L’idraulico polacco? Ora il concorrente è l’idraulico on line

Solo evolvendosi l'idraulico bresciano resterà razza dominante nella selezione darwiniana del mondo del lavoro

0
Un simpatico manifesto dell'ufficio del turismo polacco a Parigi, che mostra un bel idraulico polacco che invita i francesi a recarsi in Polonia, foto da web
Un simpatico manifesto dell'ufficio del turismo polacco a Parigi, che mostra un bel idraulico polacco che invita i francesi a recarsi in Polonia, foto da web

di Mirov – Qualche anno fa lo spauracchio dei piccoli professionisti bresciani era il celeberrimo idraulico polacco, figura quasi mitologica che – con l’ingresso della Polonia nell’Unione europea, nel 2004 – avrebbe dovuto invadere il mercato italiano e sbaragliare la concorrenza dei professionisti locali. “Magari ne avremmo tratto anche qualche beneficio”, ha sottolineato ironicamente il ministro Emma Bonino, intervenuta questa sera a Confartigianato Brescia e Lombardia Orientale proprio per parlare di Europa, evidenziando che quell’invasione non si è mai verificata.

I tempi, come ha ricordato l’esponente del governo Gentiloni, sono cambiati. L’Europa si è allargata e il mercato ha assunto dinamiche nuove. Il vero concorrente dell’idraulico bresciano tradizionale, oggi, non è l’idraulico polacco. Né quello rumeno o bergamasco. In un mercato sempre più stretto e competitivo (anche se trovare un idraulico in certi orari o farsi mandare un preventivo per un lavoro in alcuni orari è ancora un’impresa non facile) il principale “avversario” dell’idraulico di una volta è l’idraulico che utilizza tutti gli strumenti che la tecnologia mette a sua disposizione.

I comportamenti d’acquisto, infatti, sono profondamente cambiati e sono diventati multilaterali. Le opinioni si raccolgono/formano su Google, Facebook o addirittura Youtube, ma lo shopping si fa sempre su colossi come e Ebay oppure attraverso i numerosissimi comparatori nati negli ultimi anni per ottenere il miglior prezzo. Contemporaneamente moltissime attività tradizionali si sono dotate di un e-shop, investendo risorse significative prima destinate alla carta nel marketing del proprio e-commerce. Ma anche i servizi (di qualsiasi tipo, compresi i giornalisti e spesso medici e avvocati) si comprano sempre di più attraverso la rete. Perché la generazione Google ha una tendenza quasi inarrestabile: quella di rivolgersi al popolare motore di ricerca per qualsiasi tipo di richiesta, nella convinzione che – con poca abilità – ne otterrà la risposta migliore per le proprie esigenze.

Da qui, nascono i siti per confrontare diversi preventivi, Scegli Preventivo (per fare un esempio), che permettono agli utenti di ottenere ciò che serve loro in pochi clic. Ovunque si trovano. La dinamica è molto semplice: basta compilare un form e si possono ottenere in poche ore preventivi in tutti i settori: il famoso idraulico, ma anche l’antennista, esperto di videosorveglianza, l’autospurgo, il dentista, l’elettricista, il fotografo, il giardiniere, l’imbianchino, il personal trainer, la tipografia, il taxi, i traslochi e persino il wedding planner.
La differenza, insomma, la fanno gli strumenti con cui ci si propone al pubblico. Ma “un buon idraulico deve saper riparare in fretta, senza far danni e senza costare troppo, l’impianto di casa: il resto è secondario”, obietterà qualcuno. Giusto, ma prima di fare bene un lavoro bisogna farsi trovare (bene) dai clienti, che stanno sempre più sul web, e farsi approvare un preventivo. Poi arrivano i feedback, la qualità e la varietà del servizio offerto. Perché l’altra sfida è quella di gestire la propria reputazione on line per convincere i potenziali clienti che l’idraulico polacco non ha le stesse referenze di quello a due passi da casa. Solo così l’idraulico bresciano resterà razza dominante nella selezione darwiniana del mondo del lavoro.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome