento in frontiera IN QUANTO LA PENA DELL’AMMENDA PUO’ ESSERE SOSTITUITA CON QUELLA DELL’ESPULSIONE DA PARTE DELL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA. Perciò a meno che Wikipedia non sbagli questo reato andrebbe applicato se non al momento dello sbarco, dalla Magistratura in quanto l’ammenda puo’ essere sostituita col rimpatrio. Perchè non lo applicano questo doveroso reato chi ce lo spiega?

  3. Al Prefetto si dovrebbe chiedere anche di guardare in internet “reato di clandestinità” e apparirà il link di Wikipedia che spiega che quando si accerta un ingresso illegale come nel caso di tutti coloro che arrivano coi barconi 2 sono le possibilità: – Se la procedura ordinaria si è conclusa con l’accompagnamento alla frontiera dell’immigrato, prima che il giudice si sia pronunciato il giudice emette sentenza di non luogo a procedere. Qualora non sia stato eseguito l’accompagnamento immediato il giudice condanna al pagamento di una contravvenzione per la quale non è prevista oblazione, ed è comunque prevista la possibilità dell’esecuzione immediata dell’accompagnamento in frontiera IN QUANTO LA PENA DELL’AMMENDA PUO’ ESSERE SOSTITUITA CON QUELLA DELL’ESPULSIONE DA PARTE DELL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA. Perciò a meno che Wikipedia non sbagli questo reato andrebbe applicato se non al momento dello sbarco, dalla Magistratura in quanto l’ammenda puo’ essere sostituita col rimpatrio. Perchè non lo applicano questo doveroso reato chi ce lo spiega?

  4. E’ davvero una situazione insostenibile. Tutti questi furti nelle case perpetrati da stranieri disposti a tutto pur di racimolare soldi ad ogni costo sono ormai all’ordine del giorno su tutto il territorio nazionale, al nord come al sud. Sarebbe ora che chi di dovere intervenisse in maniera drastica con fatti concreti !

  5. Ma il piano Minniti è stato poi presentato? Prima di eliminare il reato di clandestinità sarebbe meglio si leggessero la sentenza 250/2010 della Corte Costituzionale. Mattarella poi se è a capo della Magistratura dovrebbe spiegarci a quanti dei 500mila clandestini arrivati negli ultimi 3 anni hanno applicato il reato di clandestinità commutabile col rimpatrio. Perchè non ci sono notizie in tal senso e se lo avessero applicato con tanto di rimpatrio il problema invasione sarebbe risolto da anni e gli italiani non dovrebbero spendere 4 miliardi per chi ci invade. Anzichè poi pagare gli Stati Africani per riprendersi i clandestini come prevede l’art. 9 della direttiva 2013/33/UE sarebbe bene che ci facessimo restituire quanto speso impropriamente per loro!!!

  6. Domani ci sarà l’inaugurazione dell’anno giudiziario? Speriamo che Mattarella ci spieghi se la Magistratura applica o non applica il reato di clandestinità!? E se non lo applica se non pensa di privilegiare i clandestini e discriminare gli italiani. Speriamo Mattarella ci spieghi In quale articolo è previsto il potere discrezionale dei giudici, che appare a tutti gli effetti incostituzionale visto che lede l’uguaglianza di cui all’art. 3 costituzione. Ci spieghi poi se anche i Magistrati sono entrati con la legge Fornero nel sistema contributivo oppure no visto che la Corte Costituzionale ha bocciato il contributo di solidarietà perchè previsto solo per il pubblico e non anche per il privato ledeva l’uguaglianza dei cittadini!!! Da questa sentenza in poi nessuna categoria dovrebbe piu’ godere del retributivo come di qualsiasi altro privilegio se come sostiene la Corte Costituzionale il principio di uguaglianza va rispettato.

  7. A parere mio, alle decine di miglia di immigrati sbarcati in Italia non si può applicare il reato di clandestinità, perché non entrano nel nostro paese illegalmente. Quasi tutti si trovano in acque internazionali o comunque non italiane quando vengono soccorsi e raccolti dalle navi, quasi tutte italiane, che li sbarcano nel nostro Paese. ne consegue che loro non entrano, ma sono portati da noi, in Italia. Diverso è il caso di chi ha un foglio di via e non se ne va. O no?

  8. Secondo me anche se vengono salvati in mare per entrare in Italia devono avere documenti, visti e autorizzazioni, per cui dopo essere soccorsi occorre identificarli e chi di loro è privo di documenti e non presenta domanda di asilo, va rimpatriato dall’incaricato al rimpatrio ( guardia di frontiera, prefetto, questore?) e se questi non lo fanno deve intervenire la Magistratura che come è scritto in internet nel link di wikipedia applica il reato di clandestinità che è un reato amministrativo che prevede un’ammenda convertibile col rimpatrio. Perciò anche la scusa che trovano che l’ammenda non la possono pagare decade perchè puo’ non essere pagata in quanto sostituibile col rimpatrio. Se invece trovano la furbata di presentare domanda di asilo, questi vanno tutti trattenuti in luoghi privi di libertà di circolare, in quanto sarebbe discriminatorio verso di noi trattarli in modo privilegiato solo per il fatto che presentano domanda di asilo e ancor prima di sapere se ne hanno diritto. Infatti per tutelare i nostri diritti e non solo i loro andrebbero applicati a tutti gli art. 8.3 e 10 della direttiva 2013/33/UE che prevedono che coloro che rientrano nelle condizioni previste nell’art. 8.3, ossia tutti sono mancanti di uno o piu’ di uno di questi requisiti, devono essere trattenuti in luoghi determinati privandoli della libertà di circolazione e se pieni l’art. 10 prevede il carcere tenuti separati dai carcerati comuni e da chi non presenta domanda di asilo!!! Se la Merkel avesse rispettato questi articoli della direttiva europea 2013/33/UE anzichè l’art. 7 di questa direttiva che prevede la libertà, il terrorista di Berlino sarebbe stato privato della libertà di circolare e non avrebbe potuto fare ciò che ha fatto. Come al solito tutti inchinati a tutelare i diritti di chi ci invade e nessuno che spieghi che esistono anche i nostri diritti da tutelare che fino a prova contraria sono maggiori rispetto a coloro che ci invadono clandestinamente anche se chiedono asilo. Sarebbe ora anche che si rivedessero le norme sull’asilo perchè il Congresso Americano ha votato di non volere siriani sul proprio territorio, il che significa che non c’è obbligo di concedere asilo e bene ha fatto visto che tra i siriani arrivano anche terroristi ISIS. Sarebbe ora che anche i nostri politici la smettessero di dire che chi scappa dalle guerre ha diritto di essere accolto, perchè non pare sia vero e lo dimostra il Congresso Americano che non vuole i siriani e nemmeno noi!!!

  9. Mi è sfuggito ma non mi pare si sappia ancora chi siano i rapinatori. Comunque se sono europei la legge europea indica che possono rimanere in uno Stato membro fino a 3 mesi dopodichè se nel frattempo non hanno trovato lavoro dovrebbero tornarsene a casa loro!!! Gli extraUE potrebbero entrare solo se sono in regola coi documenti, coi visti e con l’autorizzazione senza questi documenti sono clandestini e vanno rimpatriati, ma i furbi cosa fanno presentano domanda di asilo!! E anzichè metterli in centri privandoli della libertà di circolazione, cosa fanno anche i nostri Sindaci li mettono nelle case private e li lasciano liberi a spese degli italiani, poi si prendono sempre i 500 euro che lo Stato concede per ogni immigrato che sono soldi delle tasse degli italiani per aiutare i poveri italiani senza lavoro per quietare gli animi. Piu’ discriminati di cosi’? Intanto i falsi profughi l’Europa prevede all’art. 9 della direttiva europea 2013/33/UE che sia possibile farsi rimborsare le spese di mantenimento spese per mantenere richiedenti asilo che non avevano diritto, cosa si aspetta a farci rimborsare?

  10. Gli italiani hanno cercato in tutti i modi di far capire a questo Governo che il NO al referendum era anche un NO contro la politica dell’immigrazione e cosa si legge oggi da su Repubblica c he Cuperlo, Bersani e company vogliono varare la legge sullo IUS SOLI e che la relatrice della legge pare essere una ex magistrata!!! Ma hanno pensato costoro che regalare IUS SOLI cosi’ come la cittadinanza facile ci porterà a una rapida islamizzazione? Ma l’hanno letto il Corano e i suoi versetti d’odio e morte? Ma lo sanno che gli islamici non hanno voluto sottoscrivere la Carta dei valori di cittadinanza e integrazione e nonostante questo la sinistra vuole regalare loro in premio di questa mancata sottoscrizione di rispetto delle nostre regole, oltre alla cittadinanza anche lo IUS SOLi !!!!

  11. Mi faccia un favore, parli per lei e non a nome degli italiani, io ho votato NO al referendum perchè non volevo che la costituzione fosse cambiata in quel modo. Se lei (come molti altri) ha trasformato il suo voto in un voto politico, questo non significa che sia così per tutti. Poi mi lasci dire una cosa: se ad ogni referendum lei vota in base al partito politico che l’ha proposto, e non in base al contenuto, non si stupisca se in Italia non cambia mai niente.

  12. Io sinceramente ho votato NO anche al referendum proposto dal centrodestra perchè se fosse passato la sanità e la scuola sarebbero entrate a far parte delle materie esclusive delle Regioni. E ancora mi spremo le meningi perchè non ricordo cosa ho votato nel referendum del 2001, che è quello che ci ha portato all’anarchia regionale che abbiamo oggi e che ha portato disuguaglianza, disparità di trattamento e disuguaglianza dei cittadini da Regione a Regione, piu’ tasse a livello locale senza che siano diminuite quelle a livello nazionale. Forse questa riforma migliorava un po’ questo titolo V ma se fosse passato il SI avrebbero interpretato questo SI come un SI degli italiani alle politiche d’immigrazione, ci scommetterei!!!!

  13. Oggi su Repubblica c’è un sondaggio sconcertante se è veritiero. Indica che la maggior parte dei cittadini italiani non solo di sinistra, ma anche di Forza Italia, Lega, Movimento 5 stelle (non c’è Fratelli d’Italia) sono favorevoli aLLA CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA A FIGLI DI IMMIGRATI, CHE VOTINO ALLE AMMINISTRATIVE E ALLE POLITICHE gli immigrati regolari. Sarà frutto di una informazione inesistente sul fatto che la nostra costituzione all’art. 48 prevede che il voto spetti solo a chi ha cittadinanza italiana!!! Gli stranieri regolari se non hanno cittadinanza non possono votare nè alle amministrative nè alle politiche, come da art. 48 costituzione che lo prevede solo per gli stranieri che hanno acquisito cittadinanza italiana!!! Poi gli italiani sono stati informati dalle opposizioni che la cittadinanza facile ci porterà alla repentina islamizzazione dell’Italia con le conseguenze che ben conosciamo!!! Prevenire è meglio che curare.

  14. I signori giudici, così bravi a condannare i cittadini e gli stessi poliziotti quando sparano per fermare delinquenti pericolosi e magari pluripregiudicati, dovrebbero spiegare come si può catturare i banditi senza ricorrere alle armi da fuoco.

LEAVE A REPLY