ASST del Garda, pubblicati i bandi per aspiranti enti erogatori e gestori nell’ambito della cronicità

Entrambi scadranno lunedì 17 luglio e sono rivolti ai futuri gestori che abbiano interesse alle prestazioni dell’ASST del Garda

0
Peter Assembergs, direttore generale ASST - foto da ufficio stampa
Peter Assembergs, direttore generale ASST - foto da ufficio stampa

L’ASST del Garda ha pubblicato sul proprio sito internet (www.asst-garda.it) gli avvisi per la manifestazione di interesse rivolti ad aspiranti enti erogatori ed enti gestori di prestazioni sanitarie e socio-sanitarie nell’ambito della cronicità.

Entrambi scadranno lunedì 17 luglio e sono rivolti ai futuri gestori che abbiano interesse alle prestazioni dell’ASST del Garda in quanto erogatore o che vogliano entrare a far parte della filiera dell’ASST del Garda nella gestione dei pazienti cronici, loro stessi come erogatori di parte delle prestazioni necessarie.

ASST del Garda intende candidarsi quale Gestore, nuova figura introdotta dalla legge regionale di riforma del Servizio Socio Sanitario Regionale, cui viene assegnata la responsabilità specifica di coordinare, semplificare, ottimizzare e facilitare le diverse fasi del percorso di cura della persona garantendone la presa in carico e il presidio della comunicazione tra i diversi nodi della rete di assistenza. Il Gestore diventa inoltre il garante del coordinamento e dell’integrazione tra i differenti livelli di cura ed i vari attori coinvolti.

“Stiamo affrontando una fase strategica ed estremamente importante della riforma sanitaria regionale – dichiara il Direttore Generale Peter Assembergs – che si basa su una logica di superamento dei tradizionali confini tra Ospedale e Territorio e sulla presa in carico del paziente lungo tutto il suo percorso di cura. Tramite questi bandi vogliamo individuare soggetti, esterni all’ASST, che possano insieme a noi provvedere alla presa in carico delle persone fragili o con una o più patologie croniche e necessitano quindi di un’assistenza sanitaria complessa caratterizzata dall’impegno di diversi specialisti. Auspico una grande adesione degli Enti ai nostri bandi”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY