Richiedenti asilo, controllate 40 strutture per presunte truffe allo Stato

0
Immigrati
Immigrati

I Carabinieri hanno passato al setaccio una quarantina di strutture nella Bassa Bresciana che ospitano richiedenti asilo. La richiesta di intervento è arrivata dal pm – secondo quanto riporta il Giornale di Brescia – e l’accusa, al momento contro ignoti, è quella di truffa aggravata ai danni dello Stato.

Le strutture, direttamente o indirettamente, sarebbero riconducibili un imprenditore di Montichiari, che ad oggi non è comunque accusato di alcun reato. Attualmente, secondo le indagini, le strutture riconducibili a lui o a persone vicine a lui ospitano circa 200 richiedenti asilo, per un giro di denaro – se così si può chiamare – di settemila euro al giorno. L’imprenditore ha partecipato dal 2015 ai bandi aperti dalla Prefettura per trovare un collocamento temporaneo ai richiedenti asilo, ma secondo gli inquirenti a questi bandi avrebbero partecipato anche strutture rivelatesi poi inesistenti. Per le quali, però, l’uomo avrebbe comunque percepito i 35 euro al giorno.

Riconducibile allo stesso imprenditore sarebbe anche Borgo Machetto, l’ex resort di lusso fatto sgombrare dalla Prefettura lo scorso gennaio.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome