Semifinali di Coppa Italia, l’An Brescia supera Napoli

0
An Brescia
An Brescia pallanuoto

Alla piscina di Mompiano, la giornata delle semifinali della Coppa Italia 2017 si apre con la festa tutta gol e divertimento, andata in scena coi piccoli atleti dell’Acquagol, e si chiude con la vittoria dell’An Brescia su una coriacea Canottieri Napoli per 11 a 7 (2-1, 3-2, 4-3, 2-1, i parziali). Nel frammezzo, il netto successo (19 a 5) della Pro Recco su una Rari Nantes Savona scesa in acqua condizionata – in modo più che comprensibile – dalla scomparsa di Bruno Pisano, presidente onorario del club biancorosso e figura di riferimento della pallanuoto savonese e non solo; a inizio di entrambi i match, più che dovuto il minuto di silenzio per ricordare il presidente di tutti e tre gli scudetti della Rari. Oltre a questo, anche mezz’ora di blackout che ha interrotto la sfida tra Brescia e Canottieri, in avvio del terzo tempo.

Venendo al dettaglio della semifinale vinta dalla squadra di Sandro Bovo, come previsto alla vigilia, i giallorossi di Paolo Zizza si sono confermati un avversario di tutto rispetto, ben messo in acqua e con individualità di rilievo. Dal canto suo, l’An si è espressa con il giusto spirito agonistico ma è un poco mancata nella fluidità delle giocate: pur non al massimo del proprio potenziale, il sette bresciano ha sempre costretto i partenopei ad inseguire nel punteggio e, anche se non è stata una performance brillante, la concentrazione e la grande voglia di poter lottare per il titolo, hanno fatto la differenza.

L’attenzione, ora, è tutta sul big match di oggi contro il team da battere per eccellenza: l’obiettivo non può che essere fare di tutto per sovvertire i pronostici.

«Sapevo che saremmo partiti contratti – dichiara coach Bovo – e così è stato: abbiamo faticato a ingranare ma la voglia di incrociare di nuovo il Recco era davvero tanta. Adesso ci aspetta un’ennesima finale contro la Pro e son sicuro che domani saremo più tranquilli; ci liberiamo della tensione di oggi e andiamo a giocare al cento per cento delle nostre possibilità».

Note: superiorità, An 4/7 più un rigore, Canottieri 4/8 più un rigore. Nessuno uscito per limite di falli, spettatori 500.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome