LETTERE DALLA KIRGHISIA: SECONDA LETTERA

Il libro Lettere della Kirghisia di Silvano Agosti in Ebook gratuito, LETTERA 2

0
La versione integrale di Lettere dalla Kirghisia di Silvano Agosti, pubblicata in formato digitale su BsNews.it su gentile concessione dell'autore
La versione integrale di Lettere dalla Kirghisia di Silvano Agosti, pubblicata in formato digitale su BsNews.it su gentile concessione dell'autore

Kirghisia, 20 luglio

Cari amici,
la descrizione di questo mio viaggio in Kirghisia ha suscitato in voi singolari reazioni.
Mi avete inviato messaggi pieni di entusiasmo e di incredulità, soprattutto rispetto al fatto che in questo delizioso Paese l’economia va a gonfie vele e ognuno, qualunque sia la sua attività, lavora a pieno stipendio un massimo di tre ore al giorno. Mi dovete credere, è difficile immaginare la serenità delle persone che sanno di avere garantiti non solo il necessario, ma anche il tempo per vivere.
Oggi ho chiesto di visitare le scuole. Pensavo di entrare, come da noi, in grandi edifici, suddivisi in aule, invece mi hanno portato in una decina di parchi, colmi di bambini e di giovani intenti a giocare. Ogni parco viene denominato “Valle della Vita”.
La Valle della Vita numero uno, numero due, etc.

Qui i bambini dai cinque anni in su e i ragazzi fino ai sedici anni, giocano, tutto il giorno, alla presenza di persone adulte disponibili a risolvere qualsiasi problema.
Ogni adulti si prende cura ed è responsabile di venti tra bambini o ragazzi.
È prevista un’interruzione a metà giornata, quando i genitori, finite le tre ore di lavoro al mattino, raggiungono i figli e pranzano con loro, spesso trattenendosi a giocare nel pomeriggio.
L’immagine di questi due o tremila ragazzi, ragazzini e bambini che si divertono inventando ogni sorta di giochi, mi ricorda le evoluzioni misteriose e spettacolari, le danze geometriche degli storni nel cielo di Roma in autunno.
Cosa desiderano il novantanove per cento dei bambini, ragazzi o giovani del mondo?
Desiderano giocare, e infatti qui in Kirghisia semplicemente giocano, qui, dove tutto viene
relazionato ai desideri degli essere umani.
“Ma se giocano tutto il giorno quando studiano?” obbietto al mio accompagnatore.
Mi sorride.
“Loro non studiano, imparano.”

“Cioè?”
Per tutta risposta fa cenno a un ragazzino di fermarsi.
“Quanto fa tremilacinquecentoquarantatre per sessantotto?”
Il ragazzo, col volto intriso di gioco e di vitalità, guarda di sbieco verso l’alto per alcuni secondi e risponde rapido:
“Duecentoquarantamilanovecentoventiquattro.”
Poi riprende a correre con i compagni.
L’interprete ferma un’altro ragazzino:
“A cosa serve la milza?” Chiede.
“A produrre le piastrine che puliscono il sangue”.
“E il fegato?”
Con voce leggermente affannata ma ferma, guardandomi negli occhi, il ragazzino prosegue.
“È una centralina energetica, un senatorio di glicogeno detto anche glucosio, inoltre produce la bile che serve per la digestione, e un sacco di altre cose…” Poi, sorridendo, torna a giocare. Ricordo una mia esperienza sulla via Tuscolana a Roma, in un liceo psicopedagogico, dove, durante un dibattito seguito alla proiezione del mio fim “D’amore si
vive”, ho chiesto invano a circa trecento ragazze se una di loro sapesse cos’è l’Imene (membrana importante del corpo femminile). Per interrompere un silenzio smarrito e imbarazzato, ho proposto all’insegnante di rispondere alla domanda. Non sapendolo a sua volta, la professoressa ha invitato bruscamente la scolaresca a parlare del film.
“Qui da noi in Kirghisia, i bambini crescono con la consapevolezza che il corpo umano, anche solo come macchina biologica, è un capolavoro della natura. Lo conoscono e ne ammirano la perfezione. Scoprendo che il corpo umano è un capolavoro, la persona si relaziona a se stessa con lo stesso rispetto e cautela che si ha per un opera d’arte e di conseguenza tratterà anche i suoi simili, chiunque essi siano, come dei capolavori”.
“Posso fermarne uno io di questi giocatori?”
Chiedo avvicinandomi a una ragazzina che si sta sistemando una scarpa.
“Do you speak english?” (Parli inglese?) Le chiedo.
“I speak five languages” (Parlo cinque lingue) dice graziosamente e sfugge a un gruppo di altre bambine che evidentemente la stanno inseguendo.
“Ma come è possibile?”
Chiedo al mio amico Kirghiso.

“Ha frequentato la Casa delle lingue, dove proiettano in dieci diverse lingue i film che piacciono ai ragazzi di ogni età. Comunque tutti i nostri ragazzi parlano almeno quattro lingue. Le parlano perché nessuno gliele ha insegnate, proprio come la lingua madre.”
Mi accompagna ai margini del parco, spiegandomi che il meccanismo dell’imparare è permanente e più rapido di quello collegato allo studio, che, essendo quasi sempre obbligatorio, non penetra a fondo nella memoria conoscitiva e svanisce rapidamente con il trascorrere del tempo.
Lo studio impone l’apprendimento e quindi non nasce da un interesse o da un desiderio, ma da un obbligo.
Le nozioni che si apprendono con lo studio sono simili a fiori recisi che vengono immessi nel vaso della memoria e, pur rinnovandosi, le parole prima o poi appassiscono.
Ciò che si impara invece, nasce dal desiderio di sapere ed è simile a un seme messo nella terra che poco a poco cresce, fruttifica, vive e si rinnova.

Per questo, imparare è un piacere raro, mentre studiare è spesso fonte di oppressione, inquietudini e malattie. Si direbbe che lo studio abbia come scopo di creare negli esseri umani una repulsione definitiva per ogni forma di sapere.
Ma quando e come imparano questi giovani se giocano sempre?
Tutt’intorno al perimetro del parco una serie di costruzioni a un piano, ognuna adibita a un diverso settore del sapere Casa della Filosofia, Casa della Geografia, Casa del Corpo Umano, Casa degli Animali, Casa della Letteratura, Casa delle Lingue, Casa della Matematica, Casa dei Cibi, Casa della Storia, Casa della Pittura, Casa dell’Architettura, Casa della Musica, Casa del Teatro, Casa del Cinema, Casa dei Sogni.
In queste Case i ragazzi e i bambini si rifugiano quando piove o quando lo desiderano.
In ogni Casa funzionano: un ristorante mensa, un salone a pianoterra con centinaia di computers programmati per offrire tutte le informazioni sulla materia ospitata nella Casa, dalle origini ai giorni nostri.

Un salone al primo piano, con una magnifica vetrata che dà sul parco, con altrettanti computer nei quali sono esposte le varie teorie sugli sviluppi futuri della materia trattata e sui quali ogni ragazzo può esprimere le proprie idee e dare il proprio contributo alla ricerca.
“Con il denaro che prima si spendeva per pagare gli ispettori scolastici, gli insegnanti, i presidi, i bidelli, i testi scolastici, possiamo nutrire tutti i giorni gratuitamente i nostri ragazzi e rinnovare le attrezzature ogni tre anni.
Non esistono né compiti, né interrogazioni, né diplomi.
I nostri ragazzi imparano, ma non solo attraverso i giochi.
Le conversazioni e le visite nelle varie Case, comunicano loro una serie molto vasta di informazioni.
Ho notato che nessuno fuma. Inserire fumo nei polmoni è altrettanto insensato come mettere nel serbatoio di un’automobile una bottiglia di acqua o di aceto. E qui nessuno ci tiene a compiere azioni prive di senso.

Ma come farò a riferirvi tutte queste importanti conquiste, le prime in questo paese che ha iniziato la sua evoluzione solo da dieci anni?
Sembra proprio che l’essere umano, trovando in sé una diversa dignità, e intorno a sé un rispetto reale per il diritto alla vita, veda svanire una serie di problemi e di crimini che, qui da noi, nel nostro Occidente, vengono ormai vissuti come inevitabili.
“Ma dopo sedici anni di gioco cosa accade a questi ragazzi?”
“Ognuno di loro pratica nel lavoro la maturità che ha raggiunto visitando le varie case, in diverse regioni del nostro Paese. Soprattutto, ovunque si trovi, dopo un contributo di tre ore di lavoro al giorno, viene messo nelle condizioni di avere il necessario per vivere, dunque semplicemente vive.”

È notte fonda, ma la luminosità di ciò che ho visto oggi, insieme al sonno mi riempie gli occhi.

Vi saluto tutti, cari amici, a presto.

TORNA ALL’INDICE DI LETTERE DALLA KIRGHISIA

Comments

comments

LEAVE A REPLY