Vaccini, 300 in piazza Vittoria per dire no all’obbligo

Genitori in piazza anche a Brescia contro il decreto sulle vaccinazioni obbligatorie firmato dal ministro Beatrice Lorenzin

0
Un cartello delle manifestazioni degli antivaccinisti
Un cartello delle manifestazioni degli antivaccinisti

Genitori in piazza a Brescia contro il decreto sulle vaccinazioni obbligatorie firmato dal ministro Beatrice Lorenzin. A manifestare in piazza Vittoria, sotto la stele del “negher”, circa 300 persone che hanno voluto aderire alla marcia di protesta promossa dalle associazioni Comilva, Condav, Sentiero di Nicola Onlus e Rav Hpv per dire no a una “imposizione ideologica”. Il claim dell’iniziativa era quello di sempre: “Non siamo contro ai vaccini, ma chiediamo che alle famiglie venga data libertà di scelta”. Ma l’implicito – esplicitato spesso dai rappresentanti del fronte “no vaccini” italiano – è la paura che nei vaccini siano presenti inquinanti tossici e che l’obbligo sia soltanto un favore alle multinazionali (le stesse espresse dal professor Corrado Perna, a cui il Comune di Iseo ha recentemente negato l’utilizzo della sala civica). Per non parlare della diceria secondo cui i vaccini potrebbero provocare l’autismo: una leggenda metropolitana smentita da tutte le ricerche scientifiche, che però ricorre spesso nelle manifestazioni antivaccino.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome