Botticino, morì per il monossido di carbonio, assolti i tre imputati

0
Ambulanza 118
Un mezzo di soccorso del 118 interviene con barella
Bsnews whatsapp

Maura Rossi morì cinque anni fa nel letto della sua casa stroncata dalle esalazioni di monossido di carbonio. La donna aveva 42 anni. Per quella morte vennero rinviati a giudizio tre persone che avevano prodotto, installato e si occupavano della manutenzione della caldaia. Il Tribunale di Brescia, però, li ha assolti tutti e tre.

E’ stata la stessa accusa a richiederne l’assoluzione. Le perizie hanno mostrato che la caldaia ha funzionato male a causa delle incrostazioni che riempivano lo scambiatore, dell’ostruzione della condotta di areazione e della rottura del termostato. Queste tre condizioni hanno portato l’aria a saturarsi di monossido di carbonio che fu fatale per la donna. Condizioni, tuttavia, che non possono essere ricondotte – secondo il Tribunale di Brescia – ai tre imputati.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI