MOSTRAMI UNA MOSTRA/13. I racconti fotografici di McCurry a Santa Giulia (GUARDA LE FOTO)

2
Brescia, mostra del fotografo Steve McCurry a Santa Giulia, immagini Enrica Recalcati, www.bsnews.it
xBrescia, mostra del fotografo Steve McCurry a Santa Giulia, immagini Enrica Recalcati, www.bsnews.it
Bsnews whatsapp

di Enrica Recalcati – Come promesso, che il viaggio abbia inizio, passando da grandi, grandissimi a piccoli e per ora sconosciuti; fra grandi mostre e piccole esposizioni studentesche, ma vi assicuro che tutto vale la pena di vedere!

Entrando in Santa Giulia e salendo le scale mi sono accorta di avere il fiato corto. Poca ginnastica in questo periodo, vero, ma pensando e ripensando a quello che stavo per vedere, mi sono resa conto di iperventilare. Mi capita prima di un grande evento. Mi succedeva a teatro, un attimo prima di salire sul palco e mi succede ancora, quando presento un libro. Un attimo prima, poi passa, immersa come sono dal “fare bello” di quello che sto per fare.

Entrando nelle sale espositive mi sarei mangiata tutto in un unico boccone, per quella golosità tipica di chi ama emozionarsi, abilità a portata di tutti, se lo vogliamo.

Steve McCurry nasce a Philadelphia nel 1950 e dopo alcuni studi teatrali, si dedica alla fotografia di reportage, diventando uno dei più grandi fotografici contemporanei.

Brescia, mostra del fotografo Steve McCurry a Santa Giulia, immagini Enrica Recalcati, www.bsnews.it
Brescia, mostra del fotografo Steve McCurry a Santa Giulia, immagini Enrica Recalcati, www.bsnews.it

Numerosi i suoi viaggi, in zone non facilmente raggiungibili, anche a causa delle innumerevoli guerre che continuano a martoriare il medio oriente.

Iran, Iraq, Cambogia, Filippine, Afghanistan, Pakistan, India e molti altri i Paesi visitati e fotografati.

Pubblica parecchi volumi per “Phaidon”, per il “National Geografic Magazine” e l’ultimo per Mondadori che raccoglie le fotografie di “Leggere”. Sua la famosissima foto della ragazza afghana, scattata nel 1985 in un campo profughi in Pakistan.

«Non posso sfuggire all’Arte fino all’ultimo respiro. Nulla è pianificato, mi lascio andare e vado subito al nocciolo senza perdere tempo. Se ti documenti troppo prima, perdi le occasioni e ti rimane poco per gli scatti». Dice così, nel filmato proiettato sul muro dell’ultima sala espositiva, Steve McCurry, lasciando però di sé un’immagine affatto improvvisata, ma un profilo da pianificatore, colui che segna sul notes una rigorosissima scaletta, di massime da rispettare, per ogni lavoro eseguito.

La mostra LEGGERE ospita 70 scatti che ritraggono persone di tutto il mondo, assorte nell’atto intimo e universale del “leggere”.  Magnificamente allestita dallo scenografo Peter Bottazzi, curata da Biba Giacchetti, accompagnata dalle frasi scelte da Roberto Cotroneo e fortemente voluta dal direttore di Brescia Musei Luigi Di Corato, costituisce un raro esempio di come l’Arte a tutto tondo si intersechi, si influenzi, fondando con le varie espressioni, un unico stupendo contenitore di bellezza.

Le immagini, intervallate dalle citazione letterarie, formano un percorso parallelo, impossibile resisterne.  Lo spirito delle immagini di McCurry e le installazioni, sono uno stimolo a trovare risposte, un piacere particolare, dove ognuno di noi identifica il suo altrove e cerca un senso al proprio e personale stato d’animo. Una mostra diversa, davvero da leggere: «Leggo, per quanto è possibile, soltanto ciò di cui ho fame nel momento in cui ne ho fame.  E allora non leggo, mi nutro» – scriveva Simone Weil – e ancora: «Quando penso a tutti i libri che mi restano da leggere, ho la certezza d’essere ancora felice» – cito di Jules Renard.  Le frasi scritte sui muri o stampate su tela fluttuano nell’aria satura di significato e significanti.  Haruki Murakani, Cesare Pavese, Italo Calvino, Jerome David Salinger, Groucho Marx, Bertrand Russel, Giordano Bruno, Gilbert Keith Chesterton, Hermann Hesse, Mark Twain, Leonardo Sciascia, Frank Kafka, Orazio, Marguerite Yourcenar, San Tommaso D’Aquino, Oscar Wilde, Ludwing Feuerbach, Gianni Rodari, Giaocomo Leopardi, Ugo Foscolo,Virginia Wolf, Umberto Eco e molti altri ancora.

Brescia, mostra del fotografo Steve McCurry a Santa Giulia, immagini Enrica Recalcati, www.bsnews.it
Brescia, mostra del fotografo Steve McCurry a Santa Giulia, immagini Enrica Recalcati, www.bsnews.it

Leggere è un atto privato a due. Esclude il resto, cancella il mondo circostante, un libro porta lontano.

Nessuno come Steve McCurry è stato così bravo a descriverne la sensazione.

Mi soffermo come al solito su alcuni: mi commuove per ricordi personali, la nonna che in Sri Lanka legge al nipotino; mi colpisce la magnificenza della Biblioteca brasiliana di Rio de Janeiro , dove percepisco guardando la ragazza sulla scala, l’incontenibile desiderio di vedere un libro; la statua che legge, scatto realizzato a Ibiza, fra finzione e realtà, il materializzarsi di un sogno e infine una tomba con Angelo dalla testa mancante, in un cimitero di Roma , la cui forza evocativa della morte oltre la morte, assume, attraverso il dito dell’Angelo sul libro, un significato trascendente.

Le parole accostate alle immagini prendono il valore di antologia ed è giusto pensare che i fotografi abbiano bisogno di parole e il letterati di immagini, promuovendo così “Grande Bellezza”.

La trovate in Santa Giulia fino al 3 settembre 2017.

LEGGI TUTTE LE PUNTATE DELLA RUBRICA A QUESTO LINK

 

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. Hai ragione Michele! Allora la Mostra finisce il 3 settembre quindi c’è tempo per vederla, mentre gli orari in Santa Giulia sono: dal martedì alla domenica dalle 9,30 alle 17,30 salvo eventi particolari, come è successo durante la notte bianca, i musei chiudono dopo. Il prezzo intero 12 euro ( studenti 7 euro) che vale però anche per le altre mostre del MO-CA che descriverò le prossime settimane. Vale la pena credimi!

RISPONDI