Denuncia pestaggio e rapina, ma era solo stato con l’amante

E' andato al pronto soccorso della Poliambulanza a medicarsi, accompagnato dalla moglie, poi in caserma per presentare denuncia contro ignoti, affermando di essere stato rapinato e barbaramente picchiato. In realtà aveva solo, piacevolmente, trascorso qualche ora con l'amante e non sapeva come giustificarsi con la moglie

0
Amante
Amante

E’ andato al pronto soccorso della Poliambulanza a medicarsi, accompagnato dalla moglie, poi in caserma per presentare denuncia contro ignoti, affermando di essere stato rapinato e barbaramente picchiato. In realtà – pare – aveva solo trascorso qualche ora con l’amante e non sapeva come giustificarsi con la moglie.

E’ questa la curiosa storia accaduta a Castenedolo, di cui dà conto il quotidiano Bresciaoggi. L’uomo, un 50enne della zona, aveva riferito di essere stato rapinato e malmenato da diverse persone mentre si trovava nella sua auto. Ma qualcosa ha insospettito fin da subito i Carabinieri, che nell’arco di poco sono riusciti a scoprire cosa era accaduto veramente. E la verità era molto meno drammatica del primo racconto.

Il 50enne, infatti, ha confessato di essersi inventato rapina e aggressione semplicemente perché non sapeva come giustificare alla moglie l’assenza da casa per qualche ora. Risultato?  E’ stato denunciato per procurato allarme e simulazione di reato. Ma la sentenza più delicata sarà quella della moglie.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome