Giornale di Brescia, dal 1945 il primo quotidiano bresciano

Il Giornale di Brescia, nato nel 1945 come organo del Cnl, è l'unico quotidiano bresciano certificato Ads. Il direttore è Nunzia Vallini

0
Il Giornale di Brescia in un'edizione storica
Il Giornale di Brescia in un'edizione storica

Il Giornale di Brescia (in grafia scorretta sul web anche giornale di Brescia, in gergo anche Gdb) è il principale quotidiano cartaceo per diffusione della provincia di Brescia (il secondo è Bresciaoggi, seguono il dorso locale del Corriere e quello de il Giorno). La sede del giornale è in via Solferino 22 (Brescia).

LA STORIA

Il giornale è uscito per la prima volta nelle edicole il 27 aprile 1945 ed era l’organo del Comitato di liberazione nazionale. Viene stampato in Broletto, nella tipografia che già aveva pubblicato Il Popolo di Brescia e Brescia Repubblicana. Il primo direttore è Gaetano Coeli, ma già il 22 maggio ad assumere l’incarico è Leonzio Foresti. Il suo successore fu Mino Pezzi, nominato il 17 aprile 1949.

Il 15 gennaio 1947, con il lodo siglato fra Vittorio Valletta (amministratore delegato della Fiat), l’on. Lodovico Montini per Brescia e il presidente del Consiglio, Alcide De Gasperi, fu decisa la privatizzazione dell’azienda. Dal maggio 1947 il giornale fu edito dalla società Editoriale Bresciana S.p.A di Roma, controllata oggi tramire Gold Line Spa (società con decine di milioni di euro a riserva) da Fondazione Tovini, Fondazione Folonari e alcune note famiglie imprenditoriali bresciane. Primo presidente dell’Editoriale fu il medico Rizzardo Secchi, padre di Tita, partigiano fiamma verde fucilato dai nazifascisti. Il 28 maggio 1948 gli succedette Antonio Folonari.

Dal 2000 il giornale è stampato nel nuovo centro stampa di Erbusco (Bs), nato dalla collaborazione con l’Eco di Bergamo.

IL GRUPPO EDITORIALE

Il gruppo Editoriale Bresciana comprende oggi, oltre al Giornale di Brescia, diversi media. Negli anni Settanta è nata Radio Classica Bresciama, seguita negli anni Novanta da Radio Bresciasette, Teletutto e Brescia Telenord e BresciaOnline, portale web (mentre l’edizione digitale del Giornale di Brescia risale al 2012). L’avvento del digitale nel mondo televisivo ha determinato un nuovo assetto del network televisivo, che comprende oggi Teletutto, TT2 e TT24.

LA TIRATURA

Il Giornale – l’unico certificato Ads nel Bresciano – secondo i dati audipress del mese di giugno 2017 vende nel giorno medio 28.079 copie cartacee e 1.631 digitali, con 359mila lettori.

LA LINEA EDITORIALE

Il Giornale di Brescia, nato come organo del Cnl, nel tempo ha assunto una linea sempre più istituzionale, manifestando vicinanza alla Diocesi e al mondo dell’imprenditoria cattolica bresciana. Un tratto che ancora oggi lo contraddistingue.

I DIRETTORI DEL GIORNALE DI BRESCIA

Di seguito l’elenco di tutti i direttori del Giornale di Brescia dalla nascita a oggi:

1945-1949 Leonzio Foresti
1949-1954 Mino Pezzi
1954-1960 Alberto Vigna
1960-1977 Vincenzo Cecchini
1977-1980 Ugo Martegani
1980-2005 Gian Battista Lanzani
2005-2015 Giacomo Scanzi
dal 2015 Nunzia Vallini

 

LA PUBBLICITA’

La concessionaria pubblicitaria del quotidiano è Numerica, con sede al numero 22 di via Solferino.

CONTATTI (AGGIORNATI AL MARZO 2017)

 

Giornale di Brescia

Via Solferino, 22
25121 BRESCIA
E-mail: redazione@giornaledibrescia.it
Tel. +39.030.37901 Fax +39.030.292226 Telex 303165

Numerica

Via Solferino, 22
25121 Brescia
Tel. +39.030.37401 Fax +39.030.3772300
Dal lunedì al venerdì: 9:00 – 12:30 | 14:30 – 19:00

Editoriale Bresciana S.p.A.

Via Solferino, 22
25121 BRESCIA
Tel. +39.030.37901 Fax +39.030.3790289
E-mail: info@giornaledibrescia.it
C.F.e P.IVA 00272770173

Fonti dell’articolo: Google, Wikipedia, Giornale di Brescia e altri

Comments

comments

LEAVE A REPLY