Domenica a Brescia c’è il Dada Party

0
Dada Party a Brescia

Dalla mattina alla sera, una festa lungo un giorno, domenica 5 febbraio al Museo di Santa Giulia per festeggiare la chiusura dei 100 anni di uno dei movimenti più rivoluzionari del secolo scorso: Dada. Incontri in mostra con insoliti e stravaganti personaggi, incursioni elettroniche di Painé Cuadrelli sulle immagini di Man Rey, Léger ed altri illustri esponenti artisti dell’epoca, ma soprattutto l’unica tappa italiana dello spettacolo per cuffie Dada 14 luglio 1916. Omaggio al centenario del Dadaismo.

Alle 14.30, con replica alle 15.45 e 17 sarà infatti possibile partecipare all’evento prodotto dal secondo canale della Radio della Svizzera Italiana e presentato lo scorso anno a Bellinzona, in occasione del Festival Territori. Lo spettacolo teatrale racconta la storia di un incontro fuori dal comune tra personaggi fuori dal comune. Un radiodramma, della durata di 45 minuti, che ci farà viaggiare proprio nella Zurigo del 1616 e precisamente facendoci partecipare alla vita del Cabaret Voltaire, che a Brescia è ricostruito in mostra: lì si radunarono in molti per assistere alle particolari performance dadaiste. Sembra che ci fosse pure James Joyce ed è molto probabile l’arrivo di Lenin. Il rivoluzionario russo abitava, infatti, nella stessa strada, a pochi metri di distanza dal ritrovo e da settimane si lamentava del rumore proveniente dal locale… Flavio Stroppini, autore dell’opera, ha dato voce non solo agli artisti, ma anche a coloro che furono vicini al movimento: Tristan Tzara (Claudio Moneta), Lenin (Matteo Carassini), Jean Arp (Davide Garbolino), Sophie Taeuber (Jasmine Mattei), James Joyce (Luca Maciacchini), e Hugo Ball (Riccardo Ruggeri) accompagnati dal pianista-compositore Andrea Manzoni. “Dada è una nuova tendenza artistica”. Così recitò Hugo Ball durante la prima serata ufficiale del dadaismo dadaista che si svolse a Zurigo il 14 luglio 1916 nel piccolo Cabaret Voltaire.

La mattina, invece, dalle 11.00 alle 13.00 sarà proprio il Cabaret Voltaire! lo scenario per insoliti incontri con stravaganti personaggi, che daranno voce e vita a poesie dadaiste, coinvolgendo i visitatori in momenti di imprevedibile divertimento. La giornata si concluderà infine con la performance artistica alle ore 18.30 presso la White Room del Museo di Santa Giulia dal titolo “Corti Dada & dintorni con live soundtrack elettronica eseguita da Painè Cuadrelli”. L’evento sarà dedicato alle intersezioni straordinarie tra musica elettronica e immagini dada. Protagonista Painè Cuadrelli (1976) artista, sound designer, produttore musicale e dj, che dialogherà con le opere cinematografiche dei grandi esponenti del movimento dadaista: Hans Richter, Man Ray, René Claire, Fernand Léger, Dudley Murphy, Viking Eggeling. Arte sonora live, atmosfere uniche, inedite e eseguite appositamente per l’evento da Cuadrelli in una serata irripetibile e da non perdere.
Painè Cuadrelli, figura centrale nella scena artistica e musicale elettronica italiana, ha partecipato a festival in Europa, Stati Uniti, Russia e America Latina. Tra i vari progetti, ha formato la dj-band I Maniaci Dei Dischi (con Dj Fonx), Soslo (con Sergio Messina). Coordina il corso di Sound Design all’Istituto Europeo di Design di Milano dove insegna Progettazione Sonora ed è fondatore e direttore artistico della piattaforma multimediale Compl8 Produzioni.
Ha recentemente pubblicato “Yellowblack EP” e sta lavorando su diversi progetti discografici, multimediali e interattivi.

A concludere la serata un brindisi per augurare lunga vita al Dada e al Cabaret Voltaire! Tutti gli eventi della giornata saranno gratuiti e compresi nel costo del biglietto della mostra.

Comments

comments

LEAVE A REPLY