Lombardia Orientale, un sogno che può realizzare i sogni di Brescia | di Sandro Belli

Ritengo che molti obiettivi di ampio respiro - che spesso ci si frena a proporre perché la sola Brescia difficilmente potrebbe supportare e finanziare - potrebbero molto più facilmente trovare realizzazione in un ambito come quello lombardorientale

9
Sandro Belli, imprenditore e opinionista di BsNews.it
Sandro Belli, imprenditore e opinionista di BsNews.it

Brescia cresce… e pare crescere anche nei campi nei quali i pessimisti di qualche anno fa, schernendo le prospettive e le proposte di Bresciacittagrande, consideravano improponibili molti interventi strategici. “Un polo fieristico?! – dicevano- Le fiere non si usano più. Brescia poi è ormai fuori gioco. Milano ci ha del tutto fagocitato”.

Giornalisti ed economisti più o meno condividevano questo disfattismo, senza peraltro provare a proporre  una possibile via di soluzione, di rilancio di una attività, quella fieristica espositiva, che in un’area industriale e artigianale come la nostra non può mancare Bresciacittagrande proponeva un piano lombardorientale con Brescia capofila, nel quale l’unione pluriprovinciale di competenze e risorse potesse sostenere un polo di grande rilevanza. Venne derisa ed accusata di utopia.

Oggi con piacere leggo: “Nasce il polo fieristico della Lombardia orientale per far concorrenza a Milano”. Nessuno può nascondere che questo rilancio è un obiettivo difficile e complesso, ma ha le carte in regola per divenire una realtà straordinaria, se la si appoggia con coraggio e convinzione.

Per ulteriormente rinfrancare questa idea di un’area compatta, sinergica e di ottimo calibro che è la Lombardia Orientale, leggo nella pagina seguente che “Medicina si allargherà a Mantova e Cremona e che Brescia e la sua struttura sanitaria diviene sempre più centrale, compresa Chirurgia pediatrica che diventa riferimento lombardo, con sede in Brescia”.

Ritengo che molti obiettivi di ampio respiro – che spesso ci si frena a proporre perché la sola Brescia difficilmente potrebbe supportare e finanziare – potrebbero molto più facilmente trovare realizzazione in un ambito come quello lombardorientale, dove già commercianti, artigiani, agricoltori, musicisti, lavorano nelle loro associazioni lombardorientali in piena sinergia. Un solo esempio: un grande campus universitario dove studenti di Brescia, Mantova e Cremona si sentano “a casa loro”  e ospitino studenti di tutto il mondo.

La politica non si faccia scappare questa unica formidabile occasione e si preoccupi di dare struttura e autonomia alla nascente Lombardia Orientale.

Comments

comments

9 Commenti

    • Nel frattempo l’ideatore della Padania Libera, in arte il senatore Umberto Bossi, è stato condannato per truffa ai danni dello Stato, quello di “roma ladrona” per intenderci. Ci fosse stata la Padania Libera non veniva nemmeno processato e magari si faceva nominare prima Zar della Padania. Per fortuna che oggi c’è Salvini a guidare i padani liberi, il quale ha rispolverato pure il tricolore che il buon Bossi usava invece per finalità igieniche personali…

  1. Leggo spesso e commento poco, ma stavolta condivido il Belli-pensiero. Brescia deve trovare il modo di sprovincializzarsi e l’alleanza antimilanese può essere la soluzione.

  2. Con piacere leggo, due giorni dopo questo mio intervento,
    che sul Corriere Bs Tino Bino riprende gli stessi miei concetti, li amplifica, e nella stessa colonna dello stesso giornale, nel quale due anni fa si derideva il risveglio del polo fieristico lombardorientale, oggi lo si rilancia.
    “la fiera dell’est e il riequilibrio ” titola il Corriere !: un grande auspicio, una conferma di Bresciacittagrande

  3. Qualche soddisfazione me la voglio togliere : ciò che due anni fa scrivevo in ‘Convivio Bresciano’ nel capitolo ‘Brescia che vorrei ‘ e nel seguito sul tema della Lombardia orientale, sul Comparto Milano, sul Parco dello Sport, sulle piste ciclabili, sulle periferie, sul l’illuminazione pubblica, su Campo Marte, ec…viene oggi riletto o riproposto anche da coloro che erano assolutamente contrari o da coloro che sembravano snobbare ogni prospettiva.

  4. Sandro
    Meglio prima che dopo.
    Puntare a Brescia 2030 potrebbe essere, per molti interventi e molte realizzazioni, una buona prospettiva, ma….bisogna pedalare fin da oggi

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome