Sanità, Mottinelli: la politica torni a occuparsene

Si è svolto ieri a Palazzo Broletto il primo tavolo di lavoro tra le rappresentanze istituzionali per un confronto sulla situazione socio-sanitaria, che sul nostro territorio sta assumendo particolare rilevanza

0
Il prefetto Annunziato Vardè, il sindaco Emilio Del Bono, il presidente della Provincia Pierluigi Mottinelli, l'ex presidente di Aib Marco Bonometti, il neopresidente di Aib Giuseppe Passini, foto Andrea Tortelli, www.bsnews.it
Il prefetto Annunziato Vardè, il sindaco Emilio Del Bono, il presidente della Provincia Pierluigi Mottinelli, l'ex presidente di Aib Marco Bonometti, il neopresidente di Aib Giuseppe Passini, foto Andrea Tortelli, www.bsnews.it

Si è svolto ieri a Palazzo Broletto il primo tavolo di lavoro tra le rappresentanze istituzionali per un confronto sulla situazione socio-sanitaria, che sul nostro territorio sta assumendo particolare rilevanza.

Hanno partecipato all’incontro organizzato dal Presidente della Provincia, Pier Luigi Mottinelli, il vice Presidente Andrea Ratti, i Sindaci il cui Comune è sede di Presidi Ospedalieri (Montichiari, Gardone Val Trompia, Gavardo, Leno, Chiari), il Magnifico Rettore Prof. Maurizio Tira con il Prof. Pietro Nicolai, il Vicepresidente di Federsanità nazionale Giacomo Bazzoni, Donatella Albini e Gianbettino Polonioli della Conferenza dei Sindaci,  il Direttore di ACB, Veronica Zampedrini, Matteo Zani, Piero Alberti, Alessio Rinaldi, Gianpiero Cipani, Samuele Alghisi, Emanuele Moraschini, per l’Assemblea dei Sindaci, Massimo Ottelli e Patrizia Avanzini per ANCI regionale.

“Ci siamo fatti carico – ha dichiarato Mottinelli –di una richiesta giunta dai sindaci del territorio, che fanno fatica a interpretare questa riforma sanitaria. Abbiamo così deciso di creare questo tavolo di confronto, che si riunirà periodicamente, con l’obiettivo di analizzare i problemi principali legati alla riforma e portarli in Regione Lombardia, nell’interesse dei cittadini. Un appuntamento che può essere utile per dare vigore alla proposta che aveva fatto il Prof. Tira di dare vita, entro la fine dell’anno, agli Stati Generali della Sanità”.

Dal tavolo è emerso che la riforma ha disarticolato le realtà bresciane e che è necessario intervenire con risorse e strumenti adeguati per garantire servizi di qualità. Nel ruolo di “Casa dei Comuni”, la Provincia è l’unico ente che raggruppa ASST di diverse ATS: ne è un esempio la Valle Camonica che, con la riforma sanitaria, ha purtroppo perso l’autonomia che aveva ottenuto nel 1998 per passare nell’ATS di Montagna, con Sondrio e l’Alto Lario: assetto non gradito ai sindaci di quel territorio, come sottolineato anche nell’incontro odierno.

“Dopo la permanenza in costituzione delle Province con il referendum del 4 dicembre 2016, nella prossima Consiliatura Regionale andrà affrontato il tema della zonizzazione delle ATS previste dalla riforma sanitaria. E’ arrivato il momento – ha concluso il Presidente Mottinelli –  che la Politica si riprenda le responsabilità di una nuova stagione di riforme. Come ho recentemente ribadito al Presidente Maroni, dopo il referendum del 4 dicembre, i servizi e le deleghe regionali vanno calibrate sui confini geografici e politici delle 11 province più la città metropolitana di Milano. Credo che la prossima Consiliatura Regionale potrà ricondurre le ATS su dimensioni provinciali o sovraprovinciali, senza disarticolare territori tra una Provincia e l’altra.”

Comments

comments

LEAVE A REPLY