Attentato Isis a Ghedi? I giudici: terroristi facevano sul serio

La sentenza conferma la pericolosità per i due aspiranti terroristi, condannati a sei anni di carcere con espulsione a fine pena

0
La sentenza
La sentenza
Bsnews whatsapp

“Sono apparsi assolutamente determinati ad ‘ammazzare in Italia’ e poi a raggiungere il territorio dello stato islamico, che avrebbe rivendicato il loro pregresso atto di terrore, loro prestigioso ‘biglietto da visita’ per l’arruolamento nelle milizie armate”. A dirlo, nero su bianco – secondo quanto riferito da Brescia oggi – è la sentenza che ha confermato la condanna a sei anni di carcere per il tunisino Lassaad Briki e ol pakistano Muhammad Waqas.

I due, secondo la sentenza, stavano progettando un attentato alla Base Nato di Ghedi. Fatti, non parole. Inoltre i due avevano manifestato esplicitamente la vicinanza all’Isis, senza mai prenderne le distanze. Tanto che “neppure nel giudizio di appello vi è stato altro spunto collaborativo o presa di distanze dall’ideologia propugnata dal califfato da parte di nessuno dei due imputati, nei cui confronti, rilevatane la pericolosità, va confermata anche l’espulsione a pena espiata”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI