Dazzi in mostra a Carrara, in magazzino (col Bigio) a Brescia

0
Il Colosso di Arturo Dazzi giace in un magazzino comunale. Molti lo rivorrebbero in piazza Vittoria
Il Colosso di Arturo Dazzi giace in un magazzino comunale. Molti lo rivorrebbero in piazza Vittoria

A Carrara con le sue opere ci hanno fatto un’apprezzata mostra, che si chiuderà il 30 aprile. Un evento organizzato dai Comuni di Carrara e Forte dei Marmi con la Fondazione Villa Bertelli, e patrocinato dalla Regione Toscana, che “racconta il maestro attraverso i legami privilegiati che egli instaurò e coltivò nell’arco della sua vita con tre città italiane: la natale Carrara, Roma cui l’artista deve il e Forte dei Marmi, il buen retiro”. Lì Arturo Dazzi (per l’esattezza a Seravezza) scolpì nel marmo il colosso che tutti conoscono a Brescia come il Bigio.

Ma il nome con cui fu battezzato dal Regime, L’Era fascista, pesa sulla statua come un macigno. L’opera più controversa (se non la più famosa) di Dazzi, infatti, giace ancora in un magazzino comunale in attesa di trovare una collocazione più consona. Da una parte c’è chi ne invoca il ritorno in piazza Vittoria (per ragioni architettoniche o politiche, a seconda del caso), dall’altra chi si dice pronto a tutto per evitarlo (sinistra antagonista, Cgil, sinistra Pd etc). In mezzo ci sono il sopraintendente ai beni culturali (che si è già espresso in favore del ritorno del Bigio) e il sindaco Emilio Del Bono, chiamato a trovare una soluzione. Riportare il Bigio in piazza Vittoria non è facile (nemmeno la giunta Paroli, nonostante gli annunci, ci è riuscita). Ma pare che qualche nuova idea ci sia…

 

 

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY