Congresso Pd, Renzi davanti nei circoli. Con Orlando uno su tre

0

I primi congressi di sezione, nel Bresciano, hanno dato un esito chiaro. Il Partito democratico sta con Matteo Renzi, in proporzione anche maggiore al precedente congresso. Ma la maggioranza non è bulgara, perché – se Emiliano sostanzialmente non ha sostenitori locali – in quasi un terzo delle sezioni a vincere è stato il ministro Orlando. Con casi significativi – come quello di Rovato – in cui la sfida è finita 40 a 17 in favore dell’ala sinistra.

Per Orlando si sono schierati anche Bagnolo Mella (di un solo voto), Erbusco, Rudiano, Cividate Camuno e Paderno. Mentre sul fronte opposto i Comuni più renziani sono Gussago (50 a 13), Coccaglio (32 a 0) e Ospitaletto (32 a 3). Ma con il premier si sono schierati anche Adro, Borgo San Giacomo, Darfo, Lumezzane, Malonno, Montichiari, Montirone, Paratico, Poncarale, Pontoglio, Roncadelle (nel comune di cui il segretario provinciale è stato sindaco è finita 31 a 5 con un voto per Emiliano), Sirmione, Urago d’Oglio, Villa Carcina.

Un quadro chiaro, dunque, anche se all’appello mancano ancora circa cento sezioni, compresi molti Comuni importanti (Brescia, Chiari, Desenzano, Orzinuovi e Palazzolo solo per citare i più abitati). A colpire sono comunque i numeri (bassissimi) dell’affluenza al voto, che lo ricordiamo era riservato agli iscritti. Nei comuni maggiori, infatti, a votare è stato non più dello 0,5 per cento della popolazione. Anche se i dati ufficiali del partito parlano di iscritti (a quota 4.406) in crescita del 30 per cento rispetto all’anno precedente.

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome