Kloudymail, oltre 4mila clienti nel mondo per la cenerentola (bresciana) delle newsletter

4
Enrico Del Sordo
Enrico Del Sordo

Il muro dei 4mila clienti nel mondo è stato sfondato, altre tre persone sono state assunte e sono sempre di più le aziende di livello nazionale e internazionale che utilizzano il servizio. Con queste premesse riparte dopo l’estate l’attività di Kloudymail, startup bresciana guidata dal 39enne Enrico Del Sordo che punta a fare concorrenza ai colossi mondiali dell’email marketing.

In Italia, secondo alcune stime, vengono spedite  milioni di mail al giorno. La maggioranza non viene aperta e non arriva nemmeno a destinazione, bloccata dai filtri anti-spam. In questo contesto, un mercato mondiale che vale quasi 2 miliardi di euro, la cenerentola bresciana che sta raccogliendo i frutti dell’importante investimento tecnologico effettuato negli ultimi tre anni, grazie all’esclusivo sistema per evitare i filtri anti-spam, a un’interfaccia particolarmente funzionale e al fatto che l’offerta – unica al mondo –  include nel canone di abbonamento liste, destinatari, invii (anche via sms) e banda illimitata.

Oggi Kloudymail – con un fatturato in crescita del 25 per cento ogni trimestre e altre 4 assunzioni in pochi mesi – può contare oltre 4mila aziende clienti nel mondo (dalla Svizzera al Regno Unito, dagli Emirati Arabi agli Usa). E  una crescente attenzione del settore, con partecipazioni a eventi di livello mondiale come il “Data Science Machine Learning” di Dubai e l’edizione 2016 di Ces Asia, l’evento tecnologico più importante d’Oriente che si è tenuto dall’11 al 13 maggio a Shanghai, in Cina. Ma Del Sordo non si accontenta.

Comments

comments


CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

4 COMMENTI

  1. Buonasera avvocato, io vorrei chiederle un aiuto in quanto la mia banca non mi consente di ricontrattare le condizioni del mutuo anche se ho perso il lavoro da poco.

    Ora vorrei capire come posso pagare e se esiste un obbligo per le banche di ricontrattare il mutuo se io posso dimostrare i miei problemi.

    A chi mi devo rivolgere? I sindacati?

RISPONDI