Omicidio Vobarno: uccise suo cognato, condannato a 10 anni

0
Tribunale
Tribunale

Omicidio Carpaneda. Non fu eccesso di legittima difesa ma omicidio volontario. La pena, però, è quella minima: 10 anni di carcere. Lo ha deciso il gup Lorenzo Benini nei confronti di Laert Kumuraku che nel giugno del 2016 a Carpaneda di Vobarno avrebbe ucciso il marito della sorella a coltellate al culmine dell’ennesima lite famigliare.

O forse no. Perchè il gup ha ritenuto che il gesto di Kumuraku non fosse avvenuto d’istinto per proteggere la sorella – secondo testimoni vittima di violenze da parte del marito – ma premeditato quel tanto che bastava per commutare l’accusa da eccesso di legittima difesa in omicidio volontario. Il lasso di tempo intercorso fra la lite e l’aggressione con il coltello avrebbe potuto, e dovuto, schiarire le idee a Kumuraku e farlo agire in altro modo. Le motivazioni della sentenza (come riporta il Giornale di Brescia) saranno depositate fra 30 giorni.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome