I cinque poeti bresciani più grandi di sempre – I CONSIGLI DI BSNEWS/35

I cinque poeti bresciani (di nascita e d'adozione) più famosi di sempre? Scopri chi sono secondo la redazione di BsNews.it

1
Il poeta bresciano Lento Goffi
Il poeta bresciano Lento Goffi
Bsnews whatsapp

La poesia non va troppo di moda. E i nomi di alcuni dei poeti bresciani più importanti di questo secolo (e dello scorso) sono assolutamente sconosciuti al grande pubblico, ma perfino a chi si interessa di lettere. Per questo abbiamo deciso di dedicare ai poeti una puntata della rubrica di BsNews.

LENTO GOFFI

Nato a Chiari il 15 novembre 1923, Goffi ha frequentato l’Arnaldo e poi Lettere a Milano. Ha insegnato prima alle medie in Valcamonica, poi all’Itis Castelli per concludere la carriera di docente al Calini in città. Iniziò a pubblicare le sue opere nei primi anni Sessanta sulla rivista culturale bresciana Il Bruttanome, poi per gli editori Scheiwiller, Guanda e La Quadra. Si è spento nel 2008.

GIULIO UBERTI

Nessuno ne ha memoria, ma Uberti (Brescia 1806 – Milano 1876) è stato il più grande poeta bresciano dell’Ottocento. Mazziniano, partecipò alle Cinque Giornate di Milano ed è stato costretto all’esilio. Rientrò a Milano nel 1859 dove a 70 anni si suicidò con un colpo di pistola per una storia amore (con un’allieva inglese) turbata da maligne dicerie.

ANGELO CANOSSI

Il poeta bresciano Angelo Canossi
Il poeta bresciano Angelo Canossi

Angelo Maria Canossi (Brescia, 23 marzo 1862 – Brescia, 9 ottobre 1943) fu definito il Poeta della brescianità e il fatto che non sia noto in tutta Italia è dovuto forse soltanto alla difficoltà del dialetto bresciano.. Nel 1936 si trasferì a Bovegno, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita, ospite prima della Cà del mai, la casa del maglio, e successivamente della Cà de le bàchere (i ciclamini) dichiarata monumento di interesse locale.

CARDUCCI

Bresciano non è, ma merita una menzione particolare perché a lui (e prima al meno noto Aleardo Aleardi) è dovuta la definizione di Brescia Leonessa d’Italia. L’ode intitolata “Alla Vittoria – Tra le rovine del tempio di Vespasiano in Brescia” si conclude così: “Lieta del fato Brescia raccolsemi, / Brescia la forte, Brescia la ferrea, / Brescia leonessa d’Italia / beverata nel sangue nemico”.

Il poeta Gabriele D'Annunzio, di casa al Vittoriale di Gardone Riviera
Il poeta Gabriele D’Annunzio, di casa al Vittoriale di Gardone Riviera

D’ANNUNZIO

Pescarese, ma bresciano d’adozione. D’Annunzio (Pescara 1863 – Gardone Riviera 1938) scelse infatti le sponde del lago di Garda per passare l’ultima parte della vita, “costruendo” a Gardone il Vittoriale: un monumento vivo alla poesia e al suo universo personale. Con questa premessa Gabriele d’Annunzio è senza dubbio il più noto poeta bresciano di sempre.

LEGGI LE PUNTATE PRECEDENTI DELLA RUBRICA

La rubrica con i consgigli di BsNews.it
La rubrica con i consgigli di BsNews.it

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI