La tua azienda è digitale? Scoprilo con la survey Industria 4.0 di Innovation Club

La Survey sarà inviata a oltre 3000 aziende lombarde. Contattaci se vuoi per ricevere anche tu la survey (info@innovationclub.it)

1
La Survey
La Survey

L’espressione Industria 4.0 è collegata alla cosiddetta “quarta rivoluzione industriale”. Resa possibile dalla disponibilità di sensori e di connessioni wireless a basso costo, questa nuova rivoluzione industriale si associa a un impiego sempre più pervasivo di dati e informazioni, di tecnologie computazionali e di analisi dei dati, di nuovi materiali, componenti e sistemi totalmente digitalizzati e connessi (internet of things and machines). L’audizione alla camera del ministro Carlo Calenda effettuata il 15 Giugno 2016 illustra le linee guida dell’Industria 4.0 che tocca tutti i processi dell’azienda non solo quelli produttivi ma anche vendita, strategia e posizionamento. In particolare vengono identificati numerose aree di intervento.

Per questa ragione proponiamo una Survey che tocca numerosi aspetti perché l’impatto delle nuove tecnologie digitali sarà su ogni processo aziendale.

L’INNOVAZIONE DEL MODELLO DI BUSINESS

Spostarsi verso un business dei servizi dovrebbe ormai rappresentare una priorità per ogni azienda, di qualsiasi dimensione, qualunque sia il core business di cui si occupa: l’evoluzione dell’offerta appare infatti ormai chiaramente orientata in questa direzione. Un simile adeguamento  ha un forte impatto su tutti i processi aziendali. Abbracciare un business di servizi significa riorientare la vendita, la produzione, la ricerca, ogni reparto aziendale: cambia il posizionamento sul mercato, cambia il marketing e il modo in cui l’azienda si propone, cambiano anche produzione, progettazione e prototipazione.

L’impatto del digitale non tocca solo sta cambiando il comportamento dei clienti, spostando sempre più i modelli di consumo da una logica di prodotto (singolo acquisto) ad una di servizio (sottoscrizione). Il valore si sposta dal prodotto al servizio. Lo dimostrano ecosistemi innovativi come iTunes di Apple, Kindle di Amazon. 

SMART FACTORY – INNOVARE IL PROCESSO PRODUTTIVO

L’industria 4.0 passa per il concetto di Smart Factory che si compone di 3 parti:

> Smart production: nuove tecnologie produttive che creano collaborazione tra tutti gli elementi presenti nella produzione ovvero collaborazione tra operatore, macchine e strumenti.

> Smart services: tutte le “infrastrutture informatiche” e tecniche che permettono di integrare i sistemi; ma anche tutte le strutture che permettono, in modo collaborativo, di integrare le aziende (fornitore – cliente) tra loro e con le strutture esterne (strade, hub, gestione dei rifiuti, ecc.)

> Smart energy: tutto questo sempre con un occhio attento ai consumi energetici, creando sistemi più performanti e riducendo gli sprechi di energia.

La chiave di volta dell’industry 4.0 sono i sistemi ciberfisici (CPS) ovvero sistemi fisici che sono strettamente connessi con i sistemi informatici e che possono interagire e collaborare con altri sistemi CPS. Questo sta alla base della decentralizzazione e della collaborazione tra i sistemi, che è strettamente connessa con il concetto di industria 4.0.

SMART PRODUCT – INNOVARE IL PROPRIO PRODOTTO

Nell’attuale contesto di mercato  è diventato quanto mai centrale per le imprese riuscire a realizzare prodotti innovativi, qualitativi, prima e meglio dei propri competitori.  Diversi sono gli elementi di innovazione del prodotto manifatturiero:

> dalla mass production alla mass customization;

> dal prodotto “fisico” al prodotto intelligente (IoT-enabled);

> dal prodotto “consumabile” al prodotto “sostenibile” (Circular Economy).

L’INNOVAZIONE DEI PROCESSI DI VENDITA – LA CUSTOMER EXPERIENCE

La Customer Experience è la somma di tutte le esperienze che un Cliente vive con un fornitore di beni e servizi, lungo l’intera durata del loro rapporto. Rappresenta, di fatto, la capacità di un’Azienda di leggere e comprendere la componente emozionale dei propri Clienti e porre in atto azioni che possano soddisfarli. Con la progressiva trasformazione di beni e servizi in commodity, la Customer Experience rappresenta ormai un elemento differenziante di fondamentale importanza per le Aziende. Il passaparola tra i Clienti scaturisce da un’esperienza di contatto positiva con ritorni in termini di aumento dei ricavi. Le Aziende che conseguono risultati migliori sul mercato mostrano valori di Customer Experience elevati, segno evidente dei vantaggi anche economici che questa disciplina porta alle Aziende. Lo strumento principale per studiare e comprendere le interazioni che il Cliente ha con l’Azienda è la mappa della “Customer Journey”, ovvero la rappresentazione visuale e la schematizzazione dei punti di contatto tra Cliente e Azienda lungo tutte le fasi del percorso di interazione tra i due.

Tre concetti fondamentali sono associati alla customer experience:

Touchpoint (punto di contatto): il touchpoint può essere un sito, un negozio, una fiera o qualsiasi altro luogo o evento in cui si entra in contatto con il cliente.

Moment of truth (momento della verità): il MOT è qualsiasi occasione in cui il cliente interagisce o è esposto agli output dell’azienda e conduce al formarsi di un’impressione sulla stessa. Sono i momenti in cui i clienti si formano un’idea positiva o negativa dell’azienda.

Engagement (coinvolgimento): è un termine diventato molto in uso ultimamente e in questo contesto può essere definito come la risposta emozionale e razionale di un cliente alla customer experience. Riuscire a creare una connessione con i propri clienti è una grande sfida del business moderno.

Rubrica Innovation club
Rubrica Innovation club

La customer experience oggi non può essere più una conseguenza casuale dei processi di business, ma deve essere pianificata, ed è essa stessa che li determina. L’approccio moderno deve partire dal cliente e non dal prodotto, ed intorno ad esso costruire una strategia di gestione della relazione con esso.

L’INNOVAZIONE DEL PROCESSO HR

Numerose innovazioni digitali possono essere utilizzate per potenziare i processi HR:

Processo di Selezione – I big data per trovare le persone giuste: La vastità delle informazioni disponibili nei vari social network utilizzati dai potenziali candidati costituisce una preziosa fonte di informazioni a supporto dei dipartimenti HR delle aziende. Ad oggi tuttavia non vi sono soluzioni che sfruttino in modo pieno tale potenziale, con una ricerca mirata e uno screening di quei profili che possono fornire prezione informazioni addizionali sul comportamento e gli interessi dei candidati.

Il benessere psicofisico del lavoratore come Asset per l’azienda: La promozione della salute è Il processo che consente alle persone ed alle comunità di esercitare un maggiore controllo sulla propria salute e di migliorarla. Un processo sociale e politico globale, che non comprende solo azioni volte a rafforzare le abilità e le capacità dei singoli individui, ma anche azioni volte a modificare le condizioni sociali, ambientali ed economiche.

Un processo di formazione continua del proprio personale: Un percorso di miglioramento continuo per gestire al meglio le trasformazioni dell’Industria 4.0 La formazione continua è volta a migliorare il livello di qualificazione e di sviluppo professionale delle persone che lavorano, assicurando alle imprese e agli operatori economici sia pubblici che privati, capacità competitiva e dunque adattabilità ai cambiamenti.

La Survey sarà inviata a oltre 3000 aziende lombarde. Contattaci se vuoi per ricevere anche tu la survey (info@innovationclub.it).

Segui le iniziative di Innovation Club: www.innovationclub.it

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY