Champions, i sogni dell’An Brescia si fermano per una sanzione

Una sanzione grave ricevuta a poco meno di tre minuti dal suono dell’ultima sirena, interrompe il cammino dell’An Brescia nella Final Six di Budapest

0
Nemanja Ubovic, An Brescia pallanuoto - www.bsnews.it
Nemanja Ubovic, An Brescia pallanuoto - www.bsnews.it

Una sanzione grave ricevuta a poco meno di tre minuti dal suono dell’ultima sirena, interrompe il cammino dell’An Brescia nella Final Six di Budapest: nel quarto di finale con l’Eger, l’espulsione per brutalità comminata a Muslim dall’arbitro serbo Putnikovic, di fatto, impedisce di recuperare lo svantaggio di due reti e consegna al team ungherese il pass per la semifinale di domani contro il Szolnok. Alla Duna Arena, finisce 6 a 4 (2-2, 1-1, 1-1, 2-0, i parziali) per il team di Dabrowski ma l’An esce a testa altissima dal confronto. Davanti a un avversario di qualità e sostenuto da tanti e calorosi tifosi, la squadra di Sandro Bovo tiene fede a quanto dichiarato alla vigilia e scende in acqua fortemente determinata ad esprimere il proprio potenziale per agguantare una storica qualificazione alla semifinale di Champions League: Presciutti e compagni non si lasciano intimorire dal clima caldo, né dal gioco piuttosto pesante dei magiari. La difesa regge bene sia in parità – davvero buona la guardia sui centroboa -, che con l’uomo in meno, mentre i reparti avanzati si equivalgono alla perfezione con nessuna formazione che riesce a creare il break. Tutto questo per più di tre tempi: in avvio dell’ultima frazione, il sette bresciano fallisce una superiorità (il dato finale sarà 2 su 7), e poco dopo l’Eger trova un gol abbastanza fortunoso con Vapenski (la palla incoccia il palo, rimbalza sulla nuca di Del Lungo e poi oltrepassa la linea), replicato dalla rete di Harai in superiorità a 4 minuti e 27” dal termine, ovvero a partita per nulla chiusa. A quel punto, l’An stringe i denti e prova a rifarsi sotto, ma, come detto, la brutalità decretata dal signor Putnikovic segna la gara anche se Del Lungo para il rigore susseguente (tirato da Erdelyi) e l’Eger non mette a frutto i due minuti e 58” giocati con l’uomo in più (4 su 12, il dato complessivo). In ogni caso, con grande generosità, i biancazzurri tentano la rimonta fino alla fine, ma attaccare 5 contro 6 in un quarto di finale di Champions, è davvero dura. Domani, alle 17.30, l’incontro coi greci dell’Olympiacos per il quinto posto, e l’An non molla la presa.

«Abbiamo disputato un match davvero buono – commenta coach Bovo -, potevamo riaprire il risultato anche in inferiorità. È stata un’ottima prova, soprattutto grazie a un grande carattere e una difesa di alto livello, tanto in parità quanto con l’uomo in meno; è mancato qualcosa in alcune superiorità, ma ci può stare. L’arbitraggio è stato come c’aspettavamo, coi loro centri un po’ aiutati nelle dure battaglie. La prestazione di stasera consolida la soddisfazione per il percorso fatto sulla scena della Champions, ma non è finita: domani daremo il massimo contro l’Olympiacos».

«Ci siamo espressi molto bene in copertura – dichiara il vice presidente, Alessandro Morandini -, e abbiamo commesso solo qualche piccolo errore nella prima metà del quarto, poi c’è stato il cartellino rosso a Muslim e, a quel punto, occorrevano le energie che non avevamo più. Dispiace davvero perché la semifinale era alla portata e ci tenevamo tanto. Devo comunque fare i complimenti ai ragazzi, si sono battuti alla grande. Guardando avanti, con la sicura squalifica di Petar, domani faremo registrare un’ennesima assenza, ma non importa, siamo pronti a dare, ancora una volta, il 110 per 100».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome