Ghedi, questa mattina presidio della Lega sul caso profughi

La Lega Nord ha tenuto questa mattina un presidio in via Nazario Sauro di fronte all'edificio oggetto delle polemica politica e legale

0
Il presidio della Lega a Ghedi, foto da ufficio stampa, www.bsnews.it
Il presidio della Lega a Ghedi, foto da ufficio stampa, www.bsnews.it

La Lega Nord ha tenuto questa mattina un presidio in via Nazario Sauro a Ghedi, di fronte all’edificio balzato al centro dell’attenzione generale per la diatriba che ha coinvolto il proprietario dello stesso e la Cooperativa Sociale Emergency Transport Pobic Onlus, che – secondo quanto riferito dai media – ha preso tre appartamenti dello stabile in affitto e poi vi ha collocato una decina di profughi sbarcati in Italia da pochi giorni.

Alla manifestazione, oltre ad aderenti e persone di varia collocazione politica, hanno partecipato il deputato Stefano Borghesi e il consigliere regionale Fabio Rolfi, insieme a diversi amministratori del territorio circostante. Così ha commentato in una nota Gabriele Girelli, esponente della Lega Nord a Ghedi: “Il nostro presidio ha voluto essere, nello stesso tempo, un segno di protesta contro le cooperative che sfruttano gli esseri umani per i loro interessi e, d’altra parte un atto di sostegno al proprietario, a chi è stato truffato dal comportamento tenuto da una cooperativa che ha trasformato un problema come quello dei profughi in un’occasione per fare business. Il nostro non è un atto di accusa rivolto ai profughi e a tutte le loro gravi problematiche. Quello che vogliamo pesantemente stigmatizzare è l’atteggiamento di chi non si fa scrupolo di sfruttare i bisogni delle persone per i propri vantaggi economici. E’ un comportamento che non può più essere tollerato, così come è necessario offrire un aiuto concreto e diretto a chi, senza alcuna colpa, è stato truffato e si trova ora in una condizione di difficile soluzione. Questi cittadini richiedono risposte rapide ed efficaci, non possiamo permettere che la burocrazia e i suoi tempi finiscano per aiutare chi si comporta irregolarmente e sfrutta le disgrazie dei profughi”.

 

 

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY