Adro, dopo le condanne la parola ora passa al prefetto

0
POLITICA A BRESCIA - Danilo Oscar Lancini (ex sindaco Adro) - diritti Andrea Tortelli
POLITICA A BRESCIA - Danilo Oscar Lancini (ex sindaco Adro) - diritti Andrea Tortelli

Le amministrazioni comunali bresciane danno lavoro extra alla prefetto Valerio Valenti, costretto a confrontarsi con questioni che mettono in gioco la permanenza in carica di assessori e sindaci. Per questo è stato sospeso dalla carica il sindaco di Gavardo Emanuele Vezzola e restano da capire gli sviluppi della vicenda circa i presunti debiti di alcuni amministratori nei confronti del proprio comune a Rovato (un caso che sta diventando politicamente sempre più scottante).

Ma l’ultima vicenda è quella di Adro, con la sentenza che ha portato alla condanna dell’ex sindaco leghista (3 anni) e di altre otto persone tra cui l’attuale sindaco di Adro Paolo Rosa (1 anno), l’attuale assessore ai Lavori pubblici Lorenzo Antonelli (1 anno e sei mesi), il suo predecessore Giovanna Frusca (oggi al Bilancio, 2 anni) e l’ex responsabile dell’area tecnica condannato a tre anni. Per tutti, a vario titolo, l’accusa era quella di non aver proceduto secondo legge negli appalti per la realizzazione dell’area feste di Adro.

Ora anche l’amministrazione in carica rischia provvedimenti pesanti. E sarà il prefetto a dover decidere se i reati contestati agli amministratori rientrino tra quelli che secondo legge Severino prevedono l’interdizione dai pubblici uffici.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome