Tav, Parolini: affrontare questioni Garda e ambiente

0
Mauro Parolini
Mauro Parolini

“L’accelerazione annunciata dal Governo non e’ sostenibile se non si chiariscono prima alcune questioni fondamentali ancora aperte come la realizzazione della fermata sul Garda, la qualita’ del servizio sulla linea storica e le richieste di riduzione dell’impatto sul territorio che abbiamo avanzato”. Cosi’ l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini, commentando le dichiarazioni rilasciate dal sottosegretario Umberto Del Basso De Caro in merito all’avvio dei lavori e ai tempi di completamento del lotto funzionale Brescia-Verona della Tav.

“Quest’opera – ha aggiunto Parolini – non deve infatti diventare un corpo estraneo, ma un’infrastruttura utile anche ai territori che attraversa e l’accorciamento dei tempi di lavoro rischia paradossalmente di essere controproducente”.

GRANDI POTENZIALITA’ – L’assessore e’ poi tornato “sulle grandi potenzialita’ che la realizzazione di una fermata Tav sul Garda porta con se'”. “Una prospettiva – ha sottolineato Parolini – che ho illustrato al ministro Delrio e che potrebbe far diventare l’area del basso Garda uno degli hub turistici piu’ importanti d’Italia”.

FERMATA GARDA – “Sfruttando infatti le prerogative dell’alta velocita’, la realizzazione della ‘fermata Garda’ – ha rimarcato l’assessore – potrebbe affermare il Basso Garda come uno dei piu’ importanti snodi ferroviari turistici europei. Abbiamo davanti un’opportunita’ irripetibile: Il Benaco, che gia’ registra oltre 22 milioni di presenze l’anno, non solo infatti potra’ migliorare l’accessibilita’ e crescere ulteriormente, ma diventera’ sempre di piu’ per i turisti un fulcro strategico per raggiungere nell’arco di una giornata altre importanti destinazioni turistiche nel centro-nord del Paese”.

BONTA’ DELLA PROPOSTA – “Si sono gia’ svolti due incontri per approfondire questa prospettiva con i vertici di Fs e di Rfi, la societa’ del gruppo Ferrovie dello Stato italiane responsabile della gestione complessiva della rete ferroviaria nazionale, dai quali – ha terminato Parolini – sono emerse le prime condivisioni tecniche, che avvalorano la bonta’ di questa proposta”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY