L’An Brescia torna in vasca contro la Canottieri Napoli

Dopo la semifinale di Coppa Italia disputata a Mompiano, domani, i biancazzurri saranno ospiti del team di Paolo Zizza, per la ventunesima giornata di campionato

0
An Brescia pallanuoto
An Brescia pallanuoto

A soli venti giorni di distanza dall’ultimo incrocio, l’An Brescia torna a dover fare i conti con la Canottieri Napoli: dopo la semifinale di Coppa Italia disputata a Mompiano,  domani, i biancazzurri saranno ospiti del team di Paolo Zizza, per la ventunesima giornata di campionato. Squadre in vasca alle 21, a chiusura del mercoledì pallanuotistico in scena alla piscina Scandone (gli altri incontri, alle 16.30, Posillipo-Torino, alle 19.30, Acquachiara-Recco). Per Presciutti e compagni, una trasferta insidiosa, sia per il valore della compagine del Molosiglio, che per il fatto di trovarsi in uno dei campi più ostici per tradizione; nell’ultimo turno, la Canottieri ha commesso, sì, un mezzo passo falso, pareggiando in casa con il Quinto, ma rimane, comunque, la quarta forza del torneo e, anche solo per provare a rifarsi della recente sconfitta in Coppa Italia, senz’altro i giallorossi faranno di tutto per creare problemi ai ragazzi di Sandro Bovo. Dunque, una volta di più, l’An è chiamata a una gara tutta grinta e attenzione in ogni fase di gioco e il tasso di difficoltà della sfida servirà a mettere importante fieno in cascina, in vista del cruciale impegno di Champions con Berlino. Intanto, ancora riconoscimenti per gli alfieri del club presieduto da Andrea Malchiodi: dopo gli Oscar dello Sport Bresciano, assegnati, venerdì scorso, al patron Marco Bonometti e ai quattro bronzi olimpici di Rio 2016 – Marco Del Lungo, Alessandro Nora e i fratelli Presciutti -, ieri, a Civitavecchia, Del Lungo ha ricevuto il premio “Atleta dell’anno 2016”, insignito dalla sezione locale dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport.

«La partita con la Canottieri – presenta l’incontro Nicholas Presciutti – sarà molto utile per ottimizzare la preparazione, soprattutto dal punto di vista della tenuta mentale: lasciando stare il pareggio con il Quinto, stanno disputando una grande stagione, e anche nella semifinale di qualche settimana fa, è stata dura. Penso che sarà davvero un buon test per verificare la nostra condizione e il lavoro che stiamo effettuando: dopo quelli già giocati, ci aspettano match di grande importanza e con tutte le forze vogliamo farci trovare al meglio».

Comments

comments

LEAVE A REPLY