Brescia, cresce il takeaway: i bresciani prediligono pasti a domicilio

0
A Brescia cresce il numero delle consegne a domicilio - www.bsnews.it
A Brescia cresce il numero delle consegne a domicilio - www.bsnews.it

Il food delivery è al centro delle abitudini culinarie della città di Brescia che porta sulle tavole una varietà di cucine che spaziano dall’intramontabile Pizza, all’Hamburger, fino alla cucina giapponese e all’indiano, con la possibilità di scegliere tra oltre 50 ristoranti affiliati a JUST EAT.

Il trend del takeaway cresce in città, a confermarlo l’incremento dei ristoranti partner di JUST EAT che hanno deciso di entrare nella rete del + 250%, e un aumento degli ordini del +160% sulla città.

JUST EAT rivela che i bresciani prediligono consumare a casa pranzi e cene a domicilio soprattutto durante il weekend, con un picco nella giornata della domenica. Le ordinazioni vengono effettuate direttamente da APP nel 73% dei casi, una delle percentuali più alte d’Italia, tramite android e iOS.

Con la crescita registrata negli ultimi mesi e con i nuovi 14 locali che hanno deciso di affidare a JUST EAT, non solo la presenza sull’app, ma anche le consegne è infatti possibile ordinare da oltre 50 ristoranti con oltre 20 tipologie di cucine, che includono l’Hamburger made in U.S.A , l’indiano, il veggie, la cucina tradizionale italiana e l’amatissima Pizza.  Come i Bresciani soddisfano il desiderio di varietà in cucina? Con un “touch” potranno ordinare fino a 1000 piatti diversi sulla piattaforma scegliendo ad esempio tra i nuovi ingressi de Il Polentone, che offre specialità lombarde, passando per l’ Old Wild West per gli amanti della carne,  per la Scarpetta, locale che ripropone in chiave moderna e multiculturale la famosa “scarpetta”, fino alle gustosissime cotolette di MR Cotoletta, il primo takeaway di cotolette in città.

E’ proprio il desiderio di varietà e scoperta a caratterizzare la città di Brescia, in linea con un trend che caratterizza l’intero Paese. La varietà di cibi e scoperta di nuove cucine è infatti una necessità per il 74% di chi ordina a domicilio, come emerge dall’ultimo osservatorio JUST EAT sul mercato del digital food delivery realizzato in collaborazione con ICRIOS – Bocconi. La varietà, cioè ordinare da ristoranti diversi e scoprire cucine di diverse culture, generano un incremento medio della spesa del +56% e un volume di affari per i ristoranti in Italia pari a 50 milioni di Euro. I due comportamenti hanno un potenziale di 1,77 miliardi di Euro su base annua.

La presenza di JUST EAT dal 2015 in città ha permesso di analizzare  i comportamenti a tavola dei bresciani che, secondo le analisi sugli ordini, amano variare e scoprire sapori nuovi a domicilio, e sono molto attenti a gustare piatti sfiziosi, ma anche sani, scegliendo sempre più ricette healthy, con un occhio al trend dell’hamburger e prediligendo ad esempio il veg club sandwich nella stragrande maggioranza degli ordini da questa tipologia di cucina. In crescita infatti anche i locali vegetariani e vegan che scelgono JUST EAT per la consegna a domicilio, come Veggy Days che propone dalle insalate, ai fritti alle centrifughe, crepe vegan, primi, secondi e tiramisù tutto per vegani, e Universo Vegano.

Consumare pranzi e cene a domicilio è diventato ormai una realtà in città e in linea con il trend nazionale i Bresciani non rinunciano alla Pizza, con il 44% delle preferenze. La preferita resta la Margherita, seguita da Capricciosa, Salame piccante, wurstel, 4 formaggi e prosciutto.

Seconda cucina più ordinata in classifica le Piadine (16%), dove vince la personalizzazione nel comporsi la piadina con gli ingredienti preferiti tra cui pomodoro e mozzarella, ma la più ordinata è con crudo, mozzarella e squacquerone, anche se  tantissimi ordinano olive ascolane, crocchette e mozzarelline impanate, mostrando di apprezzare la varietà nell’offerta anche del singolo ristorante.

Terzo posto per l’Hamburger (13%), con una vittoria del cheese burger , accompagnato da anelli di cipolla e patatine. Tra i piatti più ordinati ci sono anche lasagne, tiramisù e cotolette. A chiudere la classifica la cucina giapponese, che viene apprezzata soprattutto per i piatti al salmone con nigiri e uramaki, seguita dalla tradizione italiana, quella cinese e dalle sfiziosità di pollo.

Comments

comments

LEAVE A REPLY