An Brescia perde Randjelovic e Ubo, in partenza per Budapest

Dopo il più che positivo quinto posto raggiunto in Champions League, e come annunciato da tempo, le strade dell’An Brescia e di Sava Randjelovic e Nemanja Ubovic, si separano

0
Sava Randjelovic e Nemanja Ubovic con l'anneatore Bovo, foto da ufficio stampa An Brescia
Sava Randjelovic e Nemanja Ubovic con l'anneatore Bovo, foto da ufficio stampa An Brescia

Un saluto con tanto dispiacere dietro al quale si evidenzia un legame che ha messo solide radici: dopo il più che positivo quinto posto raggiunto in Champions League, e come annunciato da tempo, le strade dell’An Brescia e di Sava Randjelovic e Nemanja Ubovic, si separano. L’An perde due atleti di valore assoluto, l’anno prossimo entrambi in forza all’Orvosi di Budapest; in due stagioni, i due giocatori serbi, con le loro qualità umane e tecniche, con la loro propensione al duro lavoro, con il loro bagaglio d’esperienza, hanno dato un importante contributo alla crescita della squadra bresciana, e tutto l’ambiente biancazzurro conserverà un ricordo pieno di affetto per i due atleti in partenza per l’Ungheria.

Da parte di Randjelovic e Ubovic, alcuni pensieri prima di lasciare l’Italia per la nuova avventura sportiva: «Dopo due anni – queste le parole di Ubo -, lascio tanti amici e un sacco di belle cose fatte con la squadra. Non è stato semplice decidere di andare via, son sicuro che quando tornerò a farmi vivo a Brescia, troverò persone care, anche al di là della pallanuoto. Per questa bellissima esperienza di vita e di sport, ringrazio di cuore la società, tutti i compagni e coach Bovo».

«Sono stati due anni veramente belli – dichiara Randjelovic -, anche a nome di Ubo, posso dire che abbiamo imparato tanto e siamo cresciuti in modo notevole: dalla società, dai compagni, da Sandro, abbiamo ricevuto tanto e non mi resta che rivolgere un sentitissimo ringraziamento a tutto l’ambiente. Sicuramente Brescia rimarrà un bellissimo ricordo sotto tutti gli aspetti: per quel che riguarda l’esperienza sportiva, abbiamo raggiunto traguardi importanti, a partire dall’Euro Cup fino al quinto posto in Champions, passando per le sfide disputate alla pari con il Recco. Magari questo non è un addio ma solo un arrivederci, chi lo sa».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome