IL TUO AVVOCATO/3. Banche e interessi, quando scatta l’usura?

Nella terza puntata della rubrica con gli esperti dello studio Pagano & Partners si parla di usura bancaria: cosa è e cosa si può fare

7
Avvocato Monica Pagano (studio Pagano and Partners), Brescia. www.bsnews.it
Avvocato Monica Pagano (studio Pagano and Partners), Brescia. www.bsnews.it

Sono vittima di usura bancaria? Quando i tassi sono considerati usurari? Quali sono gli strumenti di tutela contro queste anomalie?

Rispondono l’Avv. Monica Pagano e l’Avv. Matteo Marini dello Studio Legale Pagano & Partners di Brescia.

Queste domande, soprattutto negli ultimi anni, sono divenute molto frequenti. Infatti, sia i privati sia gli imprenditori, grazie alle informazioni acquisite da diverse forme di comunicazione (a dire il vero non sempre precise e/o esaustive), hanno manifestato alcune perplessità circa la conformità dei rapporti contrattuali intrattenuti con i propri Istituti di Credito.

Specialmente in questo periodo di forte crisi del settore finanziario, le irregolarità compiute dalle banche non sono rare e sporadiche, ma sempre più frequenti: infatti tra le previsioni più diffuse, rientrano fenomeni quali: usura bancaria, anatocismo, commissioni illegittime e modifiche non concordate delle condizioni contrattuali.

Analizziamo, nello specifico, l’ipotesi di usura. Indipendentemente dalle varie forme che può assumere (originaria alla stipula del rapporto o sopravvenuta in corso di rapporto), l’usura si verifica nel momento in cui l’istituto di credito o l’intermediario finanziario, pattuisce e quindi percepisce interessi superiori rispetto a quanto stabilito dalla normativa di legge. Quindi, per consentire la verifica del superamento dei tassi massimi praticabili, i quali variano a seconda della tipologia contrattuale (c/c, leasing, mutui, finanziamenti alle famiglie/imprese etc etc), bisogna confrontare il tasso applicato dall’ Istituto di Credito con quello fornito trimestralmente dalla Banca d’Italia (c.d. tasso soglia/usura).

Il superamento di suddetto tasso periodico, fa configurare, dunque, l’usura bancaria.

Ma quali sono i rimedi e gli strumenti utilizzabili in queste situazioni?

Innanzitutto, per verificare l’effettivo superamento del “tasso soglia” o comunque la presenza di ulteriori anomalie bancarie, è opportuno rivolgersi a professionisti in grado di analizzare specificatamente ogni singolo rapporto contrattuale.

Solo in caso di accertamento positivo (quando l’usura è presente) è possibile sia contestare le anomalie riscontrato e conseguentemente ottenere la restituzione delle somme corrisposte, sia ottenere un vero e proprio “blocco” delle eventuali procedure pendenti (ad es. esecuzioni immobiliari) fino all’accertamento del corretto “dare avere” tra le parti.

 “Un consiglio decisamente importante”, afferma l’Avv. Pagano “è quello di rivolgersi esclusivamente a soggetti specializzati in materia. Infatti, siccome l’usura bancaria rappresenta un fenomeno difficile da eliminare, poiché basato sullo sfruttamento della necessità di denaro di famiglie ed imprese, è necessario affidarsi a soggetti competenti nel settore che sappiano consigliare la migliore strategia da attuare”.

Queste sono solo alcune direttive e consigli per combattere il fenomeno dell’usura bancaria, per ulteriori informazioni potete rivolgere le relative domande al seguente indirizzo email: segreteria@studiopaganopartners.it

LEGGI LE PUNTATE PRECEDENTI DELLA RUBRICA

Comments

comments

7 COMMENTS

  1. Buongiorno Oleg,
    come già sottolineato nel testo della rubrica, la soluzione migliore per individuare la presenza di usura o di altre irregolarità bancarie, sarebbe quella di affidarsi a professionisti del settore bancario, in modo tale che, in seguito ad un’accurata valutazione della singola situazione, si possa trovare la soluzione più idonea per la risoluzione di un’eventuale irregolarità.
    Può comunque verificare dei tassi di comparazione, tramite ricerche online, ma – in ogni caso – non potrà conoscere l’ammontare delle anomalie bancarie. Pertanto, consiglio di affidarsi alle mani di veri e propri esperti.
    Spero di esser stata esaustiva nel risponderle.

  2. Le banche in Italia si trovano in una posizione di privilegio sistemico: sono troppo importanti per il sistema perché il sistema non le salvi qualunque cosa facciano, la battaglia del singolo cittadino contro un istituto di credito vede il primo quasi sempre perdente

    • Buongiorno Malizioso,
      benché il sistema bancario riceve delle tutele da parte dallo Stato, è pur vero che nel nostro ordinamento, vi sono specifiche normative e disposizioni che permettono di contrastare e combattere fenomeni illegali – attuati delle Banche – quali usura, anatocismo, ecc…
      In realtà, da qualche anno è nata la consapevolezza in molti cittadini, di poter contrastare il “cattivo” funzionamento dell’intero sistema bancario, questo grazie all’introduzione di nuovi mezzi a tutela dei soggetti più sfavoriti, quali ad esempio: il recente Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF), introdotto nel gennaio del 2017.
      Pertanto, anche coloro i quali hanno intrattenuto rapporti “irregolari” con le Banche, potranno usufruire di strumenti idonei a contrastare tali fenomeni. Ovviamente – risulta opportuno sottolineare – è necessario affidarsi ad esperti e specialisti nel settore bancario e finanziario.

  3. Piccola riflessione sulle banche: in quale altro posto del mondo esiste questa cosa per cui possono applicare tassi usurari senza scatenare la condanna totale e unanime della società civile????

LEAVE A REPLY