Rapina la nonna con una pistola giocattolo: patteggia due anni di pena

0
Un'anziana disperata
Un'anziana disperata

Ha patteggiato due anni di pena, secondo quanto riportato dal settimanale Chiari Week, il 30enne originario di Cazzago San Martino che poche settimana fa si era reso colpevole di una tentata rapina con una finta pistola ai danni della propria nonna.

Il giovane aveva suonato alla porta della 85enne (di casa a Rovato) e quindi, con il volto coperto dal bavero della giacca, le aveva puntato una pistola alla testa, facendosi consegnare la fede nuziale: unico ricordo del marito defunto. L’anziana non l’aveva riconosciuto, ma i carabinieri sono risaliti a lui grazie all’auto utilizzata (la Fiat Punto della madre, notata dai vicini) e ai precedenti reati dell’uomo (legati alla tossicodipendenza).

Quando i carabinieri lo hanno fermato, il 30enne aveva ancora con sé la pistola (una replica di Beretta caricata a salve senza tappino) e la fede. Per lui si sono aperte le porte di Canton Mombello.

 

Comments

comments


CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI