Comune di Mazzano occupato, condannati tre attivisti di Diritti per tutti

0
La sentenza
La sentenza

Tre condanne e sette assoluzioni. Si è conclusa così la vicenda dell’occupazione dell’assessorato ai servizi sociali del Comune di Mazzano, avvenuta nel 2013 ad opera di alcuni attivisti della cosiddetta sinistra antagonista. I militanti di volevano protestare con l’amministrazione, “rea” di aver ritirato la proposta di alloggio inzialmente avanzata per una famiglia straniera costretta a vivere in un furgone dopo lo sfratto.

La condanna più pesante è stata di un anno (C.T.), mentre un G.C. è stato condannato a 10 mesi e E.N. a sei mesi. Mentre il leader di Diritti per tutti Umberto Gobbi risulta fra gli assolti. Ma al Giornale di Brescia ha dichiarato: “A Mazzano quel giorno siamo partiti tutti insieme e tutti insieme vogliamo tornare. La loro condotta è stata uguale alla mia e sarebbe assurdo se la sentenza fosse diversa”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome